Cento, sesto KO di fila con Mantova: è crisi per la Baltur

Cento, sesto KO di fila con Mantova: è crisi per la Baltur

Mantova. esperta e sorniona nella ripresa, si è imposta con la sua difesa arcigna (21 punti subiti) ed un Morse MVP di misura sul compagno Veideman.

di Marco Granata

Pesante KO per la Baltur Cento che infila la sesta sconfitta consecutiva al cospetto di una Pompea Mantova cinica, spietata e decisamente meno ammalata di una Baltur che ha si le attenuanti per i troppi infortuni che sembrano non abbandonarla mai, ma non può sempre regalare giocatori importanti che sbagliano serata per produrre poco o nulla. Stasera a Cento sono mancate pesantemente le prestazioni del duo Mays -Moreno (3 punti fatturati complessivamente con un gelido 1/15 dal campo) ed in emergenza assoluta la loro presenza stile “Chi l ha visto” fa sensazione. Mantova esperta e sorniona nella ripresa ha impresso la sua difesa arcigna (21 punti subiti) ed un Morse MVP di misura sul compagno Veideman che hanno regalato ai virgiliani due punti d’oro.

Il match in sintesi: ospiti che partono forte nel primo quarto (4-12 al 5′) con Moore protagonista ma la coppia Reati – White fattura 12 punti e per Cento il primo gong dice 20- 19 .Equilibrio che rimane il leit motiv del secondo quarto; Pompea e Baltur sono a braccetto quando scocca il 15′(30 pari) ma nell’ultimo segmento di gara i soliti Reati e White (34 punti su 44 per Cento portano la loro firma) regalano il 44-39 per i padroni di casa al riposo lungo. A inizio ripresa 6-0 di parziale per Mantova che con Maspero e Moore si riporta avanti. Cento ha le mani ibernate in attacco ma i virgiliani sprecano troppe occasioni per allungare e con il cuore la Baltur riesce a limitare i danni (55-56 al 30′). Ibernazione offensiva che Cento non riesce a scongelare: Visconti e Veidmann dall’arco puniscono le mani gelate dei locali (55-62 al 33′) prova la fuga Mantova con Veideman ma Gasparin e White tengono in vita Cento (61-65 al 36′). Il pallone scotta, Ghersetti da 3 punti trova il +7 (61-68 al 38′), Mays firma l’ennesimo ferro della sua anonima gara (1/9 da 3p), la Pompea sembra aver il braccino corto dalla lunetta e Benfatto a 25 secondi riavvicina Cento (65-69). Veideman trova il + 5, la tripla di Benfatto si ferma sul ferro: Mantova esulta con merito Cento ora è davvero nei guai.

Baltur Cento – Pompea Mantova 65-70 (20-19, 24-20, 11-17, 10-14)

Baltur Cento: James White 24 (9/14, 1/3), Davide Reati 18 (4/9, 2/4), Alberto Chiumenti 9 (4/7, 0/0), Giovanni Gasparin 7 (1/2, 1/4), Michele Benfatto 4 (2/5, 0/1), Keddric Mays 3 (0/1, 1/9), Yankiel Moreno 0 (0/1, 0/4), Giacomo Manzi 0 (0/0, 0/0), Michele Ebeling 0 (0/0, 0/0), Marco Pasqualin 0 (0/0, 0/0), Adama Ba 0 (0/0, 0/0), Matteo Fioravanti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 11 – Rimbalzi: 30 6 + 24 (James White 9) – Assist: 16 (Alberto Chiumenti, Giovanni Gasparin 4)

Pompea Mantova: Anthony Morse 25 (10/15, 0/0), Rain Veideman 21 (4/9, 2/7), Tommaso Raspino 10 (4/8, 0/4), Lorenzo Maspero 4 (2/2, 0/3), Mario jose Ghersetti 3 (0/3, 1/5), Riccardo Visconti 3 (0/3, 1/2), Matteo Ferrara 3 (0/0, 1/1), Giovanni Poggi 1 (0/0, 0/0), Luca Vencato 0 (0/2, 0/1), Andrea Albertini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 22 – Rimbalzi: 42 11 + 31 (Anthony Morse 14) – Assist: 8 (Rain Veideman 4)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy