A2 Playoff, Ottavi G1: In un PalaMangano esplosivo vince la Fortitudo, Agropoli lotta fino all’ultimo

A2 Playoff, Ottavi G1: In un PalaMangano esplosivo vince la Fortitudo, Agropoli lotta fino all’ultimo

Vince Bologna 67 a 72, ma le espulsioni di Roderick , Italiano e Daniels sono il segno di una serie che si è dimostrata subito calda, a tratti caldissima, e passerà dalle mani del Giudice Sportivo.

Commenta per primo!

Giocare in trasferta dopo un’imperiosa regular season non è il massimo per Agropoli: al PalaMangano di Scafati, i cilentani hanno affrontato la Fortitudo di Bologna, come sempre seguita dalla Fossa. Cornice festante di pubblico, 1500 circa gli spettatori del PalaMangano. I quintetti – Agropoli parte in quintetto con Santolamazza play,Di Prampero,Bolpin (reduce dalla finale scudetto persa con la sua Reyer Venezia contro Cantù) Roderick e Trasolini con Johnathan Tavernari indisponibile di lungo corso e Carenza non al top ma comunque nei dieci. Bologna di Coach Boniciolli risponde con Flowers e Daniels,Amoroso,Candi e Montano.

Bcc Agropoli-Eternedile Bologna 67-72 (14-14,14-25,21-17,18-16)

Agropoli:Santolamazza (k) 12,Bolpin,Trasolini 12,Di Prampero 9,Roderick 19,Romeo 9,Spizzichini 6,Stano,Carenza,De Paoli,Bovo,Guaccio ne.All A. Paternoster, Ass. D’Elia e Marzullo

Bologna:Daniels 6,Candi 9,Montano,Amoroso 9,Flowers 19,Rovatti ne,Quaglia 2,Campogrande,Sorrentino 1,Raucci 13,Carraretto 7,Italiano 6.All M.Boniciolli Assistenti R.Lopez e F.Politi

Arbitri:Enrico Bartoli di Trieste,Alberto Maria Scrima di Catanzaro e Marco Vita di Ancona.

Il gioco di Agropoli parte forte con l’entrata di Roderick. Di Prampero, poco dopo insacca una bella tripla: il primo centro per Bologna arriva da una mega schiacciata di Daniels. La fase è di studio ed è ricca di errori: il giovane Candi stoppa in maniera pulita e sontuosa l’americano Roderick. Poco dopo, Roderick si riscatta, e schiaccia imperiosamente ad una mano(8-2). Coach Boniciolli chiama Time-Out, alza la difesa con Flowers incollato su Roderick ma lo showtime totale orchestrato da Coach Paternoster continua: che spettacolo l’alley-oop tra l’americano e Marc Trasolini(10-4). La Fortitudo non riesce ad arginare l’esuberanza dei padroni di casa e si affida all’esperienza di Sorrentino e Carraretto:due triple del giovane Candi(14-12) riaprono la gara. Il super parziale delle Effe si concretizza con il pareggio di Nazzareno Italiano.

Nel secondo periodo, lo staff tecnico delle Effe le prova tutte per arginare la corsa dei campani: Italiano commette troppo presto il terzo fallo. Gli ospiti,però attaccano molto meglio. Agropoli è imprecisa e la Fortitudo vola avanti di tre lunghezze provocando il primo time-out di Coach Paternoster. I campani firmano il controsorpasso:Raucci rimanda avanti Bologna un attimo dopo. Il controsorpasso della Bcc arriva ma,poco dopo, le Effe allungano ancora con una tripla(la terza) del ’97 Candi(24-28). Agropoli chiama un altro Time Out ma le Effe sono scatenate:il vantaggio cresce fino al più otto. Sorrentino a 2.25 dal termine del periodo, s’invola in contropiede e sbaglia clamorosamente da sotto: sulla ricaduta subisce il terzo fallo di Roderick, una nuova nota dolente per i locali. Il secondo quarto “orribile” di Agropoli diventa un corri e tira con conseguente tiro sbagliato: la Fortitudo gioca con razionalità raggiungendo il più undici(28-39) risultato che manda le squadre negli spogliatoi per l’intervallo lungo. Il 2 su 15 al tiro da tre pesa tantissimo nel totale del punteggio di Agropoli.

Nel terzo quarto, la musica non cambia: Agropoli ci prova ma Bologna gioca con grinta e sagacia tattica raggiungendo anche il più tredici. Una tripla di Di Prampero,due di Roderick ed un gioco da tre punti di Santolamazza riporta inaspettatamente in gara la compagine campana:46 a 52. Ancora Santolamazza realizza i due liberi del meno quattro:la partita cresce d’intensità e nel miglior momento di Agropoli ne succedono di tutti i colori. Tre fischi non arrivati, uno sfondamento di Italiano sanzionato ed il nervosismo che continua ed ha come protagonisti l’americano Roderick ed Italiano, entrambi esplusi per un testa contro testa troppo “hot”. A 2.27 dal termine del terzo quarto, giocare anche senza Roderick(unito alle pesantissime assenza già citate), per la compagine locale è assolutamente impensabile: pesa tantissimo anche l’assenza di Italiano, ma il peso specifico tra le due defaillances è imparagonabile. Sulla giocata successiva, il fallo in attacco sanzionato a Trasolini fa esplodere il PalaMangano. Agropoli subisce il colpo e chiude il terzo periodo sotto di sette punti.(49 a 56)

Nell’ultimo periodo, la Fortitudo può soltanto vincere complici le ridotte condizioni degli avversari: Flowers rimanda i suoi sul più nove. Il giovane Romeo fa respirare la Bcc con una tripla ma Flowers replica con una giocata speculare subito dopo. A sei minuti, Agropoli non è ancora morta: Spizzichini(fischiatissimo dal suo ex pubblico del Bologna) si sblocca dalla lunga, Di Prampero con coraggio spedisce gli stoici ragazzi di Antonio Paternoster sul meno sei. Il Coach chiede l’aiuto del pubblico:Romeo ha l’occasione di portare Agropoli sul meno tre ma “spara a salve”. Carraretto,invece, risponde con esperienza e da grande Capitano rispedisce le Effe sul più nove(57 a 66). In un amen, grazie alla difesa press, Agropoli riapre nuovamente la sfida arrivando sul meno cinque a 3.58 dal termine. Sul 68 a 61 ne succedono ancora di tutti i colori: Ed Daniels viene espulso dall’Arbitro Scrima per un colpo a palla lontana:l’americano uscirà tra i fischi del pubblico del PalaMangano con tanto di “gestaccio” finale. Senza Daniels, ne approfitta Trasolini che manda Agropoli ancora sul meno quattro a 2.48. Agropoli recupera il pallone ma non riesce a concretizzare: Flowers segna da due, Trasolini risponde da tre, la gara sale d’intensità e livello con la Bcc che ritorna sul meno tre(67-70). Santolamazza sbaglia la tripla del pareggio ad un minuto dalla fine. La Fortitudo sbaglia per due volte il colpo del k.o., Agropoli sbaglia con Trasolini, ancora da tre. L’epilogo passa dalle mani di Raucci che subisce fallo e realizza un tiro libero fondamentale per la sicurezza della Fortitudo a sette secondi dal termine.Vince Bologna 67 a 72. La serie si è dimostrata subito calda, a tratti caldissima e passerà dalle mani del Giudice Sportivo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy