Treviso a Imola per la fuga solitaria

Treviso a Imola per la fuga solitaria

Domani, infatti, la De’ Longhi andrà a far visita all’Andrea Costa Imola, proprio quella squadra che aveva inflitto il primo K.O. stagionale alla truppa ci coach Pillastrini, tra l’altro sul parquet di casa del Palaverde.

Commenta per primo!

Nemmeno il tempo di rifiatare e gustarsi la vittoria che ha regalato a Treviso il primato in solitaria, che è già tempo di ritornare in campo per il turno infrasettimanale. Domani, infatti, la De’ Longhi andrà a far visita all’Andrea Costa Imola, proprio quella squadra che aveva inflitto il primo K.O. stagionale alla truppa ci coach Pillastrini, tra l’altro sul parquet di casa del Palaverde.

Il morale nello spogliatoio trevigiano è decisamente alto, come rivela l’allenatore ferrarese, complice anche il filotto di sei vittorie consecutive che rispecchia passo passo il cammino del girone d’andata e il rischio è quello di non resettare dopo la bella vittoria dell’ultimo turno ai danni di Brescia, davanti agli oltre cinquemila del Palaverde. A fare da contrappeso all’entusiasmo del momento ci pensa, come sempre ormai da inizio stagione, l’infermeria: con ogni probabilità Powell non sarà della partita in quanto necessita ancora di qualche giorno di convalescenza, Rinaldi, pur avendo giocato domenica, è ancora alle prese con un problema al polpaccio e si spera di recuperarlo sempre più per il match di mercoledì, infine c’è Ancellotti che nonostante una distorsione alla caviglia rimediata ancora contro Jesi sembra quello in condizioni migliori tra i lunghi. Quindi una Treviso che dovrà fare di necessità virtù, con Ancellotti e Rinaldi a stringere i denti e Malbasa e Fabi spostati sotto canestro. Capitan Fabi sembra essere definitivamente tornato ai suoi livelli di forma preinfortunio e la De Longhi avrà bisogno di tutta il suo estro e della leadership del suo faro Matteo Fantinelli per portare a casa due punti che, anche a rotazione completa, sono tutt’altro che una passeggiata.

L’Andrea Costa, pur a ranghi compatti e potendo contare quindi su tutto il roster a disposizione, non sta attraversando un momento felice avendo rimediato due sconfitte negli ultimi due turni di campionato, prima contro Roseto per 74 a 78 in una partita dal finale punto a punto, poi contro Ravenna per 96 a 84 nell’ultima giornata.

Coach Ticchi può contare su quello che, a detta di tutti, è l’americano più forte del campionato, cioè Karvel Anderson che sta attraversando un momento di forma straordinario: in questa prima parte di girone di ritorno sta viaggiando a 21 punti di media e nelle ultime due addirittura a 30 (con un picco di 45 nella sconfitta contro Roseto). A fargli da spalla troviamo l’altro USA Leonard Washington, un’ala grande dall’andamento un po’ altalenante che produce 11.3 punti e 8.2 rimbalzi di media, anche lui sembra aver trovato la sua dimensione definitiva in questo girone di ritorno in cui, se escludiamo la partita contro Roseto in cui ha fatto un bello zero, viaggia a 14 punti  e 7 rimbalzi per gara. Completano il quintetto il centro di 212 centimetri Michele Maggioli (9 punti e 4.7 rimbalzi), l’ala piccola Norman Hassan (9.5 punti e 2.2 rimbalzi) e il giovane playmaker Gherardo Sabatini (6.5 punti 3.3 rimbalzi e 2 assist). A guidare la panchina c’è il capitano Patricio Prato, ala piccola dalla grande esperienza che produce 11 punti di media con il 33% dall’arco, il “fratellino d’arte” Francesco De Nicolao con 4.1 punti 3 rimbalzi e 2.4 assist ad allacciata di scarpe e l’esperto lungo Francesco Amoni (5.7 punti e 3.2 rimbalzi).

“All’andata siamo stati dei polli – ha dichiarato il paymaker di Treviso, Matteo Fantinelli – quindi dobbiamo prepararla davvero bene”. In quella partita Treviso aveva condotto per venti minuti in maniera egregia andando anche sul +19, ma tutto ciò non era bastato a scalfire la durezza mentale degli uomini di Ticchi che, dopo aver pareggiato al termine della terza frazione, riuscirono ad espugnare il Palaverde col risultato finale di 63 a 70.

COSI’ NELL’ULTIMO MATCH:

ORASI’ RAVENNA – ANDREA COSTA IMOLA 96-84 (20-21, 55-50, 73-62)

Andrea Costa Imola: Washington 18 (6/11 1/1), Amoni 16 (2/3 4/5),Anderson 15 (0/2 4/9), Maggioli 12 (5/7), Prato 10 (1/5 2/6), De Nicolao 6 (3/7),Sgorbati 3 (1/1 da 3), Hassan 2 (1/2 0/4), Sabatini 2 (1/2 0/1), Folli n.e.,Cain.e.

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – CENTRALE DEL LATTE BRESCIA 93-87 (29-21, 44-38, 61-51, 75-75)

De’ Longhi Treviso: Abbott 23 (4/9 4/6), Fantinelli 19 (5/6 2/4), Fabi 15 (3/6 2/6), Ancellotti 15 (7/8), Negri 12 (4/8 0/2), Rinaldi 4 (2/4 0/1), Malbasa 3 (1/2), Moretti 2 (0/1), De Zardo n.e., Busetton.e., Spessotton.e., Palù n.e.

COSI’ ALL’ANDATA:

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – ANDREA COSTA IMOLA 63-70 (25-12, 40-24, 51-51)

De Longhi Treviso: Negri 13 (3/6 0/1), Corbett 11 (4/5 1/7), Ancellotti 10 (3/7 1/2), Fabi 9 (1/4 2/3), Powell 8 (4/7), Fantinelli 5 (1/4 1/1), Rinaldi 5 (1/3 1/1), Moretti 2 (1/4 0/4), Malbasa (0/1), De Zardo n.e., Busetton.e.

Andrea Costa Imola: Anderson 18 (2/6 4/11), Prato 14 (4/8 1/3), Maggioli 8 (4/7 0/1), Preti 7 (3/3 0/1), Washington 6 (2/5 0/1), Hassan 6 (0/1 2/7), Amoni 4 (2/3 0/2), De Nicolao 4 (1/3), Sabatini 2 (1/2 0/1), Sgorbati 1, Cain.e.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy