Treviso a Trieste per un derby fondamentale

Treviso a Trieste per un derby fondamentale

Archiviata la settimana da “Tourmalet” con due risultati utili su tre e la ciliegina data dalla vittoria contro una rivale storica quale la Fortitudo Bologna, ora la De’ Longhi è attesa da Trieste per una trasferta molto più insidiosa di quanto dica il nono posto dei padroni di casa.

Commenta per primo!

Archiviata la settimana da “Tourmalet” con due risultati utili su tre e la ciliegina data dalla vittoria contro una rivale storica quale la Fortitudo Bologna, ora la De’ Longhi è attesa da Trieste per una trasferta molto più insidiosa di quanto dica il nono posto dei padroni di casa.

Il trittico Brescia – Imola – Fortitudo, al di là dei punti in classifica non è passato in maniera indolore e molti trevigiani sono arrivati a domenica solo grazie alle cure dello staff medico: Fantinelli e Negri erano tutt’altro che al cento per cento avendo rimediato ad Imola qualche duro colpo, Ancellotti, come da lui stesso ammesso, ha le caviglie ballerine e il problema al polpaccio non vuole più abbandonare Rinaldi. Tuttavia, per quanto riguarda i due esterni non c’è stata cura migliore del riposo e della ripresa del normale ritmo di allenamento, mentre per i due lunghi la convalescenza era già avviata. Coach Pillastrini potrà quindi contare su una squadra al completo e molto vicina al massimo della forma, e questo può solo che rincuorarlo perché Trieste è un’altra squadra che si basa molto sull’aggressività difensiva e mette molta pressione sulla palla, cosa che, notoriamente, la squadra trevigiana soffre molto avendo un gioco basato in gran parte sulla velocità esaltata dalla regia di Fantinelli.

Anche Trieste nelle tre partite ravvicinate esce con 4 punti in più in classifica, sui sei a disposizione, perdendo soltanto, inaspettatamente contro Matera, fanalino di coda del girone, proiettandosi così nella lotta playoff con Treviglio e Bologna, a due soli punti dal duo Verona – Ravenna.

La svolta definitiva della stagione biancorossa porta il nome di Roberto Nelson, guardia americana ex-Brescia subentrata a HristoZahariev, che ha innalzato il livello di gioco triestino, dal suo arrivo infatti i giuliani hanno un record di 4 vittorie e 2 sconfitte rimediate contro Imola, sorpresa di questa stagione, e come detto prima contro Matera, da notare che entrambe sono giunte in trasferta. Il prodotto di Oregon State fa segnare 10.2 punti, 3.6 rimbalzi e 4.6 assist ad allacciata di scarpe.

A completare il quintetto di coach Dalmasson troviamo il veterano Andrea Pecile che produce 10.5 PPG e 3.3 APG, il giovane Stefano Bossi (7.5 punti e 3.2 rimbalzi), l’ala statunitense classe ’94 Jordan Parks principale terminale offensivo con 16.1 punti  e 9.1 rimbalzi di media, infine sotto canestro troviamo il lungo, anche lui classe ’94, Aristide Landi con un fatturato di 8.9 punti e 4.5 rimbalzi, ma soprattutto il 38% da oltre l’arco. Dalla panchine, invece, si alzano giovani prospetti quali la guardia ex-Matera Lorenzo Baldasso (6.8 punti col 38% da 3 punti), il centro Vincenzo Pipitone (2.9 punti e 2.7 rimbalzi) e il capitano Andrea Coronica (3 punti e 3.1 rimbalzi), accompagnati dalla chioccia ed ex di turno Roberto Prandin (6.5 punti).

All’andata, tra le mura del Palaverde, Trieste si era mostrata spavalda conducendo con margine per tutta la prima metà di gara, per farsi poi raggiungere e superare nel seconda metà del terzo periodo, fino alla vittoria finale della De’ Longhi, più esperta e coesa, per 69 a 55. In quel match per i biancoblu si erano messi in mostra i due lunghi Powell e Ancellotti e capitan Fabi, tutti e tre con 14 punti, che  il centro reggiano ha accompagnato con 11 rimbalzi. Per Trieste, oltre all’esperta regia di Pecile con giocate che non vengono evidenziate dalle statistiche, ci fu una buona prestazione di Zahariev con 18 punti e il 40% da tre.

COSI’ NELL’ULTIMO TURNO

BONDI FERRARA – PALLACANESTRO TRIESTE 74-83 (23-17, 38-34, 56-64)

Pallacanestro Trieste: Parks 33 (11/16, 2/2), Nelson 22 (4/6, 2/3), Prandin 10 (3/4, 0/4), Pecile 7 (1/3, 1/4), Bossi 6 (0/1, 2/6), Landi 5 (1/3, 1/3), Baldasso, Pipitone, Canavesi,Coronica,Gobbato.

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – FORTITUDO BOLOGNA 62-55

De’ Longhi Treviso: Powell 16 (8/11, 0/1), Ancellotti 12 (6/8, 0/1), Abbott 6 (1/4, 1/6), Moretti 8 (1/1, 1/3), Rinaldi 7 (2/5), , AgustinFabi 5 (1/7, 1/3), Negri 4 (2/2, 0/3),Fantinelli 2 (1/3, 0/1), Malbasa 2, De Zardo N.E., Busetto N.E., Spessotto N.E.

COSI’ ALL’ANDATA

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – PALLACANESTRO TRIESTE 69-55 (13-16, 28-36, 54-45)

De’ Longhi Treviso: ), Powell 14 (4/8, 1/3), Ancellotti 14 (6/10), Fabi 14 (1/1, 2/3), Corbett 11 (2/4, 2/5), Fantinelli 8 (3/6, 0/2), Rinaldi 5 (1/7, 1/1), Negri 3 (1/3, 0/1), Malbasa, Busetto, Legnaro N.E., De Zardo N.E., Spessotto N.E.

Pallacanestro Trieste: Zahariev 18 (4/8, 2/5),Parks 8 (4/14, 0/1), Prandin 8 (2/4, 1/2),Baldasso 5 (1/4, 1/1), Pecile 4 (2/5, 0/3), Landi 4 (2/3, 0/2), Canavesi 4 (2/5, 0/1), Bossi 2 (1/1, 0/2), Coronica 2, Pipitone,  Gobbato N.E., Ferraro N.E.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy