Treviso ospita Jesi: le parole di Pillastrini

Treviso ospita Jesi: le parole di Pillastrini

Commenta per primo!

 

Coach Pillatrini, parla così in vista dell’anticipo di Sabato: “Ci aspetta un’altra partita molto delicata, il fatto di essere soli in testa ci rende un bersaglio riconoscibile, ci sarà da oggi in poi un po’ di pressione in più su di noi e un po’ meno sugli avversari che potranno provare a fare la partita della vita giocando leggeri contro la capolista. Aver vinto fuori tre partite non deve darci false sicurezze, da questo punto di vista anche altri tipo Verona e Mantova hanno pagato perdendo in casa a sorpresa, quindi con Jesi che viene tra l’altro da due successi sarà proprio un match difficile.”

Lo scorso anno 9 vittorie in fila in avvio, quest’anno già a 4, c’è una programmazione in queste partenze lanciatissime? “Storicamente è una cosa che capita alle mie squadre: partenza forte all’inizio, un calo nella parte centrale della stagione, e alla fine stagione di nuovo bene, ma sinceramente non so perchè, non è una cosa programmata ma mi è successa spesso e l’anno scorso è andata proprio così. Ogni tanto ho pensato anche ai perchè, ma non trovo grandi spiegazioni, comunque va bene così!”

Jesi viene da due vittorie, avversaria pericolosa al Palaverde:  “Abbiamo di fronte una squadra con tre forti attaccanti forti tra gli esterni, c’è un numero 4 atipico come Hunter che gioca soprattutto fronte a canestro, e aspettano la crescita dei giovani, oltre al progressivo rientro di Janelidze. E’ abbastanza chiaro viste le statistiche da dove verranno i pericoli, ma bisognerà guardarci da tutti, i loro giovani sono in rampa di lancio e da match così può venire fuori la partita della vita di qualcuno, me l’aspetto e dovremo essere pronti. Ma noi non dobbiamo guardare ai tatticismi, il nostro piano gara è semplice: difesa sugli uno contro uno , correre quando possiamo e costruire tiri semplici a difesa schierata, passandoci la palla e tenendo alto il ritmo. Questo è il nostro credo e ci consente di crescere di squadra e come singoli.”

Agustin Fabi, il capitano, analizza così il match casalingo: “Jesi è in forma, è una squadra con tanti giocatori che fanno canestro specie tra gli esterni, dobbiamo cercare di non farli entrare in ritmo e che non prendano fiducia, ma al Palaverde con l’aiuto dei nostri splendidi tifosi sarà più facile. Finora abbiamo dimostrato maturità vincendo tre gare fuori casa, quindi mentalmente siamo a posto e penso che adesso giocando nel nostro Palaverde vorremo continuare su questa strada positiva, ma dovremo essere sempre concentrati perchè ogni partita in questo campionato nasconde insidie e pericoli.”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy