A2 Playoff, QF G2 – Riscatto Treviso, Ferentino crolla nel terzo quarto

A2 Playoff, QF G2 – Riscatto Treviso, Ferentino crolla nel terzo quarto

Treviso trova il riscatto dopo la sconfitta maturata negli ultimi due minuti di gara 1. Ora la serie si sposta al PonteGrande, dova la FMC potrebbe chiudere la serie.

Commenta per primo!

DE’ LONGHI TREVISO – FMC FERENTINO 69-56

PARZIALI: 22-14, (14-23) 36-37, (19-8) 55-45.

TREVISO: Abbott, Moretti 8, Fantinelli 18, Powell 17, Ancellotti 8, De Zardo NE, Malbasa NE, Fabi 2, Busetto NE, Gatto NE, Rinaldi 6, Negri 10. All.: Pillastrini.

FERENTINO: Gigli 9, Raspino 3, Imbrò, Bowers 12, Raymond 17, Bulleri 9, Galuppi NE, Benevelli, Datuowei NE, Carnovali 5, Benvenuti 1. All.: Ansaloni.

Treviso cerca il riscatto dopo la sconfitta maturata negli ultimi due minuti di gara 1. Nessuna defezione rispetto al precedente scontro: ci si aspetta una reazione d’orgoglio da parte dei trevigiani, in gara per 38 minuti e scioltisi nel finale del match di domenica scorsa.

1° quarto: Parte col piglio giusto Treviso: Powell attacca Raymond in velocità, Fantinelli gioca a due con Ancellotti per by-passare la difesa di Gigli. Aggressiva anche in difesa, la DeLonghi concede due punti a Ferentino con liberi di Gigli. Altri quattro punti trevigiani: altro bel gioco Fantinelli-Ancellotti e bel passaggio dietro la schiena di Fabi per Powell che schiaccia (8-2 a 7’30”). Assordanti i fischi del Palaverde su i possessi di Ferentino che comunque trova il canestro con Bowers e col classico sottomano di Gigli. Per Treviso punti da Powell e Ancellotti con aiuto del tabellone. Botta e risposta Bowers- Fabi per il 14-8. Allunga Fantinelli di prepotenza in entrata su Imbrò e con medesima soluzione su bel recupero difensivo di Abbott. Ansaloni chiama time-out sul 18-8 a 3’09”. DeLonghi asfissiante su Raymond, decisa a non farlo entrare in ritmo che però si prende i primi punti dall’arco. Entra anche Rinaldi che si esibisce subito in un gancione d’altri tempi ai danni di Gigli. Pillastrini butta nella mischia Moretti e Malbasa col risultato che Ferentino incappa subito in una infrazione dei 24”. Pronto il riscatto ospite con un triplone da metà campo di Raspino col quale si chiude il quarto: 22-14.

2° quarto: Primi unti di Gigli su mancata fischiata della terna arbitrale che ignora un fallo evidente su Powell. Ferentino accorcia ancora con Carnovali. Treviso risponde con un 2+1 di Negri. L’immortale Bulleri riporta a -5 gli ospiti (25-20). Serve ancora l’apporto di Negri alla DeLonghi per allungare. Incerti gli arbitri. Rinaldi innesca nuovamente Powell, alla sua seconda schiacciata al volo. L’arbitraggio all’inglese concede secondi extrapossessi agli ospiti che puniscono ancora con Bulleri per due volte di fila (29-24 a 5’22”). Un morbido appoggio di Fantinelli muove lo score dei veneti. Riappare Raymond, ovviamente con una tripla, imitato subito dopo dal meno elegante Carnovali. Sul 31-30 Pillastrini chiama il minuto di sospensione. La DeLonghi incappa in numerosi errori al tiro, ne approfitta quindi Ferentino per siglare il sorpasso, effimero grazie a Rinaldi che impatta a quota 33. Punticino di Negri per Treviso, clinic di basket di Raymond su Abbott per il nuovo sorpasso ospite. Due liberi di Powell riportano avanti la DeLonghi. Il canestro di Bowers segna il finale di quarto 36-37. Powell 12, Raymond 11.

3° quarto: Apre le danze Raymond dopo un minuto di errori sparsi. Powell risponde con la bomba di tabella, ma anche Gigli decide di partecipare alla sagra del tiro da tre (39-41). Sull’ennesimo errore di Fabi, coregge Ancellotti in schiacciata. Medesima sorte subisce la palla tirata da Fantinelli e gestita da Powell. E’ Bowers a riportare avanti Ferentino 43-44. Risponde caparbio Fantinelli. Nel frattempo peggiora la qualità della terna in grigio, ormai ai limiti della decenza tra sviste e errori grossolani che incendiano il palazzo e inducono al fallo tecnico per proteste i trevigiani. Moretti mette tutti a tacere con la tripla del 48-44. Vergognosa la condotta arbitrale che nega anche l’interferenza a canestro su contropiede di Fantinelli. Lo stesso play trevigiano si prende ciò che gli spetta con un lob sulla sirena dei 24”. La stoppata di Negri e la tripla di Moretti danno linfa alla DeLonghi che allunga fino al +11  (55-44). Un libero di Raymond sancisce il risultato finale del periodo: 55-45.

4°quarto: Primo canestro di Fantinelli su errore di Rinaldi. Perentoria la replica di Bowers dall’arco. Il liberi di Negri riportano Treviso a +11. Ancora Negri cerca il fallo nel pitturato e lo trova per mano di Raymond, il suo terzo. Gioco che si fa sempre più duro, arbitri del tutto incapaci a gestire la pressione. Punteggio che si muove a cronometro fermo: un punto per Benvenuti, due per Ancellotti (61-49 a 6’). L’ennesima fesseria arbitrale risveglia Raymond che porta a -9 i suoi con 4’30” da giocare. Trance agonistica di Fantinelli che si mette in proprio per il suo sedicesimo punto. Giro e tiro di Rinaldi per il + 13, subito ridotto a + 10 dalla classica tripla frontale di Bulleri. Un raffazzonato attacco trevigiano consente a Gigli di scappare in contropiede e trovare un punto ai liberi. Nell’area ospite viene autorizzata la mattanza. Per non dare troppo nell’occhio gli arbitri sono costretti a fischiare qualche fallo contro gli ospiti e Treviso può quindi allungare. I liberi di Negri portano a +13 la DeLonghi (69-56 a 1’27”). Non si segna più e il finale non cambia: 69-56. Fantinelli 18, Powell e Raymond 17.

Primo quarto rabbioso per la Treviso, entrata in campo con evidente voglia di rivalsa: eloquenti i sette assist smazzati in 10 minuti. Il secondo quarto vede il lento e inesorabile lavoro ai fianchi degli ospiti che si concretizza col sorpasso a 3’ dal termine con la ineluttabile tripla di Raymond. Treviso tira col 50% (ma con 0/7 da tre), meglio fa Ferentino con quasi il 52%. Terzo quarto che di tecnico ha ben poco a causa, siamo costretti a dirlo, dell’inadeguatezza della terna arbitrale che trasforma la partita in una rissa di strada con regole mutevoli e presspochistiche. Treviso tiene botta senza riuscire ad allungare con decisione, se non negli ultimi due minuti dove i trevigiani trovano buone difese e decenti attacchi. Le medie del quarto di Ferentino precipitano, ne giova la statistica “rimbalzi “di Treviso (32-19) nonché la valutazione che dice 75-31. Ultimo quarto autoritario da parte di Treviso che appare più fresca e determinata, trascinata da un carico Fantinelli e da un positivissimo Negri, degno sostituto di un impalpabile –e purtroppo non è una novità- Fabi. Per Ferentino si salvano i due americani e gli ex “trevigiani”; ancora non pervenuto (-6 di valutazione) Imbrò, ben imbrigliato dalla difesa di casa. Valutazione complessiva che non lascia spazio alle interpretazioni: 93-34.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy