A2 Playoff, QF G2 – Mantova la spunta con le unghie e con i denti, Agrigento torna in Sicilia sull’1-1

La tripla di Ferguson, la risposta di Evangelisti, è ancora tutto nelle mani di Kelvin Martin, che stavolta però sbaglia. Mantova pareggia la serie, al PalaBam si chiude sull’1-1.

Commenta per primo!

Stavolta l’eroe è in casa Mantova. Ferguson si prende la Dinamica sulle spalle e con cinque punti negli ultimi due minuti, firma prima l’aggancio poi il vantaggio decisivo. Martin, come in gara 1, si ritrova con il pallone della vittoria, ma questa volta la sua conclusione non va a segno, decretando l’1-1 nella serie.

A 48 ore dal canestro decisivo a due secondi dalla fine di Kelvin Martin che ha deciso gara 1 in favore di Agrigento, la Moncada e la Dinamica Generale Mantova tornano in campo per il secondo atto degli ottavi di finale. Parte subito bene la Dinamica che infila i primi due canestri dell’incontro firmati Ike Udanoh e Ndoja. Dopo un minuto Agrigento decide di entrare in partita e pareggia subito il conto. Da qui si apre una fase di equilibrio che durerà fino alla fine dell’incontro. Evangelisti e Martin sono in grande serata e segnano praticamente da ogni posizione anche con le mani in faccia degli avversari. Agrigento scappa sul +4, ma nel finale viene ripresa da Mantova per il 15-15 con cui si conclude il primo periodo.

Nel secondo quarto è ancora Mantova ad aprire i giochi con tre liberi di Gandini e Udanoh, prima che Agrigento metta un break di 11-3 che le permette di passare sul +8. Timeout di Martelossi e la Dinamica torna a segnare ancora con Udanoh e Moraschini e torna a -2. Coi due punti di Martin segnati allo scadere dei 24” Agrigento è sul +2 a pochi secondi dalla fine prima che la bomba sulla sirena di Moraschini porti avanti Mantova per il 32-31 con cui si conclude il primo tempo.

La ripresa è un botta e risposta con Mantova che in attacco le prova tutte, ma la difesa di Agrigento resiste. Dall’altra parte Evangelisti mette triple impossibili con la Moncada che va sul +6 (34-40 al 24’). Mantova reagisce ma Agrigento sembra irresistibile e vola sul +9. Dopo un paio di difese con cui la Dinamica costringe gli uomini di Ciani ad esaurire i 24 secondi più volte (saranno 7 volte in totale nel corso della partita), il palazzetto virgiliano e la squadra riprendono voce e coraggio. Gergati trova il piazzato del -4, poi Ferguson con 5 punti nell’ultimo minuto perfeziona il recupero degli Stings che fermano il tabellone al 30’ sul 49-49.

I decibel del PalaBam si alzano per l’ultimo quarto e così fa l’intensità difensiva di Mantova che subisce comunque il canestro da tre di Martin dopo quasi due minuti di zero punti da una parte e dell’altra. Udanoh riprende Agrigento che però va in fuga sul +7 a 4’ dal termine. La tripla di Gergati ridà fiducia agli Stings che pochi secondi dopo trovano i 4 punti di Udanoh e Ferguson che riaprono del tutto i giochi. L’ex Biella è scatenato e segna ancora, prima due punti in layup e poi la bomba del sorpasso definitivo che fa esplodere tutto il PalaBam. Nell’ultimo minuto Gergati sbaglia la tripla che può chiudere la partita, ma Agrigento non ne approfitta incartandosi nell’ultima azione della gara. Finisce 63-62.

Mantova quindi porta la serie con Agrigento a gara 4. Prossimi appuntamenti venerdì e domenica al PalaMoncada alle 20,30.

DINAMICA GENERALE MANTOVA – MONCADA AGRIGENTO 63-62

PARZIALI: 15-15; 32-31; 49-49

MANTOVA: Ferguson 16, Ndoja 6, Alviti ne, Fumagalli ne, Moraschini 9, Di Bella 5, Gandini 4, Amici 2, Battistini ne, Gergati 6, Udanoh 15. All.: Martelossi.

AGRIGENTO: Mortellaro 2, Mascolo, Vai, Evangelisti 20, De Laurentiis 6, Saccaggi 3, Martin 18, Morciano ne, Visentin ne, Piazza 1, Eatherthon 17. All.: Ciani.

Fotogallery a cura di Marco Brondi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy