Chieti si spegne nella ripresa, Firenze passa al PalaLeombroni

Chieti si spegne nella ripresa, Firenze passa al PalaLeombroni

Commenta per primo!

Dopo un primo tempo condotto con autorità la BLS Chieti vede letteralmente spegnersi la luce nella ripresa, e vede così sfuggire due punti pesantissimi, conquistati dalla Brandini/Claag Firenze per 67-75. 

I quintetti iniziali sono quelli attesi: stante l’assenza di Diomede e Gatti, sempre infortunati, Sorgentone schiera Rajola, Severini, Raschi, Micevic e Rossi, mentre Paolini risponde con Caroldi, Rabaglietti, Spizzichini, Casadei e Capitanelli. C’è la firma di Rossi nel buon inizio teatino (12-7 a metà quarto), ma è tutta la squadra a girare bene in attacco e montare una guardia strettissima in difesa. Rajola alterna tripla e penetrazione per il +10, e Bolletta con un tap-in sulla sirena è il sesto giocatore a segno per i padroni di casa nel 23-14 del primo quarto. 

Tre canestri in pochi secondi permettono alla Brandini di ricucire lo strappo, Casadei e Rabaglietti sono caldi ma Raschi prende in mano la situazione, caricando la difesa avversaria di falli e segnando 8 punti che rialimentano il vantaggio abruzzese. Buono anche l’impatto di Spera, che non subisce il confronto sottocanestro contro Capitanelli, anche se Firenze resta a contatto grazie ai rimbalzi offensivi: il punteggio di metà gara è 41-35.

Ancora una volta i toscani partono meglio, e con uno 0-10 si portano per la prima volta in vantaggio. Le percentuali ospiti da tre crescono notevolmente, Rajola è l’unico che riesce a pungere mentre Micevic, Rossi e Raschi commettono il terzo fallo. Due triple di Gialloreto e Bolletta ristabiliscono un illusorio equilibrio, ma Capitanelli e Rabaglietti non sbagliano mai, firmando un altro break pesante (0-11). Sorgentone prova ad alzare il quintetto con Spera, Micevic, Bolletta e Raschi in campo insieme, ma l’attacco biancorosso non gira, e il periodo si chiude con un ritardo cospicuo: 54-65. 

Il canestro teatino appare stregato, mentre la Brandini vola a +15 con la dodicesima tripla della serata. Gialloreto riporta la BLS a -10 a 4 minuti dalla fine, ma tre rimbalzi offensivi di Capitanelli, convertiti alla fine in canestro, tagliano le gambe ai biancorossi di casa, che continuano a litigare col ferro, non riuscendo a difendere il +4 dell’andata: il 67-75 finale condanna definitivamente la BLS ai playout, ed anche la conquista del fattore campo diventa a questo punto un’operazione decisamente complicata. L’ultima chiamata in tal senso è quella di giovedì, quando i due punti casalinghi contro Bari sono pressoché obbligatori. 

BLS Chieti – Brandini/Claag Firenze 67-75 (23-14; 41-35; 54-65) 

BLS Chieti: Rajola 11, Severini 4, Raschi 14, Micevic 9, Rossi 10; Gialloreto 13, Bolletta 6, Mastroianni ne, Diomede ne, Spera. All. Sorgentone. 

Brandini/Claag Firenze: Caroldi 8, Rabaglietti 16, Spizzichini 8, Casadei 11, Capitanelli 9; Giampaoli 9, Sanna 8, Marotta ne, Magini 2, Galmarini 4. All. Paolini. 

Rimbalzi: Chieti 29 (Micevic 8), Firenze 43 (Spizzichini e Capitanelli 11). Assist: Chieti 10 (Raschi e Micevic 3), Firenze 15 (Magini 5).

Visualizza la gallery a cura di Paolo Rosati

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy