A2 SF G4: Fortitudo tutta cuore e difesa. E’ finale!

I biancoblù, trascinati da Montano, autore di 14 punti, e da una grande difesa chiudono sul 3-1 la serie contro Treviso e agguantano la finale dove affronteranno la vincente tra Scafati e Brescia che si giocheranno il tutto per tutto giovedì in Campania.

La Fortitudo Bologna batte 54 a 47 la De Longhi Treviso e conquista la finale che mette in palio un posto in A1 chiudendo la serie sul 3-1. Partita molto combattuta, contraddistinta dai punteggi e dalle percentuali bassissime (30% dal campo totale per Bologna e 36% per Treviso) in cui a fare la differenza, oltre al fattore PalaDozza, è stata la maggiore lucidità nei momenti chiave dell’Aquila che con la sua consueta difesa asfissiante ha costretto una De Longhi, arrivata decisamente scarica all’appuntamento, a ben 19 palle perse e a 3 su 23 da tre punti. La palma di migliore in campo spetta al top scorer Montano, unico fortitudino in doppia cifra e autore di canestri pesantissimi. Adesso i biancoblù aspetta la finalista che uscirà dalla bella tra Scafati e Brescia in programma giovedì in campania.

L’Eternedile, nonostante il pessimo avvio al tiro, (1/10 iniziale) riesce a tener testa agli avversari in una lotta punto a punto di grande intensità, grazie a 5 punti ravvicinati di Montano che valgono il 13-10, punteggio conclusivo del primo quarto. Anche l’avvio della seconda frazione è contraddistinto da difese molto aggressive che soffocano le idee degli attacchi: il primo canestro arriva dopo quasi tre minuti e porta la firma di Fantinelli (13-15), giocatore classe 1993 che ha svolto parte della trafila delle giovanili in Fortitudo. Si continua a segnare con il contagocce e sbagliare tanto: padroni di casa sprecano più volte, sul 18-15, il colpo del +5. La prima fuga è pero ritardata soltanto di qualche istante e porta le firme di Carraretto e Daniel che fanno centro da oltre l’arco dei 6.75 metri siglando il +10 dell’Aquila (25-15). I liberi di Rinaldi e il giro e tiro spalle a canestro di Powell sotto canestro permettono alla De Longhi di non perdere il contatto con il match a 53” dall’intervallo lungo (25-19). Raucci nel traffico e Negri dalla lunga chiudono i conti e mandano tutti negli spogliatoi sul 27 a 22 tirando rispettivamente con il 33 e il 35%.

Alla ripresa del gioco Treviso continua a sbattere contro la tentacolare difesa fortitudina perdendo svariati palloni. Dall’altra parte Bologna si illude in avvio con la tripla di Candi ma non riesce a trovare con continuità la via del canestro pur restando a più di un possesso di vantaggio grazie a (37-32). I guizzi di Moretti tengono in piedi la De Longhi mentre Bologna affida la regia al veterano Lamma per dare ordine al gioco. La penultima frazione si conclude così sul 39-36 con la De Longhi che si aggiudica per due punti (14-12) il parziale. Con le squadre visibilmente stanche e provate dal clima torrido del PalaDozza si entra così negli ultimi 10 minuti di gara. Italiano replica subito dalla lunga a Moretti. Si oscilla tra il +6 e il +4 fino a quando La De Longhi non piazza un break di 6-0 che porta al pareggio a quota 45. Il colpo non stende la Effe che con un paio di buone difese e i punti di Montano e Amoroso si rimette in carreggiata (50-45 a 2’30” dall’ultima sirena). Il ferro sputa a Fabi la bomba del nuovo aggancio e Amoroso ne approfitta conquistando e realizzando i liberi del +5 (52-47). Le energie per reagire sono finite e lo dimostrano l’ennesima persa di Fabi e gli errori sottomisura di Ancelotti e Powell. Il canestro della staffa porta la firma di carraretto che regala la seconda finale in meno di un anno ai biancoblù.

Eternedile Bologna-De’Longhi Treviso 54-47 (13-12; 27-22; 39-36)

Fortitudo: Daniel 9, Candi 5, Lamma 2, Montano 15, Sorrentino 5, Raucci, Carraretto 8, Amoroso 7, Italiano 3. Ne: Campogrande e Quaglia. All. Boniciolli.
Treviso: Abbott 2, Moretti 7, Fabi 2, Fantinelli 11, Powell 14, Rinaldi 4, Negri 3, Ancellotti 4. Ne: De Zardo, Malbasa, Busetto e Gatto. All. Pillastrini.

Arbitri: Boninsegna, Grigioni e Pepponi. Statistiche – Tiri liberi: For 14/17, Tre 4/7. Tiri dal campo: For 16/53 (8/22 da tre), Tre 20/55 (3/23 da tre). Rimbalzi: For 32, Tre 40. Assist: For 11, Tre 13.

06 giugno 2016

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy