Casini subito decisivo, suo il canestro che vale un derby: Ravenna passa a Imola

Casini subito decisivo, suo il canestro che vale un derby: Ravenna passa a Imola

Commenta per primo!

Oggi 8 novembre la Andrea Costa ospita Ravenna per il derby, in Ruggi gremito, che vede anche le contestazioni da parte dei tifosi giallo-rossi (“a 12 euro saremmo stati 1000”).

Ticchi schiera il suo classico quintetto: Sabatini, Anderson, Hassan, Washington, Maggioli. Martino risponde con : Deloach, Smorto, Malaventura, Masciadri, Smith. Gli arbitri della gara sono: Weidmann, Maschietto, Wassermann.

Inizia la partita ed è subito 6 a 2 per Ravenna dopo 1 minuto, Maggioli accorcia le distanze ma Malaventura ristabilisce i 4 punti di scarto. Bella partita in questo inizio, le squadre attaccano bene con penetrazioni e gli scarichi. Imola trova il primo vantaggio grazie al canestro di Anderson da 3 punti in isolamento dall’angolo e 2 buone difese le permettono di mantenerlo. 9 a 8, dunque, dopo 4 minuti. Dopo qualche minuto di difficoltà offensive per ambo le squadre, è Ravenna, ma soprattutto Masciadri a segnare 5 punti di fila (9 in 7 minuti per lui). Il punteggio è di 9 a 15 per gli ospiti quando Ticchi chiama time-out con 3.37 da giocare nel primo quarto. Buono lo schema ATO (after time-out) ma la Andrea Costa non riesce a segnare, trova il canestro Deloach a cui rispondono Washington e De Nicolao, ma Ravenna rimane a +7 grazie alla schiacciata di Smith. Seguono 2 grandi difese di Imola grazie al ttrio Preti-Hassan-De Nicolao che poi trova la tripla seguita da 2 punti di Sabatini. Il primo quarto termina 19 a 20 in favore degli ospiti.

Il secondo quarto inizia con Ravenna che trova 5 punti in fila mentre Imola rimane a secco. Il primo canestro dei padroni di casa del secondo quarto lo firma Preti da 3 punti a cui segue un facile appoggio per Ravenna. Malaventura trova il fallo sul tiro da 3 e segna tutti i liberi ( 12 per lui fino ad ora) risponde Maggioli col piazzato e Anderson con 2 liberi, 28 a 32 per Ravenna quando mancano 4 minuti nel secondo quarto. Si è scaldato Maggioli intanto, il lungo che ha già totalizzato 10 punti, di cui 6 di fila, aveva iniziato male la stagione ma ora si sta riprendendo. La partita è davvero piacevole, con i due attacchi che trovano continuità e il gioco è veloce; Imola è sotto, ma è sempre vicina. L’ ultimo quarto è per Sabatini che spara da 3 punti senza risultato. Il secondo quarto termina 37 a 42 in favore dei giallo-rossi.

Non inizia bene neanche il terzo quarto per Imola, con Ravenna che trovo subito 2 punti, poi però più nulla per 2 minuti fino al canestro in post di Smith. Entra De Nicolao e Imola inizia a trovare buoni tiri, ma nessun canestro, così Ravenna vola a +11 dopo 4 minuti di gioco. Time-out Ticchi. Al rientro dal time-out Washington pesca un fallo e va in lunetta, dalla quale esce con 2 punti; seguiti da altri 2 in contropiede, e il Ruggi esplode, anche se è -9. Una schiacciata del solito numero 2 biancorosso accorcia ancora le distanze, e al seguente tiro Ravenna spara un air-ball con conseguente pioggia di fischi, bel clima, partita molto sentita. La partita procede punto a punto fino alla fine del terzo quarto grazie a 2 triple di Anderson e una di Raschi, seguita da un altro canestro Da 3 pazzesco di Anderson, risponde però Casini e allunga a +4 per Ravenna. Il terzo quarto lo possiamo riassumere negli ultimi 2 minuti cosi: Steph Curry ha indossato la 15 di Imola e ha sparato 3 triple e la quarta quasi. Grazie.

Inizia il quarto quarto e Ravenna trovo il canestro per il 56 a 62, prova Amoni a segnare da 3 punti sull’onda dell’ entusiasmo ma il suo tiro esce di un non nulla. Imola ci prova nella stessa azione 3 volte da 3 punti, ma né Amoni è Anderson né Prato trovano il fondo della retina, così le 2 squadre sono ancora separate da 4 punti quando mancano 6 e 41 da giocare. Ravenna perde 2 palloni sanguinosi e Imola vola in contropiede 2 volte, la prima senza trovare il canestro, la seconda pescando il fallo. Time-out Ravenna. Grazie ai 2 liberi si Sabatini il distacco è ora di soli 2 punti con Ravenna che è in bonus con 5 e 42 da giocare. Sabatini riesce subito a pescare un altro fallo, il quarto per Deloach, si presenta in lunetta e segna 1 su 2, ma poi ruba in difesa dando la possibilità ai padroni di casa di portarsi in vantaggio, peccato che Washington faccia sfondamento. E’ un euro-step di Washington a regalare il vantaggio a Imola quando mancano 3 e 30,seguito da 2 punti in tap-in di Anderson, risponde Casini in step-back. Si susseguono diversi errori e anche Imola va in bonus. Deloach segna 2 punti in lunetta su un contatto dubbio, in attacco Anderson sbaglia la tripla, dall’ altra parte Amoni regala 2 tiri liberi a Raschi che fa 2 su 2 portando a +3 Ravenna con 47.7 da giocare. Bellissimo gioco ATO per Imola, che libera il miglior tiratore disponibile (Steph Curry con la 15 imolese) in soli 7 secondi, il quale, ovviamente, segna. Segue una difesa sulla rimessa di Ravenna che porta gli ospiti a compiere infrazione di 5 secondi. E’ ancora Andrson a tirare, sbaglia, Washington a rimbalzo subisce il fallo e fa 1/2 in lunetta. Dunque Imola a + 1 con 24.1 da giocare, palla a Ravenna, bolgia di fischi, palla in gioco al limite dei 5 secondi disponibili, Smith trova l’appoggio da sotto, e ora Ticchi chiede time-out sul 71 a 72 con 8.1 da giocare. Rimessa veloce e palla a Prato che subisce il fallo e va in lunetta dalla quale fa 2 su 2. Non ci sono più time-out per Ravenna che gioca veloce per Casini che segna. Imola prova il disperato tiro da 3/4 campo che non va. Finisce 73 a 74, punteggio triste per tutti i tifosi imolesi che hanno visto sfumare il derby all’ ultimo tiro. Ravenna ha vinto segnando solo 3 canestri nel quarto quarto.

ANDREA COSTA IMOLA – ORASI’ RAVENNA 73-74

IMOLA: Folli NE, Washington 13, Sgorbati, Maggioli 14, Cai, Amoni, De Nicolao 4, Prato 6, Preti 3, Anderson 25, Hassan, Sabatini 8. All.: Ticchi.

Ravenna: Smith 17, Deloach 18, Malaventura 12, Casini 9 (MVP), Cicognani, Raschi 5, Manetti NE, Masciadri 13, Smorto, Seck NE, Salari. All.: Martino.

PAGELLE IMOLA

Folli: SV

Washington: 7, bella prova la sua, ha dato concretezza e costanza ad un attacco in difficoltà oggi

Sgorbati: SV

Maggioli: 6, non male la sua partita, anche se marcare Smith non deve essere stata una passeggiata.

Cai: SV

Amoni: 4, indifferente, sarebbe da senza voto, ma ha giocato troppo.

De Nicolao: 5, poco in attacco ma almeno in difesa ci siamo.

Prato: 5, non ha fatto valere la sua esperienza.

Preti: 6, solo per la sua bomba nel secondo quarto.

Anderson: 8, neanche Steph Curry vincerebbe da solo.

Hassan: 5, poco presente, stesso discorso di Amoni, ma un pò più di difesa.

Sabatini: 6, onesta prova la sua, bene in attacco.

PAGELLE RAVENNA

Smith: 8, grande prova, nettamente il migliore dei suoi, ma l’mvp non è lui dato che la ha vinta Casini.

Deloach: 8, partita molto solida, ha messo ottime cifre a referto “nell’ombra”.

Malaventura: 7, benissimo il primo quarto, ma poi si è un po’ perso.

Casini: 8, poca roba, ma poi ha tirato per vincere, e ha segnato. MVP.

Cicognani: 5, le uniche statistiche a referto sono 2 palle perse.

Raschi: 6, senza infamia e senza lode.

Manetti: SV

Masciadri: 7, come Malaventura.

Smorto: SV

Seck: SV

Salari: SV

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy