A2 Playoff, Ottavi G2 – Mayo, Portannese e Spizzichini salvano Scafati, serve un overtime per piegare Verona

Stavolta non bastano i tempi regolamentari, per avere ragione di una Verona che si impone ancora sul piano del ritmo. Scafati però ci mette il cuore di Spizzichini, unito al talento redivivo di Mayo e quello purissimo di Portannese per piegare una Scaligera che PalaOlimpia venderà cara la pelle.

Stavolta non bastano i tempi regolamentari, per avere ragione di una Verona che si impone ancora sul piano del ritmo. Scafati però ci mette il cuore di Spizzichini, unito al talento redivivo di Mayo e quello purissimo di Portannese per piegare una Scaligera che PalaOlimpia venderà cara la pelle.

GIVOVA SCAFATI – TEZENIS VERONA 79-76 d1ts

PARZIALI: 22-17; 13-14; 13-16; 18-19; 13-10

SCAFATI: Portannese 15, Di Palma ne, Crow 5, Spizzichini 10, Rezzano 2, Melillo ne, Baldassarre 3, Ammannato 2, Mayo 14, Simmons 15, Loschi 12. All.: Perdichizzi.

VERONA: Bernardi ne, Saccaggi 15, Ricci 3, Petronio ne, Cortese 3, Corral 4, Michelori 14, Da Ros 2, Rice 14, Miller 13, Spanghero 6. All.: Crespi.

Neanche il tempo di pensare a quello che è successo due giorni fa che è già di scena al PalaMangano gara 2 tra la Givova Scafati e la Scaligera Basket Verona. Coach Perdichizzi cambia un solo uomo rispetto al quintetto di gara 1 inserendo Crow al posto di Loschi forse per motivare l’ala nativa di Treviso; dunque Spizzichini, Portannese, Crow, Baldassarre e Simmons. Coach Crespi inizia invece con Miller, Rice, Cortese, Da Ros & Michelori. Parte subito bene Scafati con un 5-0 firmato dai lunghi titolari, ma Verona si fa subito sentire con Rice e Cortese. Simmons però è immarcabile e Scafati lo cavalca fino al +8 (16-8) ma Verona non si lascia mettere sotto e reagisce con Miller e Saccaggi uscito dalla panchina. Loschi però è on fire e piazza 3 bombe in fila uscendo dalla panchina e prova ad allungare il vantaggio scafatese, ma i viaggianti trovano punti importanti da Rice e Saccaggi riaccorciando fino a -5. Il primo periodo finisce con il punteggio di 22-17 per i padroni di casa. Inizio secondo quarto ancora incandescente per Loschi e Saccaggi che fanno botta e risposta da 3 punti prima di uno spettacolare tap-in di Spizzichini (27-20). Coach Crespi chiama time-out e i suoi piazzano un 5-0 firmato dall’asse Da Ros-Spanghero che costringe Perdichizzi al contro time-out. Scafati allunga di nuovo sul +8 però qualche fischio dubbio aiuta Verona a risalire fino al -4 che vale il punteggio dell’intervallo lungo (35-31). Nel terzo quarto Scafati non segna praticamente mai nei primi cinque minuti e Verona trova canestri importanti con un super Saccaggi e il solito Miller. Perdichizzi trova risorse importante ancora dagli italiani e nonostante si sia fatta superare nel quarto riesce a tenere la testa avanti. Il terzo periodo finisce con il punteggio di 48-47 per i padroni di casa. Il quarto periodo è una vera battaglia psicologica con i padroni di casa che provano a scappare con Mayo e Crow, ma Verona si affida ancora a Saccaggi e agli americani e mette la testa avanti (60-61). Nel finale Scafati trova il pareggio con un canestro di Simmons, ma i viaggianti si portano sul +2 (64-66) a 30 secondi dalla fine. Scafati attacca ma gestisce male, Michelori cattura il rimbalzo e lancia avanti verso Miller un pallone assurdo che però esce fuori e dunque è rimessa Scafati a 8 secondi dal termine. Time-out Perdichizzi e Portannese subisce fallo da 3 punti. La tensione è alle stelle e la guardia siciliana fa 2/3 e dunque è OVERTIME sul punteggio di 66-66. Nell’overtime è ancora Verona a tenere la testa avanti con Scafati che non trova punti nei primi tre minuti. Sul 69-72 Mayo trova la tripla del campione per il pareggio. Scafati poi si porta a distanza di sicurezza grazie ad un 3/4 di un super Spizzichini, ma le emozioni non sono finite. Infatti Cortese subisce fallo su tiro da 3 punti a 9 secondi dalla fine ed ha la possibilità di pareggiare, ma con un 2/3 rende vana la chance di Verona di prendersi il fattore campo. Scafati è avanti 2-0 nella serie che sabato si sposta a Verona per gara 3. Gli uomini del Patron Longobardi ha dunque il primo Match point per accedere ai quarti di finale.

MVP Basketinside: Gabriele Spizzichini. Sarebbe facile oggi premiare un americano o gli italiani che solitamente segnano di più, ma la partita di Spizzichini dimostra quanto un giocatore di sistema possa essere decisivo in tutte le voci statistiche e freddo nel momento clou con un 3/4 ai liberi decisivo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy