Bella Imola, troppo forte Mantova: la Dinamica espugna un caldissimo PalaRuggi

Bella Imola, troppo forte Mantova: la Dinamica espugna un caldissimo PalaRuggi

La partita finisce 55 a 64. Bella Imola, troppo forte Mantova, brutto arbitraggio, applausi comunque a due grandi squadre.

Commenta per primo!

Di Federico Sgatti

L’ Andrea Costa Imola ospita al PalaRuggi la capolista Mantova. Partita difficile ed importante per entrambe le squadre, che si trovano nella parte altissima della classifica. Coach Ticchi schiera: Sabatini, Anderson, Hassan, Washington e Maggioli. Coach Martelossi risponde con: Di Bella,Hurtt, Amici, Ndoja, Simms. Arbitrano i signori: Ciaglia, Bongiorni, Salustri.

La partita è sentita, il palazzetto è pieno e rumoroso con i tifosi ospiti che hanno occupato tutto lo spazio disponibile. Il primo possesso è per Imola che affida il pallone ad Anderson che sbaglia la tripla. Mantova trova 2 punti grazie a Hurtt in palleggio arresto e tiro, per Imola segna Sabatini e poi arrivano tre canestri di Mantova. Ritmi altissimi e subito 8 a 2 per gli ospiti. Timeout chiamato da Ticchi. Al rientro dal timeout Simms segna 2 liberi e Imola sbaglia ancora sul versante opposto. Finalmente si sblocca l’attacco di Imola che pesca Hassan per la tripla, quando sono passati 4 minuti Amici risponde in schiacciata, ma ancora Hassan trova il canestro seguito da un appoggio di Washington. Ritrova il canestro Mantova che era a secco da un po’ grazie a Simms e Hurrt. Rispettate le attese per la partita in questo inizio. Il primo quarto termina (con un errore da 3 punti di Gergati) sul 13 a 20 per gli ospiti. Gran partita, Mantova è veramente forte, Amici sta giocando benissimo contro tutti i fischi che gli piovono addosso, ma Imola c’è.

Il secondo quarto inizia come è finito il primo, errore di Gergati, ma Imola non ne approfitta sbagliando tre tiri consecutivi, tutti ben costruiti e presi con spazio. Entra poi il tiro più difficile, tripla di De Nicolao dal palleggio (18% entrando in questa partita dalla lunga distanza), che ci prende gusto e ne segna un’altra sullo scarico. 19 a 22, timeout Mantova. Risposta di Mantova grazie a una bellissima tripla di Ricardo Moraschini, seguito da un 2 su 2 di Washington e ad un contropiede chiuso in appoggio da Prato. La partita continua a essere molto gradevole, con un alto livello in campo e ribadiamo che Imola tiene contro la capolista. Arriva anche il 27 pari grazie a un entrata di Anderson che viene marcato molto bene, ma anche molto duramente a dire la verità, da Amici. E dato che il pareggio non basta, arriva il 29 a 27 e il Ruggi esplode. Mantova ritrova il vantaggio grazie ad una tripla di Ndoja e Ticchi piazza il quintetto piccolo, con Washington da 5, vediamo se Martelossi rimarrà lungo o per accoppiarsi bene in difesa passerà anche lui ad un solo lungo. Intanto arriva una schiacciata da rimbalzo in attacco per Simms, ma Prato segna una tripla sullo scarico dopo che Anderson aveva battuto il suo uomo. Il primo tempo termina 36 a 34 in favore di Mantova.

Il terzo quarto inizia con un isolamento di Washington che trova i due punti, risponde Hurrt in appoggio per la Dinamica. Per qualche azione le squadre non riescono a trovare il fondo della retina, fino al canestro di Maggioli. Arrivano poi una serie di fischi che lasciano tutti a bocca aperta, tra cui l’incredibile quarto fallo fischiato a Washington che stava eseguendo uno scivolamento difensivo con le braccia alte e si è visto fischiare fallo. Infuriato Ticchi prende tecnico, volontariamente. La reazione dei suoi è ottima in difesa, ma in attacco non arriva più il canestro. In tutto questo sono passati 7 minuti e il punteggio è ancora 38 a 39 in favore degli ospiti. Entrambe le squadre le squadre stanno facendo fatica a trovare punti, per Imola ci pensa Anderson, che ha faticato molto fino ad ora, buttandosi dentro e recuperando tiri liberi, Mantova invece trova un fantastico Moraschini, che a suo favore ha una meccanica veramente perfetta. Ultima azione di Imola, Anderson va dentro, subisce fallo, non fischiato, resta a terra, Ticchi entra in campo perché non avendo fischiato il tempo va a 0, ma gli viene fischiato il secondo tecnico e l’espulsione. A questo punto in campo inizia a volare qualsiasi cosa, dai volantini fino alle bottigliette. L’atteggiamento è da punire, non è possibile che sia permesso che i tifosi tirino oggetti in campo, qualunque sia il tipo di errore da parte degli arbitri bisognerebbe rispondere con la voce sostenendo la propria squadra, non certo lanciando oggetti, i tifosi sono persone non scimmie. L’ultimo quarto termina 42 a 47 in favore di Mantova.

All’ inizio dell’ ultimo parziale arriva subito il canestro di Gergati da 2 punti, e un libero di Sabatini. Imola in questo inizio va piccola, con De Nicolao, Sabatini, Prato, Hassan, Amoni. In risposta Mantova gioca molto pick and roll cercando di servire Simms, ma Gergati perde 2 palloni di fila e Imola è di nuovo a -4. Il PalaRuggi sta esplodendo, rientra Anderson e spara 2 triple in step back, pari 52, ma Mantova continua a giocare per Simms, e fa bene dato che Maggioli è seduto in panchina da circa 15 minuti. Altri due per il lungo ospite. 52-54. Segue una brutta azione di Imola, da cui vengono fuori non si sa come, 2 tiri liberi per Amoni che segna solo il primo. Rientra anche Maggioli, ora Imola ha il suo quintetto in campo, con Prato al posto di Hassan. Proprio Prato riesce a pescare un tiro libero a 3 minuti dalla fine ma fa 0/2, prende però il rimbalzo ma nulla di fatto. Mantova affida ad Amici un possesso molto importante, e il numero 19 segna. 53 a 59. Ora l’atteggiamento dei tifosi è quello giusto, solo applausi e cori per la propria squadra. Ritorniamo sulla gara, Imola affida palla ad Anderson ogni possesso, ma per ora la guardia è generosa, serve Maggioli, che pesca 2 liberi e li segna entrambi. Sul versante opposto Ndoja pesca 2 tiri liberi e il quinto fallo di Washington. 0 su 2 pesante. Arriva però l’errore di Anderson in appoggio. Imola non spende fallo e si gioca la difesa, ma Amici allo scadere segna una tripla che onestamente non sono capace di descrivere. La partita finisce 55 a 64. Bella Imola, troppo forte Mantova, brutto arbitraggio, applausi comunque a 2 grandi squadre.

 

ANDREA COSTA IMOLA BASKET – DINAMICA GENERALE MANTOVA 55-64

IMOLA: Folli NE, Washington 8, Sgorbati, Maggioli 6, Cai NE, Amoni 3, De Nicolao 8, Prato 7, Preti, Anderson 11, Hassan 5, Sabatini 7.

MANTOVA: Ndoja 8, Alviti, Fumagalli NE, Moraschini 9, Di Bella 5, Simms 17, Hurrt 8, Gandini 1, Amici 12, Battistini NE, Gergati 4.

 

PAGELLE

 

IMOLA

Folli SV.

Washington: 6,si rovina la partita per colpa dei fali.

Sgorbati: SV.

Maggioli: 4, -13 di plus/minus direi che dice tanto, quando non in campo Simms faceva il bello e il cattivo tempo, quando in campo, anche.

Cai SV.

Amoni: 5, valutare Amoni è sempre difficile, oggi per la maggior parte del tempo non mi è piaciuto, ma poi ha pescato 2 importanti liberi. Amoni è così, è un 4 tattico, o lo ami o lo odi, come il ruolo che ricopre in campo.

De Nicolao: 7, bella prova del play imolese, con canestri importanti e freddezza in regia.

Prato: 6, sostiene i suoi nel momento del bisogno, ma purtroppo non basta.

Preti: SV.

Anderson: 6, marcato molto duramente dagli avversari, soffre per tre quarti, nell’ultimo sembra caricarsi sulle spalle la squadra con 2 bombe, poi più nulla.

Hassan: 5, non mi è piaciuto oggi, soprattutto in difesa.

Sabatini: 6, buona prova in difesa, ma il voto è legato anche all’ esito della gara, quindi la sufficienza è il massimo per lui.

 

MANTOVA

Ndoja: 6, onesta la sua partita.

Alviti: SV.

Fumagalli SV.

Moraschini: 7, bella partita dell’ ex Virtus, quando cercato ha segnato canestri pesanti.

Di Bella: 6, giusto per il suo +10 di plus/minus. Simms: 8, CO-MVP, 17 e 17,anche se Imola lo ha favorito giocando piccola gran parte della gara.

Hurtt: 6, buon primo tempo, sparisce nel secondo.

Gandini: SV.

Amici: 8, CO-MVP, grande prova in attacco e in difesa dove ha annullato Anderson, anche se in maniera un po’ scorretta, ma è stato ritenuto legale.

Battistini: SV.

Gergati: 5, ha perso 2 palloni sanguinosi, ma per sua fortuna non ha pagato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy