Treviso conquista il torneo di Caorle, anche Venezia è battuta

Treviso conquista il torneo di Caorle, anche Venezia è battuta

Commenta per primo!

UMANA REYER VENEZIA – DE’ LONGHI TREVISO BASKET 75-83

VENEZIA: Peric 17 (3/5 3/7), Goss 16 (3/4 2/4), Jackson 16 (2/3 4/7), Owens 12 (6/10), Bramos 10 (1/3 2/5), Ruzzier 4 (1/1), Antelli, Tonut, Visconti, Green, Ress, Simioni.

TREVISO: Powell 31 (10/16 2/3), Corbett 16 (1/5 4/7), Ancellotti 14 (7/8), Moretti 9 (0/2 2/2), Fantinelli 6 (3/7 0/1), Rinaldi 4 (2/5 0/1), Busetto 3 (01/ 1/2), De Zardo.

NOTE: pq 24-13, sq 33-34, tq 55-58. Tiri liberi: Venezia 10/14 Treviso 10/15. Rimbalzi: Venezia 4+21 (Peric 3+6) Treviso 10+26 (Ancellotti 2+8). Assist: Venezia 12 (Peric e Green a 4) Treviso 17 (Fantinelli 5). Espulsione per Goss per doppio fallo tecnico 34’35” (55-56).

Treviso , dopo la bella vittoria di ieri sullo Zalgiris, affronta per la seconda volta in settimana la Reyer. Alla lista dei giocatori ai box si aggiunge capitan Fabi (oltre a Negri e Vadi), fermo in via precauzionale dopo aver accusato un fastidio al polpaccio nella partita di ieri sera.

Treviso tiene bene il campo nella prima metà di gara e nel secondo quarto con un parziale di 21 a 9 trova anche il vantaggio. Il terzo periodo è tutto targato Marshawn Powell che segna ben 18 dei 24 punti trevigiani, coraggiosa ma ben remunerata la scelta di Pillastrini di lasciarlo in campo dopo il terzo fallo. Nel secondo tempo Treviso continua sull’onda dell’entusiasmo con ottime percentuali sia da 3 (53%) che da 2 (51%) e raggiunge una più che meritata vittoria contro una prestigiosa avversaria quale è la Reyer Venezia. La chicca finale è l’incoronazione di Marshawn Powell a MVP del torneo con i 31 punti finali di oggi dopo i 19 di ieri.

Primo quarto: si parte con la palla a due, per Treviso in campo Fantinelli, Corbett, De Zardo, Powell e Ancellotti, Venezia con Goss, Green, Bramos, Owens e Peric. Partono forte i lagunari con i loro uomini di esperienza, Peric e Goss, è proprio quest’ultimo a segnare il primo canestro del match, e Venezia va sull’8 a 2 dopo 3 minuti e mezzo. Goss continua il suo monologo, ma Treviso risponde con un parziale di 8 punti tutti firmati Ancellotti, che in attacco si fa valere sotto canestro, 10-12 a 2’50” dal termine del periodo. Moretti entra per far rifiatare Fantinelli e da freddo infila subito una tripla, dall’altra parte risponde il solito Goss e il risultato è di 13 a 19 per Venezia con un minuto da giocare. Il quarto si conclude con una palla persa della De’ Longhi su una rimessa, che costringe Moretti a spendere un fallo sulla penetrazione di Ruzzier, 2/2 dalla lunetta per lui e risultato fissato sul 13 a 24 Reyer.

Secondo quarto: Treviso decide di affidare il suo attacco a Powell, sono suoi i primi quattro punti Trevigiani, che permettono alla formazione di Pillastrini di arrivare a -7 dopo 3 minuti di gioco (19-26). Dopo il time out chiesto dal coach trevigiano, la De’ Longhi decide di esplorare il post basso di Fantinelli su Goss. Il miss match si rivela favorevole a Treviso che piazza un parziale di 4 a 0 che costringe Recalcati a chiamare un time out per riorganizzare le idee dei suoi (24-31, 4’30”). Trevigiani che fanno partire la rimonta prima con una tripla del rietrato Corbett, poi a 1’30” dal termine c’è spazio per lo spettacolo: corre bene la De’ Longhi in contro piede con Fantinelli che sfoga tutto il suo estro con un dietroschiena per Powell e Treviso che va -2 sul 31 a 33. La De’ Longhi non si ferma più e il primo vantaggio per la squadra della Marca a 10 secondi dal termine è firmato dal solito Corbett che infila un’altra tripla importantissima (33-34). In chiusura di primo tempo una palla rubata dall’aggressiva difesa biancoazzurra non si concretizza con la tripla dell’ex guardia del Torun che si spegne sul primo ferro. Risultato quindi di 33 a 34 per Treviso.

Terzo quarto: il rientro dalla pausa lunga vede in campo per i trevigiani Fantinelli, De Zardo, Corbett, Powell e Rinaldi, mentre Venezia schiera Goss, Jackson, Green, Peric e Owens. Treviso prova a mescolare le carte con una zona 2-3, ma subito arriva una brutta tegola perché Powell commette il suo terzo fallo dopo un solo minuto di gioco, e risultato di 34 pari dopo 1/2 di Peric dai liberi. Quarto che procede punto a punto con Powell nettamente il migliore in campo nonostante i tre falli a referto, tutti suoi i punti di Treviso nella ripresa, mentre dall’altra parte gli rispondono Peric e Goss. A metà terzo quarto regna quindi l’equilibrio a quota 44. A interrompere la striscia di Powell è Busetto con una bella tripla dell’angolo che frena il mini allungo della Reyer andata sul +4. Ma è solo una piccola parentesi nella super prestazione di Powell che riprende da dove aveva lasciato con una schiacciata in contropiede su assist di Moretti (51-52 a 2’ dalla terza sirena). Quarto che si conclude con l’espulsione di Goss (doppio tecnico per proteste) a 25” dalla pausa, ma la De’ Longhi non capitalizza i liberi a disposizione e risultato è 58 a 55 per il +3 trevigiano.

Ultimo quarto:  Powell riparte da dove aveva lasciato e si trascina dietro Ancellotti, l’inizio del periodo è tutto sotto la loro insegna, per il 67 a 61 Treviso dopo tre minuti. Dopo il primo allungo della De’ Longhi la Reyer si fa sotto con Peric e Bramos, arrivando a -2 sul 72 a 70 a 4:30 dalla conclusione.  A 2:05 dall’ultima sirena Treviso trova il suo massimo vantaggio (+9, 81-72) con un bello svitamento di Rinaldi a centro area, seguito da un 2/2 di Moretti dalla lunetta. Reyer che senza il suo capitano sembra aver perso la bussola e il match si conclude con una stappata “pallavolistica” di Ancellotti su Peric. Il risultato finale è di 83 a 75 per la De’ Longhi Treviso Basket che si aggiudica la 9° edizione del Torneo Internazionale Città di Caorle.

GLI ALTRI MATCH DEL GIORNO

ZALGIRIS KAUNAS  – HAPOEL GERUSALEMME 68 – 56

ZALGIRIS: Pocius 17 (3/5 3/4), Hanlan 12 (3/10 1/1), Motum 12 (6/9 0/2), Valinskas 7 (2/2 1/2), Miniotas 5 (1/1 1/2), Varnas 5 (1/2 1/1), Sajus 4 (1/3), Ulanovas 4 (1/3), Vougioukas 2 (0/3), Zemaitis (0/1), Birutis.

HAPOEL: Gates 16 (8/12), Smith 12 (6/8 0/2), Duncan 11 (3/7 1/5), Timor 8 (0/1 2/3), Rawland 4 (1/6 0/2), Gaffney 2 (1/4 0/1), Menco 2 (1/3 0/1), Mayor.

NOTE: pq 19-14, sq 30-29, tq 50-39. Tiri liberi: Kaunas 11/12 Jerusalem 7/14. Rimbalzi: Kaunas 6+30 (Motum 6 diff.) Jerusalem 8+20 (Duncan 1+5). Assist: Kaunas 11 (Varnas 3) Jerusalem 11 (Smith 3).

OLIMPIA LUBIANA  – ALBA BERLINO 74 – 78

LUBIANA: Lesic 23 (5/7 3/4), Zagorac 12 (4/5 da 3), Wright 9 (2/4 1/1), Nikolic 8 (3/4, 0/1), Rupnik 7 (1/1 0/1), Hrovat 4 (2/3), Zakis 4 (1/3), Lapornik 3 (0/2 da 3), Mahkovic 2 (0/4 0/1), Vucetic 2 (1/2), Cancar.

ALBA BERLINO: Kikanovic 19 (8/13), Watt 16 (6/8), Cherry 13 (1/5 2/4), Taylor 10 (2/6 2/4), Akpinar 7 (1/5 1/1), Aska 7 (2/5), Giffey 2 (1/4 0/2), King 2 (0/1 0/3), Vargas 2, Liyanage, Bottermann.

NOTE: pq 20-25, sq 43-43, tq 60-59. Tiri liberi: Olimpjia 20/26 Alba 21/27. Rimbalzi: Olimpjia 6+23 (Nikolic 3+2) Alba 17+17 (Aska 5+2). Assist: Olimpjia 9 (Wright 4) Alba 11 (Aska3). Fallo antisportivo Aska 19’39”. Uscito con 5 falli Vucetic 36’11” (69-68).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy