Bologna corsara a Mantova. Non basta un ottimo secondo tempo ai biancorossi

Bologna corsara a Mantova. Non basta un ottimo secondo tempo ai biancorossi

Gara dai due volti per gli Stings: primo tempo a -20 e 15 palle perse. Nella ripresa la squadra di coach Finelli mette paura alla Fortitudo

di Alberto Carmone

Una Mantova dai due volti cede in casa 69-60 alla Fortitudo Bologna nel recupero della 21esima giornata di serie A2 Est Old Wild West. Primo tempo difficile per gli Stings che chiudono sotto di 20 punti. Nei secondi venti minuti gli Stings tornano addirittura sotto a -7, ma Leunen e compagni controllano il vantaggio.

Primo quarto difficile per Mantova che non riesce a trovare l’intesa in attacco e in difesa si mostra vulnerabile alla qualità della Fortitudo. Gli Stings faticano a costruire azioni pericolose, mentre Bologna gira come un orologio. Rosselli e Pini ispirano l’attacco della Fortitudo che approfitta di diverse distrazioni degli Stings di numerose palle perse in attacco dai biancorossi. Leunen firma dalla lunetta il +12 (4-16 al 7’). Maspero rende meno amaro il parziale a fine primo periodo chiudendo i conti sull’8-20.

Il secondo quarto inizia in modo più vivace con la Pompea che prova a rosicchiare alcuni punti alla Effe affidandosi a Veideman e alle conclusioni da tre di Visconti. In pochi minuti i biancorossi tornano sotto a -7, ma vengono immediatamente respinti da Hasbrouck e Rosselli. Sono sempre le palle perse a fermare l’attacco di Mantova, sfiduciata e slegata in fase offensiva (15 palle perse nei primi 20 minuti). Leunen e Fantinelli migliorano il parziale di Bologna fino al +22. Veideman dalla lunetta firma -20 definitivo a fine primo tempo (25-45 al 20’).

Nella ripresa Mantova inizia con più convinzione riuscendo a trovare più intensità difensiva. Veideman e Ghersetti lanciano la mini rimonta degli Stings che con un clamoroso parziale di 13-4 riaprono la partita. Mantova ritrova entusiasmo e voglia di lottare e viene aiutata dal pubblico ad avere ritmo in attacco e in difesa. Il fallo tecnico fischiato a Raspino ferma in parte l’inerzia degli Stings. Bologna è in difficoltà ma riprende a segnare con  le triple di Venuto e Benevelli che riportano gli sul +16 in un amen.  Veideman riporta a -14 la Pompea al 30’ (44-58).

Gli Stings provano a lanciare l’ultima offensiva affidandosi ai tiri da tre. Le azioni vengono ben costruite, ma non vengono premiate dagli dei del basket. Bologna non perdona e con Hasbrouck e Cinciarini ritorna a +16. Mantova non abbandona comunque la partita con la testa pur non riuscendo a trovare il parziale decisivo per riaprire l’incontro. I rimbalzi offensivi di Ferrara (migliore in campo della Pompea) infiammano il buon pubblico della Grana Padano Arena (circa 2500 spettatori), ma non consentono a Mantova di rientrare. A 100 secondi dalla fine Veideman e Ghersetti accorciano fino al -7 riaprendo clamorosamente l’incontro. Negli ultimi possessi però la Fortitudo è lucida e controlla la partita fino al 69-60 finale.

Pompea Mantova – Lavoropiù Fortitudo Bologna 60-69 (8-20, 17-25, 19-13, 18-11)

Pompea Mantova: Rain Veideman 16 (4/8, 1/6), Tommaso Raspino 11 (4/4, 1/4), Mario jose Ghersetti 9 (2/5, 1/2), Riccardo Visconti 9 (0/0, 3/8), Matteo Ferrara 9 (3/3, 0/1), Anthony Morse 4 (2/4, 0/0), Lorenzo Maspero 2 (1/2, 0/2), Nika Metreveli 2 (1/2, 0/0), Luca Vencato 0 (0/0, 0/1), Giovanni Poggi 0 (0/0, 0/0), Francesco Guerra 0 (0/0, 0/0), Andrea Albertini 0 (0/0, 0/0)
 
Tiri liberi: 10 / 14 – Rimbalzi: 31 6 + 25 (Matteo Ferrara 7) – Assist: 11 (Rain Veideman 4)
 
Lavoropiù Fortitudo Bologna: Daniele Cinciarini 14 (4/6, 0/0), Kenny Hasbrouck 12 (3/6, 1/9), Giovanni Pini 10 (4/8, 0/0), Matteo Fantinelli 9 (3/8, 0/1), Andrea Benevelli 9 (3/4, 1/3), Maarty Leunen 8 (2/5, 1/4), Guido Rosselli 4 (2/3, 0/2), Marco Venuto 3 (0/0, 1/2), Ugochukwu Simon 0 (0/0, 0/0), Marco Prunotto 0 (0/0, 0/0), Giacomo Sgorbati 0 (0/0, 0/0), Matteo Franco 0 (0/0, 0/0)
 
Tiri liberi: 15 / 16 – Rimbalzi: 29 7 + 22 (Maarty Leunen 8) – Assist: 16 (Maarty Leunen, Guido Rosselli 5)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy