Viola-Moncada: le precisazioni sponda Agrigento

Viola-Moncada: le precisazioni sponda Agrigento

Commenta per primo!

La partita tra la Viola RC e la Fortitudo Moncada Agrigento si giocherà al “Pianeta Viola” di Reggio Calabria. E’ quanto comunicato dalla società calabrese in una nota. L’indisponibilità del PalaBotteghelle è dovuta a problemi strutturali sollevati dal Comune di Reggio Calabria, che ha scritto alla società neroarancio dicendo che era praticamente impossibile disputare la seconda gara di campionato al Botteghelle. Da qui la ricerca di un nuovo campo e la corrispondenza tra le due società.

Ma le notizie circolate nelle ultime ore riguardo la partita, e – in particolare – le notizie secondo cui la società siciliana avrebbe rifiutato o, come scritto in un giornale, avrebbe espresso la perentoria ed irrevocabile decisione di disputare l’incontro domenica pomeriggio (esprimendo “mancanza di delicatezza”, si legge), richiedono – nel rispetto della verità dei fatti – un chiarimento.

“La Viola – spiega il direttore sportivo della Fortitudo, Cristian Mayer – non ha mai proposto il 24 ottobre come data alternativa, come d’altra parte dimostrabile dalla corrispondenza telematica tra la nostra società e quella calabrese. Ha bensì proposto il 6 o 7 novembre, giorni che seguivano di appena poche ore due trasferte consecutive della nostra squadra. Leggiamo di essere indicati come “mancanti di delicatezza” per non aver assecondato le scelte della Viola, ma sinceramente sembra di più questa una mancanza di delicatezza. Al di là di tutto, visto che nessun altro campo della zona era – a dire della società neroarancio – disponibile, abbiamo chiesto alla Federazione l’inversione dei campi, rifiutataci dallo stesso organo federale. La Viola RC ci ha quindi chiesto di formulare delle date a noi comode. Visto e considerato che la lettera del Comune precisava che il campo non poteva essere agibile per tutta la settimana, noi Fortitudo abbiamo proposto le date del 15 e 16 ottobre, per cercare di evitare ulteriori disagi alla società. Il tutto contornato dalla telefonata con il general manager, Sergio Zumbo, a seguito della quale comunicavo che in caso di mancato accordo, avremmo rimesso nelle mani della Fip la decisione. Non ricevendo alcuna risposta circa la proposta di giocare il 15 o il 16 ottobre, la Fip – mantenendo la data della gara – ha indicato il Centro Modena Viola come sede per lo svolgimento della gara, campo in cui si allenano quotidianamente i giocatori della Viola. Questa situazione fornisce alla Viola il vantaggio del fattore campo e svantaggi ai tifosi agrigentini, che in questo modo non potranno assistere alla gara. Mi sembra quindi che la disponibilità da parte nostra non sia mai mancata. Anzi, abbiamo cercato di venire in contro alle esigenze della Viola, per poi sentirci accusare di non aver avuto delicatezza. Spieghino loro, quindi, ai tifosi della Viola il perché non hanno accettato le altre date da noi proposte”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy