Treviglio all’esame Brescia per continuare a sognare

Treviglio all’esame Brescia per continuare a sognare

Treviglio affronta Brescia nel match delle 14, alla ricerca di una vittoria per continuare la corsa ai playoff.

Mancano ormai tre match al termine della stagione regolare e la corsa ai playoff si sta scaldando sempre di più. Il match delle 14 di domenica ci proporrà uno scontro importantissimo sulla via della post season con la Remer Treviglio che andrà in quel di Brescia per affrontare la Leonessa del coach Diana, scontro che si preannuncia molto complicato per i bergamaschi che sono chiamati a cercare la vittoria per continuare ad alimentare il sogno playoff e riscattare le due sconfitte consecutive contro Bologna e Trieste (93-101 il risultato finale a favore degli ospiti dopo un tempo supplementare) che ne hanno minato il percorso.

Dall’altra parte Brescia è a quota 36 punti in classifica, 4 lunghezze in meno rispetto alle capolista Treviso e Mantova, e viene da una vittoria casalinga contro Recanati (73-66 il punteggio al termine dei 40’ di gioco) conquistata controllando il match dall’inizio alla fine.

Il roster a disposizione di coach Andrea Diana annovera tra le sue fila diversi giocatori di alto livello e alcuni giovani davvero molto interessanti che rendono il collettivo bresciano una truppa completa e decisamente pericolosa in ogni ruolo.

In cabina di regia abbiamo il brevilineo Marco Passera, playmaker classe 1982 cresciuto nelle giovanili della Robur et Fides Varese, vive un inizio di carriera da protagonista in B1 portando Soresina in LegaDue prima di spiccare il volo verso la Serie A con la Pallacanestro Varese, nel 2010-2011 torna in A Dilettanti con Piacenza e a seguire una serie di annate nelle serie minori caratterizzate da diversi problemi fisici (Capo d’Orlando, Imola, Chieti) prima dell’approdo a Brescia nel settembre 2014, 4.1 punti, 1.8 rimbalzi e 2.5 assist di media.

Sugli esterni un giovane talentuoso e un giocatore di categoria superiore: il primo è Mirza Alibegovic, ala piccola classe 1992 alla seconda annata a Brescia, cresciuta nel vivaio della Snaidero Udine con la quale esordisce in LegaDue prima di una stagione in B Dilettanti con la Fortitudo Bologna e una breve carriera che lo ha visto calcare i parquet di Serie A (Pesaro, Brindisi), A2 (Pistoia) e DNA (Mantova), 11.2 punti e 4.3 rimbalzi a partita; al suo fianco lo statunitense David Moss, ala piccola classe 1983 formatosi all’Indiana State University, inizia la sua carriera da professionista in Polonia con il Polpak Świecie prima di giungere in Italia dove, dopo un campionato di LegaDue con l’Aurora Jesi, approda in Serie A prima con Teramo e la Virtus Bologna e poi alla Montepaschi Siena dove conquista ben 3 scudetti prima di infilare il quarto nel corso del biennio all’Olimpia Milano, un giocatore di grande esperienza e che fa dell’intensità agonistica (soprattutto in difesa) una delle sue principali caratteristiche che hanno convinto la Leonessa Brescia a inserirlo nel proprio roster nel corso del mese di Marzo in vista della volata di fine stagione, 15 punti e 7 rimbalzi nella sua prima uscita con la canotta di Brescia.

Sotto canestro coach Diana schiera Damian Hollis, ala grande statunitense classe 1988 che, dopo il quadriennio universitario alla George Washington University, ha disputato tre stagioni in Ungheria con l’Albacomp Kosàrlabda Csapat prima di giungere in Italia nel 2013 dove vive due campionati divisi tra Pallacanestro Biella (LegaDue) e Cantù (Serie A), a Brescia da quest’estate dove sta dando un contributo più che importante come dimostrano i 16.7 punti e 7.4 rimbalzi di media; al suo fianco l’esperienza di Alessandro Cittadini, centro classe 1979 ed ex membro della Nazionale Italiana (in bacheca il bronzo agli Europei di Svezia 2003), capitano della formazione lombarda nonché giocatore con alle spalle una carriera importante che l’ha visto partire dal vivaio della Fortitudo Bologna per poi disputare molte stagioni tra LegaDue (Livorno, Reggio Emilia, Rieti) e Serie A (Fortitudo Bologna, Reggio Calabria, Napoli, Teramo), nel 2007 torna alle origini scendendo con gli emiliani fino in A Dilettanti da dove risale vincendo il campionato di categoria per poi vivere altre tre stagioni in LegaDue (Sant’Antimo, Barcellona Pozzo di Gotto, Veroli) prima dell’approdo a Brescia nel 2014, 9.7 punti e 5.3 rimbalzi a partita.

La panchina lombarda presenta un gruppo di giocatori in grado senza alcun tipo di problema di partire alla palla a due così come di entrare a partita in corso e dare un contributo fondamentale al gioco dei bianco-azzurri: Juan Fernandez, playmaker italoargentino classe 1990 giunto alla seconda stagione a Brescia, un giocatore davvero molto interessante che, dopo il quadriennio universitario alla Temple University, arriva in Italia all’Olimpia Milano che nel corso degli anni l’ha girato in prestito alla stessa Brescia, Dinamo Sassari e Club Atlético Obras Sanitarias de la Naciòn (Argentina) prima che la Leonessa acquisisse definitivamente l’argentino nel 2014, 10.8 punti, 4.4 assist e 2.3 rimbalzi di media; Reginald Holmes, guardia statunitense classe 1987 acquistata dalla Leonessa nel corso del mercato estivo dopo la breve apparizione nella massima serie francese con il Le Mans Sarthe, un giocatore giunto in Italia con alle spalle il quadriennio universitario con Morgan State e una carriera professionistica da giramondo che l’ha visto giocare in Marocco (As de Salè), Stati Uniti (Erie Bayhawks, D-League), Polonia (Kotwica Kolobrzeg), Bulgaria (BC Beroe) e Turchia (FInal Gençlik), 14.1 punti e 3.5 rimbalzi a partita; Franko Bushati, guardia albanese classe 1985 cresciuta nel vivaio della Stella Azzurra Roma con alle spalle una carriera importante che l’ha visto debuttare tra i “grandi” in B Eccellenza con la casacca della Benedetto XIV Cento prima di iniziare un lungo sali-scendi tra LegaDue e A Dilettanti dove ha militato in diverse formazioni (Sassari, Trapani, Veroli, Imola, Brescia, Scafati, Imola), tornato a Brescia quest’estate dopo un campionato all’Andrea Costa Imola, 6.7 punti e 3.3 rimbalzi di media; Davide Bruttini, centro classe 1987 cresciuto nella Fortitudo Bologna e arrivato alla Leonessa nel corso del mercato estivo dopo la promozione in Serie A conquistata con la PMS Torino, un giocatore che vanta una buona stagione nella massima serie con Capo d’Orlando (2007/2008) ma che ha costruito la maggior parte della sua carriera in LegaDue con le canotte di diverse formazioni (Castelletto Ticino, Brindisi, Imola, Veroli, Casale Monferrato, Forlì, Torino), 6.2 punti e 4 rimbalzi a partita; Leonardo Totè, ala/centro classe 1997, un giocatore di grande prospettiva che Brescia ha inserito nel suo roster dopo l’esperienza alla Reyer Venezia  e che già vanta importanti esperienze con le maglie delle Nazionali italiane giovanili, 1.9 punti di media.

Completano il roster della Leonessa: Davide Speronello, guardia/ala piccola classe 1995 giunto a Brescia quest’estate reduce dall’esperienza in Serie C con il Basket Manerbio e con alle spalle una breve carriera che l’ha visto vestire le canotte della Vanoli Cremona e della Bakery Piacenza; Alessio Bolis, playmaker classe 1997 cresciuto nelle giovanili della Leonessa e aggregato alla prima squadra da due stagioni; Gianmarco Dell’Aira, ala piccola classe 1995 formatosi nel vivaio dei lombardi.

All’andata grande prova dei trevigliesi che sul parquet del PalaFacchetti sconfissero la Leonessa (93-87 il punteggio finale) al termine di una partita combattutissima e in equilibrio sino agli ultimi 4’ del quarto quarto quando la Remer riuscì a piazzare un parziale di 10-0 che risultò decisivo ai fini della vittoria biancoblu, match ricordiamo segnato pesantemente dal malore occorso a un tifoso trevigliese in tribuna.

 

Arbitri dell’incontro: Federico Brindisi di Torino (TO), Christian Borgo di Dueville (VI), Luca Maffei di Preganziol (TV)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy