Assigeco-Castelletto. In campo una sola eco: Gnegno lottiamo con te.

Assigeco-Castelletto. In campo una sola eco: Gnegno lottiamo con te.

Commenta per primo!

Codogno (LO) – La chimera play of diventa realtà. Il lumicino si trasforma in una fiaccola. Si spegne ad acciarino, durante la partita. Esplode, alla fine, in un incontrollabile falò. Luce, calore, colore, entusiasmo. Tutto in quaranta indimenticabili minuti, racchiusi e decisi negli ultimi tre incandescenti giri di lancette. La serata al PalaCampus inizia presto e finisce tardi. Tardissimo. Le gradinate che si riempiono accompagnano il riscaldamento. La curva ospite fa sentire di esserci, mostra l’entusiasmo proprio di una tifoseria che vuole questa vittoria per continuare a correre con le migliori. Ma il rosso e il blu sono i colori dominanti: bandiere e palloncini, tamburi e trombette, canti e cori. Tutto preme sulle speranze della squadra di casa. Assolutamente calorosa la presentazione dei contendenti, con un applauso particolarmente sentito per il grande ex Alex Simoncelli. Tutti dedicano la presenza e ricordano la lotta alla malattia di Teo Bertolazzi con una maglietta gialla che saluta l’amico con la scritta “Gnegno lottiamo con te”.

Poi si parte. La prima contesa, è tra Chiumenti e Ihedioha, ma è Ricci ad aprire il referto pescato da un magico assist a lunga gittata di Marino, che si ripete a favore di Prandin. Tutto molto bello. Tutto molto facile. La difesa di Casalpusterlengo lascia poco agli attacchi degli ospiti e il punteggio lievita sotto i colpi di Chiumenti e di Prandin. Pazzi e Ceron cercano di mantenere viva la gara, ma è Jack Sanguinetti, che subentra a Ihedioha, che sembra dare con una rapida tripla, una sferzata alle velleità di Castelletto. Il tempo si chiude lasciando la sensazione che stasera non ci sia partita. Troppo in difficoltà i gialloblu di fronte alla muraglia impenetrabile messa da coach Zanchi a guardia del ferro. Si riprende con la stessa cadenza.

Dopo i punti pesanti di Planetio, che oggi metterà in campo il meglio di sé nella seconda parte della partita, Simoncelli batte un colpo, anzi due e con un centro dalla distanza, lancia quella che sarà una escalation nel gioco, nell’energia e nella concretezza di Castelleto, che porterà la gara a concludersi sul filo di un rasoio affilatissimo. Entra Vencato e inizia un duello serratissimo con Simoncelli. Ricci resta un po’ a riposo per falli, ma già ha posto le basi per un’ottima prestazione. Capitan Chiumenti non lesina colpi nella sfida con Pazzi. Bellina cerca di arginare Ihedioha e Marino sulle tracce di Ceron perde qualche colpo.

La sirena dell’intervallo lungo vede ancora abbondantemente avanti l’Assigeco, ma qualcosa nei meccanismi comincia a scricchiolare e quella che sembrava una partita dal risultato ormai acquisito, ritorna ad essere aperta. Così, dopo la pausa, con i punti di Ihedioha e di Simoncelli, la gara si rifà interessante. Quando l’Assigeco corre, però, è difficile da controllare e Ricci (6/6 da due, 2/4 da tre8/10 ai liberi e 4 rimb.), Prandin (6/12 da due, 5 rimb. e 3 assist) e Chiumenti (6/10 da due, 6 rimb. e 2 stoppate), sembrano poter riportare a casa il risultato. Simoncelli continua instancabile (3/5 da due, 3/7 da tre, 4 rimb. e 6 assist, in 40’ pieni) a distribuire palloni intelligenti, che Pazzi (5/7 da due, 5 rimb.) non rifiuta mai. Anche a Ceron si scaldano i polpastrelli e si prepara, come suo solito, ad un bruciante finale.

L’ultimo quarto inizia con il Castelletto che è ormai rientrato pienamente in partita. Si profilano dieci minuti di fuoco e il pubblico del PalaCampus è pronto a scottarsi le mani: ormai si applaude e si esulta per ogni singola azione, che sembra essere quella decisiva. Di attimo in attimo, l’inerzia passa da una parte all’altra. Ormai i centri di Ceron (anche per lui 40’ con 4/5 da due, 8 rimb, 3 assist) e Simoncelli, sembrano segnare il risultato. Ma è Ranuzzi, che non si ferma mai, che inizia la sua personale partita con il ferro da tre, in quattro minuti stampa quattro triple che demoliscono le resistenze dei casalini. Manca un minuto alla sirena e coach Garelli ha i suoi ragazzi avanti di otto pesantissimi punti (68-76).

Planezio accorcia da sotto e Marino (4/6 da due, 3/6 da tre, 5/6 ai liberi, 8 falli subiti e 7 assist, per 32 di valutaz.) smette di giochicchiare caricandosi la squadra sulle spalle. Mette dodici punti in sessanta secondi che tramortiscono le menti e le forze di Ranuzzi (3/6 da due, 4/6 da tre, 4 rimb. 6 falli subiti e 23 di valutaz.) e compagni.

Gli ultimi secondi sono al cardiopalmo. Sicuramente qualche attacco alle coronarie è stato registrato. Quando Marino in entrata sigla il sorpasso finale, mancano una manciata di secondi che non bastano a Sanguinetti per mettere a segno l’estremo disperato tentativo. Arriva la notizia della vittoria di Chieti a Omegna e scoppia la festa. Il parquet invaso, urla, abbracci, sudore e manate sulle spalle. Complimenti a tutti e per tutti. Il presidente Curioni paonazzo, felice, rincorre i suoi ragazzi. Ringrazia tutti. E’ abbracciato da tutti. Coach Zanchi, da oggi solo “Il Professore”, non trattiene la forte emozione segnata dalla lacrima che vela gli occhi. Ci si gode la festa.

Ancora non si pensa alla prossima partita. Che è lì dietro l’angolo. Torino attende, ci fa l’occhiolino. Play off arriviamo, chi l’avrebbe mai detto. E’ una baraonda di vincitori e vinti, esultanti e delusi, tutti accomunati dal giallo delle stesse magliette. Per continuare a lottare insieme ad un amico.

MVP BASKETINSIDE: Tommy Marino per la decisiva accelerata che ha risolto l’incontro nell’ultimo minuto.

ASSIGECO – SBS CASTELLETTO TICINO   82 – 81   (23-12; 21-19; 17-23; 21-27)

ASSIGECO: Prandin 14; Chiumenti 12; Ricci 18; Planetio 9; Marino 22; Fiorito 4; Venuto 3; Bellina; Vencato; Janelidze. All. Zanchi A.

SBS CASTELLETTO TICINO: Minoli; Marusic; Simoncelli 16; Damiani; Pazzi 12; Sanguinetti 3; Ihedioha 13; Ranuzzi 21; Prelazzi 2; Ceron 14. All. Garelli L.

Fotogallery a cura di Michela Costa

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy