Treviglio sfida Trieste per continuare a vincere

Treviglio sfida Trieste per continuare a vincere

Commenta per primo!

Dopo il grande successo dell’ultimo turno contro la Fortitudo Bologna, la Remer Treviglio di coach Vertemati si appresta a planare sulla città della Bora dove domenica affronterà la Pallacanestro Trieste di coach Dalmasson, anch’essa reduce da un turno di campionato positivo.

Trieste viene da una vittoria molto importante, ovvero quella ottenuta domenica sul parquet di Ravenna (58-61 il risultato finale) dove gli uomini di Dalmasson hanno conquistato la prima vittoria in trasferta della stagione al termine di un match che i biancorossi sono stati abili nel condurre dall’inizio e a portare a casa nel corpo a corpo degli ultimi possessi.

Questo risultato permette ai triestini di posizionarsi a quota 10 punti in classifica (5 vittorie, 6 sconfitte), appena 2 lunghezze più su rispetto alla Remer che domenica si troverà ad affrontare un roster talentuoso con alcune individualità davvero interessanti.

In cabina di regia coach Dalmasson schiera l’esperto Roberto Prandin, guardia classe 1986 alla seconda stagione a Trieste, cresciuto nel vivaio della Reyer Venezia e con alle spalle una carriera costellata di esperienze importanti tra LegaDue (Venezia, Udine), A Dilettanti (Venezia, Fidenza, Ozzano, Casalpusterlengo) e DNB (Treviso Basket) prima di accasarsi in Friuli-Venezia Giulia all’inizio dello scorso campionato, 5.1 punti e 1.5 assist di media.

Sugli esterni il giovane Andrea Coronica, guardia/ala piccola classe 1993 cresciuto nel vivaio dei biancorossi e alla terza stagione tra le fila della prima squadra, 3.8 punti e 3.1 rimbalzi a partita; al suo fianco il Nazionale bulgaro Hristo Zahariev, ala piccola classe 1990, cresciuto nel vivaio del Levski Sofia e con alle spalle anche qualche apparizione nella massima serie italiana (Fortitudo Bologna, Varese), ha costruito la maggior parte della sua carriera nella Serie A bulgara dove ha giocato fino all’anno scorso e dove ha conquistato due campionati nelle ultime due stagioni con il Levski Sofia e l’Academic Sofia, porta il suo contributo alla causa biancorossa con 11.3 punti, 4.5 rimbalzi e 1.9 assist di media.

Sotto canestro lo statunitense Jordan Parks, ala piccola classe 1994 approdata a Trieste quest’estate dopo un biennio universitario a North Carolina Central dove ha mostrato le sue grandi qualità difensive (abilità che gli sono valse anche un titolo di “Defensive Player of the Week”), tra i più pericolosi del roster a disposizione di coach Dalmasson con 13.9 punti e 7.5 rimbalzi a partita; insieme a lui Aristide Landi, ala grande classe 1994 cresciuta nella Virtus Bologna, società che l’ha fatto esordire in Serie A nel 2012-2013 prima di due stagioni in prestito tra Fortitudo Bologna (DNB) e Dinamica Mantova (LegaDue Gold), a Trieste da quest’estate dove sta dando il suo contributo con 6.5 punti e 4.4 rimbalzi di media.

Pronto a entrare sul parquet a partita in corso un gruppo di giocatori molto interessanti capitanati dal veterano Andrea Pecile, playmaker classe 1980 cresciuto nelle giovanili del Don Bosco Trieste e di Gorizia, un giocatore esperto e con alle spalle diverse stagioni tra Serie A (Pesaro, Siena, Avellino, Capo d’Orlando), LegaDue (Gorizia, Ragusa, Rimini, Jesi, Fortitudo Bologna) e campionato spagnolo (Granada, Siviglia, Breogàn), dopo una carriera da girovago è tornato nella sua città d’origine nel corso del mercato estivo e sta mettendo la sua esperienza al servizio della squadra con 12.3 punti e 2.7 assist a partita, oltre a una buona mira dalla lunga distanza (1.5/3.5, 44%); insieme a lui un altro giocatore da tenere d’occhio è Stefano Bossi, playmaker classe 1994 cresciuto nel vivaio dell’Azzurra Basket Trieste prima di due stagioni a Udine con la Snaidero (LegaDue) e la GSA (DNB), a seguire qualche apparizione con l’Aquila Basket Trento e due annate alla Pallacanestro Trapani prima che la società siciliana lo girasse in prestito a Trieste, 8.4 punti, 4.1 rimbalzi e 1.8 assist di media, MVP dell’ultima vittoria contro Ravenna con una doppia doppia da 14 punti e 13 rimbalzi.

Completano il roster biancorosso: Matteo Canavesi, ala grande classe 1986 uscita dal vivaio della Robur Varese, un giocatore che ha vissuto buona parte della sua carriera alla Sutor Montegranaro con esperienze in prestito in LegaDue (Imola, Pistoia, Ferrara, Fortitudo Bologna), nelle ultime stagioni ha fatto fatica a trovare una collocazione stabile accasandosi perlopiù nelle serie minori (Latina, Montegranaro) prima di giungere a Trieste nel corso del mercato estivo, 5.4 punti e 2.3 rimbalzi a partita; Lorenzo Baldasso, guardia classe 1995 cresciuta nelle giovanili della PMS Torino, società con la quale ha disputato due stagioni tra DNA e LegaDue Gold prima della scorsa annata alla Bawer Matera e l’approdo a Trieste quest’estate, 3.4 punti e 1.6 rimbalzi di media; Vincenzo Pipitone, centro classe 1994, cresciuto nella Reyer Venezia come il compagno Prandin e reduce dalla sua prima stagione a pieno titolo tra i professionisti con la Mobyt Ferrara, 3.5 punti e 2.8 rimbalzi a partita.

Dall’altra parte Treviglio vuole cavalcare l’entusiasmo e le conferme che ha scaturito la grande vittoria contro Bologna (81-65 lo score a favore dei biancoblu), un match che ha visto una formazione convincente, dura in difesa e con un pizzico di fortuna in più al tiro rispetto alle ultime uscite, con un Matteo Chillo in grandissimo spolvero contro la sua casa madre ben coadiuvato da tutto il resto della squadra.

Questo entusiasmo dovrà essere il carburante per andare a caccia di una vittoria che sarebbe davvero molto importante per la classifica dei trevigliesi che potrebbero così dare una scossa considerevole alla propria stagione agganciando una diretta avversaria, una Trieste che presenta individualità importanti e soprattutto giocatori in uscita dalla panchina capaci di rivoluzionare il gioco dei biancorossi (vedi le prestazioni di Bossi e Pecile nell’ultimo turno contro Ravenna).

 

Arbitri dell’incontro: Gianluca Gagliardi di Anagni (FR), Alex D’Amato di Roma (RM) e Alessio Sansone di Aprilia (LT)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy