Triangolare al PalaSassi, Matera vincente in scioltezza su Viola e Agropoli

Triangolare al PalaSassi, Matera vincente in scioltezza su Viola e Agropoli

Commenta per primo!

Al Palasassi va in scena un triangolare amichevole che vede impegnata la Bawer Matera, padrone di casa, Agropoli, formazione di DNB, e la Viola Reggio Calabria dell’ex Ponticiello, e avversaria in campionato del Matera. Un test indicativo per testare gli ultimi dettagli messi a punto dai rispettivi allenatore prima dell’inizio dei campionati, che vedranno aperti i sipari dalla prossima settimana.

All’Agropoli e alla Viola il privilegio di aprire le danze. Ciccio Ponticiello schiera in campo Bell, Sabbatino, Ammannato, Sorrentino e Kirkland, rispondono i campani con Romano, Serino, Spinelli, Pongelli e Marulli. Piccolo siparietto a inizio match: il primo minuto si gioca con un piacevole sottofondo musicale, gli addetti si erano completamente dimenticati di interrompere la riproduzione della musica! Il primo dei due tempi vede l’Agropoli partire subito forte grazie alla tripla di Marulli e alle giocate di Serino, con la Viola che stenta invece a decollare. Ponticello poi carica i suoi e i calabresi riescono ad agguantare il pareggio e portarsi addirittura in vantaggio trainati da uno stravolgente Kirkland e dagli esperti Caprari e Sorrentino autori entrambi di una tripla. Il primo quarto va avanti punto a punto. Ottimi sprazzi di partita e tanta brillantezza con le squadre che si danno battaglia anche oltre i 6.25, e a beneficiarne e’ indubbiamente lo spettacolo. Nell’ultimo minuto del primo quarto Coach Paternoster fa entrare in campo il materanissimo Renato Buono fra l’ovazione del pubblico presente. Il play si mette subito in mostra con due ottime giocate e un tiro libero messo a segno. Conclusione di quarto di marca agropolitana. Il tabellone e’ fissato sul punteggio di 20-13 in favore dell’Agropoli. Il secondo mini-time sembra l’esatta fotocopia del primo. La Viola spreca troppo, Bell sbaglia due vote a canestro e i campani approfittano con un ottimo gioco in velocita’ e cambi di palla impressionanti. Buono ancora in campo impressiona per le sue grandi doti tecniche, sia in palleggio che a tiro, erigendosi a sorpresa trascinatore dei suoi. I calabresi sembrano poco concentrati, spreconi e davvero per nulla pericolosi. Poi la strigliata di Ponticello riaccende la luce in casa Viola. Il duo Bell-Ammannato riporta sotto Reggio, che continua la sua cavalcata fino a riacciuffare il pareggio all’insegna del tandem Bell-Sorrentino. A un possesso dal termine il punteggio e’ in perfetta parita’. La partita che sembrava essersi decisa anzitempo regala emozioni proprio nel finale. Bell realizza due tiri liberi, Paternoster chiama time out a 18” dal termine. Marulli fa ½ dalla lunetta, commettendo poi fallo. Coach Ponticello chiama nuovamente time out per programmare l’attacco del k.o. Agropoli spende subito un ulteriore fallo e Sabbatino non perdona dalla lunetta 2/2 e 100% di media realizzativa dai tiri liberi. I campani chiamano un ultimo, disperato time out, al rientro romano mette una bomba a 2” dal termine. Punteggio ancora in parita’, partita bellissima. Emozioni che solo uno sport come il basket puo’ regalarci a 2” dal termine. Per la Viola dalla lunetta Sorrentino sbaglia entrambi i liberi a pochi decimi dal termine. Il match si conclude in parita’. 41-41, un punto per parte.

AGROPOLI: Buono 3, Romano 9, Serino 14, Pongetti 2, Marulli 10, Palma 3, Spinelli, Cacace, Guarino, Cuozzo.

VIOLA REGGIO CALABRIA: Bell 9, Caprari 7, Sabbatino 4, Kirkland 6, Azzaro 5, Ammannato 5, Sorrentino 5.

Nel secondo match in campo i padroni di casa e ancora una volta la Viola di Ciccio Ponticiello. Un assaggio di campionato a una settimana dal via. Reggio Calabria schiera lo stesso quintetto iniziale, la Bawer risponde con Cantone, Maganza, Rezzano e i due americani Jones e Austin. Assente di lusso nelle fila della Bawer e’ Iannuzzi, out per un risentimento al polpaccio. A rompere il ghiaccio, favorito da un errore di Cantone, e’ Ammannato, risponde subito la Bawer con la giocata da 3 punti canestro e tiro da parte di Austin e il canestro incredibilmente facile di Maganza, favorito da una difesa troppo facile da superare. La Bawer continua a fare il bello e il cattivo tempo, Cantone realizza una tripla, la Viola parte ancora malissimo e le urla di Coach PonticIello superano abbondantemente il volume della musica-time out. 8-2 il punteggio in avvio. Ma per i calabresi e’ davvero buio pesto. La Bawer continua a macinare gioco e surclassare gli avversari che incassano canestri da ogni parte del campo. Ponticiello e’ davvero nero, nerissimo. Primo tempo a senso unico, Bawer padrona del campo, 22-6. Per i calabresi a canestro Bell, Ammannato e Sorrentino, ma e’ davvero troppo sterile il gioco della Viola. Solo Matera anche alla ripresa delle ostilita’. Gioco spumeggiante da parte dei biancoazzurri, basket di pregevolissima fattura, la Viola si inabissa sempre di piu, immersa dalle continue triple di Rezzano, Cantone e Jones, ma questo test amichevole contro ogni aspettativa sembra davvero essere per nulla indicativo. La Viola accenna un piccolo ma innocuo risveglio mandando alla meta comunque due belle giocate di Sabbatino e Ammannato. Poi la Bawer riprende a correre verso il canestro e incrementare il proprio vantaggio con i tiri messi a segno di Vico, Bolletta e Maganza. Il match si conclude sul risultato di 38-16. La Viola conclude il torneo con una magra figura.

BAWER MATERA: Vico 3, Rezzano 8, Austin 8, Jones 6, Maganza 2, Bolletta 2, Toscano 2, Cantone 5, Stano.

VIOLA REGGIO CALABRIA: Bell 4, Caprari 3, Sabbatino 2, Ammannato 4, Sorrentino 3.

Il terzo ed ultimo match vede in campo la Bawer Matera e l’Agropoli. Benedetto e Paternoster mandano in campo gli stessi 5 del match d’esordio. Partita decisiva che decidera’ la vincitrice del triangolare. Al momento la situazione in classifica dice: Bawer al comando con 2 punti, Viola 1 a pari punti con l’Agropoli che pero’ deve disputare ancora il secondo match. Palla a due in favore della Bawer, Maganza si prende subito fallo ma dalla lunetta sbaglia entrambi i tiri. Ci pensa Max Rezzano a rompere il ghiaccio con un canestro da sotto, seguito da Vico che tutto solo fa 3 punti dai 6.25. L’Agropoli non si lascia intimorire, ottimo l’atteggiamento dei campani, Serin fa 2 punti da fuori, ma la Bawer va in scioltezza e comincia a dilagare con il primo vero fuoco d’artificio di giornata ad opera di Rezzano che concretizza con una tripla in sospensione un’azione spettacolare sin dal principio. Sabbatini dall’altra parte fa 2/2 ma ad ogni punto dell’Agropoli la Bawer ne realizza il doppio, una vera e propria dimostrazione di forza e supremazia. Austin ispiratissimo e’ il primo ad andare in doppia cifra ed esalta il pubblico con due triple consecutive. Il quarto si conclude sul punteggio di 30-9. In avvio di secondo quarto l’Agropoli realizza un mini break di 5 punti con Buono e Palma. Risponde Austin portando a casa un canestro e tiro vincente. Il parziale va avanti senza emozioni sulla stessa falsa riga. Bawer travolgente, Agropoli coraggioso, ma non puo’ che arrendersi al roster biancoazzurro. Il match termina. Da sottolineare anche l’esordio stagionale dell’under materano Stano nelle fila biancoazzurre. E per il pubblico locale ha fatto un certo effetto vedere i due amici materani Buono e Stano uno contro l’altro. Il match termina 45-25, la Bawer trionfa nel triangolare.

BAWER MATERA: Vico 3, Rezzano 8, Austin 13, Jones 4, Maganza 4, Bolletta 8, Toscano 2, Cantone 2.

AGROPOLI: Buono 2, Romano 1, Serino 11.

Fotogallery a cura di Roberto Linzalone

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy