Treviglio sfida Treviso per la quarta vittoria consecutiva

Treviglio sfida Treviso per la quarta vittoria consecutiva

Commenta per primo!

Dopo la grande vittoria di domenica scorsa al PalaFacchetti contro la capolista Brescia (93-87 il risultato finale dopo 40’ di gioco), la Remer Treviglio sbarca al Palaverde di Treviso per cercare di chiudere bene il 2015 centrando la quarta vittoria consecutiva contro una squadra per niente semplice come la De’Longhi. I ragazzi di Vertemati sono caricati a mille dopo le ottime prestazioni offerte nel mese di dicembre in cui hanno conquistato gli scalpi importanti di Bologna, Trieste e Brescia e allo stesso tempo vorranno dedicare una vittoria importante al loro tifoso Gian Mario Vailati, deceduto lunedì scorso dopo che un malore l’aveva colto sugli spalti del PalaFacchetti proprio nelle battute finali del match di domenica.

Dall’altra parte i ragazzi di coach Pillastrini nell’ultimo turno di campionato sono riusciti a riscattare le due sconfitte consecutive contro Legnano e Verona conquistando una vittoria casalinga molto sofferta contro la Dinamica Mantova (91-87 il risultato finale), ottenuta dopo ben tre tempi supplementari e con la De’ Longhi capace di riprendersi dall’8-21 del primo quarto e rimanere alle costole degli avversari per tutti i tempi regolamentari per poi spuntarla solamente negli ultimi secondi di gioco (MVP Fantinelli con 25 punti, fondamentale dalla panchina Malbasa).

Nel match di domenica saranno due i giocatori trevigiani in dubbio a causa di alcuni problemi fisici che li avevano tenuti fuori anche contro Mantova, ovvero Marshawn Powell (ala grande statunitense classe 1990 al secondo campionato con la De’ Longhi) e l’ex di giornata Augustin Fabi (ala piccola italo-argentina classe 1991, alla Co.Mark Treviglio nel 2011-2012).

In cabina di regia coach Pillastrini schiera Matteo Fantinelli, playmaker classe 1993 uscito dal vivaio della Virtus Bologna, società che l’ha fatto esordire in Serie A e mandato in prestito a Faenza e alla Dinamica Mantova per fare esperienza, giunto alla seconda stagione a Treviso dopo un’ottima annata a Recanati, tra i giocatori più pericolosi dei veneti con 10.2 punti, 5.8 rimbalzi e 6.2 assist a partita.

Sugli esterni il giovane Paolo Busetto, guardia classe 1996 cresciuta nelle giovanili dei trevigiani e che spesso coach Pillastrini schiera in quintetto; al suo fianco lo statunitense Ty Abbott, guardia classe 1988 tesserata dai veneti a inizio Dicembre per sostituire Corbett dopo aver iniziato la stagione con la Proger Chieti, approdato in Europa nel 2012 dopo il quadriennio ad Arizona State per vestire la canotta del Bc Kalev Tallin (Estonia) per due stagioni e giunto in Italia l’anno scorso quando iniziò l’annata con Forlì prima di trasferirsi dopo poche partite in Turchia all’Eskisehir, 9.7 punti e 4.3 rimbalzi di media.

Sotto canestro Tommaso Rinaldi, centro classe 1985 anch’esso alla seconda stagione a Treviso, giocatore cresciuto nelle giovanili del Basket Rimini con cui gioca nella prima parte di carriera tra il 2001 e il 2009 (con due intermezzi in B1 con il Gira Ozzano), a seguire diverse esperienze sempre in LegaDue (Reyer Venezia, Udine, Ostuni, Veroli, Brescia) e l’arrivo alla De’ Longhi, 7.3 punti e 4.5 rimbalzi a partita; al suo fianco Andrea Ancellotti, centro classe 1988 arrivato a Treviso dalla Proger Chieti nel corso del mercato estivo, un giocatore di ottime potenzialità cresciuto nel vivaio di Reggio Emilia dal quale era partito per vivere una prima esperienza in DNA con Santarcangelo e tre annate con la Torrevento Nord Barese, 6.4 punti e 6.4 rimbalzi di media.

La panchina a disposizione di coach Pillastrini presenta dei giocatori dal potenziale davvero interessante, su tutti l’ ala piccola classe 1991 Matteo Negri, un altro dei confermati di quest’estate dopo l’ottima scorsa stagione, giovane uscito dalle giovanili della Virtus Bologna dove è tornato nel 2013/2014 vestendo la canotta bianconera in Serie A, in mezzo tre annate in prestito in DNA (Gira Ozzano, Trento, Lucca), 8.1 punti e 3.5 rimbalzi a partita. Completano la panchina trevigiana: Davide Moretti, playmaker classe 1998, figlio del coach di Varese ed ex giocatore Paolo, cresciuto nelle giovanili di Pistoia con la quale l’anno scorso si è laureato Campione d’Italia Under 17 prima di trasferirsi a Treviso quest’estate, 6.3 punti, 2.3 rimbalzi e 2.1 assist di media; Dorde Malbasa, ala piccola croata classe 1995 uscita dal vivaio dei veneti, 1.8 punti in poco più di 5’ a partita; Lorenzo De Zardo, ala piccola classe 1999, uno dei prospetti più interessanti del basket italiano che Treviso ha acquisito quest’estate dal vivaio della SMG Basket School Latina.

Treviglio dovrà cercare di sfruttare l’ottimo momento di forma mentale e fisica per andare a cercare due punti importantissimi che le permetterebbero di salire ulteriormente in classifica e di chiudere alla grandissima questo 2015. Scoppiettante sarà il duello in cabina di regia tra Marino e Fantinelli, per Treviglio sarà molto importante sfruttare la quasi certa assenza delle ali titolari dei veneti con l’atletismo e la foga agonistica di un Tomàs Kyzlink sempre più decisivo e vincere il duello sotto canestro con la coppia Rossi-Sorokas sempre più affiatata e un Matteo Chillo che sta vivendo un mese di dicembre scintillante.

 

Arbitri dell’incontro: Enrico Bartoli di Trieste (TS), Marco Pierantozzi di Brescia (BS) e Alessio Dionisi di Fabriano (AN)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy