SF A2 F8 – Bergamo Basket vs De’ Longhi Treviso: la sala stampa. Le parole di Sandro Dell’Agnello e Massimiliano Menetti

SF A2 F8 – Bergamo Basket vs De’ Longhi Treviso: la sala stampa. Le parole di Sandro Dell’Agnello e Massimiliano Menetti

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

Sandro Dell’Agnello

 

“Voglio ringraziare tantissimo i miei giocatori che mi hanno portato ad un tiro dalla finale. Eravamo già degli intrusi nella Final Eight e lo siamo stati a maggior ragione nella Final Four. Abbiamo perso con una bella rimonta all’ultimo tiro con Treviso che è una squadra sicuramente più attrezzata e più lunga della nostra. Ieri loro hanno giocato 20/22 minuti a testa noi invece qualche giocatore lo abbiamo dovuto tenere anche 35 minuti perchè il roster è completamente diverso. Siamo arrivati all’ultimo tiro con Treviso che ha dovuto far giocare Logan che qui in Italia ha vinto il “triplete”: hanno dovuto farlo giocare 34 minuti per batterci. Purtroppo quando perdi hai perso ma è difficile considerare questa una sconfitta. Siamo molto orgogliosi di quello che abbiamo fatto e devono esserlo i miei giocatori. Io li ringrazio tanto.”

 

Massimiliano Menetti

 

“Prima storica finale di TVB in Coppa Italia. Credo che noi siamo in finale meritatamente perché comunque abbiamo condotto sempre la partita. Siamo anche stati bravi ad interpretare un brogliaccio difensivo un po’ nuovo per noi perché naturalmente su Roderick abbiamo dovuto fare degli aggiustamenti difensivi che ci hanno tolto probabilmente un po’ di energia e un po’ della nostra abitudinale fisicità. Siamo stati bravi a prenderci sempre un po’ di vantaggio siamo stati invece poco bravi a mantenere questo vantaggio perchè anche sul + 14, su quel fallo sul rimbalzo di Alviti un po’ è cambiata l’inerzia della partita. Poi siamo stati bravi a prendere +10 ma abbiamo gestito malissimo gli ultimi 4 possessi e come purtroppo accade sempre e abbiamo fatto un errore madornale sulla rimessa dal fondo dove non abbiamo eseguito quello che dovevamo fare quindi ci siamo un po’ complicati la vita. Rimane che abbiamo fatto una partita tutto sommato solida seppur abbiamo commesso qualche ingenuità. Siamo felici di giocare una bella finale con la Fortitudo era il nostro obiettivo giocare una grande finale. Per domani dobbiamo giocare una partita diversa con un brogliaccio tecnico completamente diverso e con grande coraggio e con il grande orgoglio di essere in finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy