DNA Play-Off, una super Matera demolisce una deludente Agrigento.

DNA Play-Off, una super Matera demolisce una deludente Agrigento.

Commenta per primo!

Immediato riscatto della Bawer Matera al PalaMoncada, in presenza di 1800 spettatori,  con una partita perfetta vinta con il punteggio di 57 a 82 si porta sul 2 a 1 di questa semifinale play off. Un eccellente Iannuzzi, autore di 24punti (14 nel primo quarto) ed un ottimo Rezzano conducono per mano la loro squadra ad un vittoria meritata, mai messa in discussione. Condotta con autorità per tutti i 40 minuti sin dal primo periodo hanno staccato la squadra locale apparsa distratta in difesa e poco lucida in attacco. Chiuso il primo tempo sul +19 (26-43), nella seconda metà di gara gli uomini di coach Benedetto hanno gestito con autorità il vantaggio chiudendo la partita sul +25. Per gli uomini di coach Ciani non rimane che, smaltire nelle prossime 48 ore le scorie prodotte dalla  deludente prestazione di questa sera, spendere ogni energia disponibile in gara4 per riportarsi in parità, per poi giocarsi tutto nella “bella”  in programma mercoledì 29 maggio al PalaSassi di Matera.

Coach Ciani alla palla due schiera, Di Viccaro, Mian, Chiarastella Chiacig. Coach Benedetto si affida a Cantone, Vico, Vitale, Rezzano Iannuzzi.

LA CRONACA

I° QUARTO (12-22)

Dopo il primo canestro della serata firmato da Di Viccaro dalla lunga distanza, Iannuzzi inizia la sua ottima prestazione con 3 canestri consecutivi, realizzando il primo vantaggio della Bawer sul 3 a 6.  Il parziale messo  segno dal pivot materano viene incrementato al + 8 (3-11) da una tripla frontale di Cantone e da un sottomano di Iannuzzi a culmine di una azione in pick & roll. Chiacig stoppa il parziale con un canestro da sotto, ma Rezzano con una tripla timbra il cartellino, costringendo coach Ciani a chiamare il time out. Al rientro in campo il coach della Fortitudo sostituisce l’asse play-pivot, facendo entrare Demartini in cabina di regia e De Laurentiis in sostituzione di Chiacig in grande difficoltà. Ma la grinta di Iannuzzi non si attenua, cattura uno dei numerosi rimbalzi in attacco e buca la retina subendo fallo. Con il libero supplementare porta il vantaggio a +12 ( 5-17). Demartini realizza 1 su 2 a cronometro fermo e Di Viccaro mette la seconda tripla della serata riportando il distacco sotto la doppia cifra (9-17). Dopo 1 su 2 di Rezzano coach Benedetto schiera la zona 1-3-1, ma Demartini perfora la difesa materana realizzando un gioco da tre punti. Il quarto si chiude con 4 punti di Iannuzzi fissando il parziale sul 12- 22

II° QUARTO (14-21)

Ad inizio del secondo periodo, Vico si presenta fornendo con uno scarico a Rezzano l’assist per una comoda tripla, pareggiata da canestro più supplementare di Quarisa. Ciani prova con una zona fronte pari a limitare gli attacchi avversari, ma dopo un 1 su 2 dalla lunetta di Di Viccaro e un semigancio di Chiacig, la Bawer stordisce i padroni di casa con un perentorio   11- 0. Iannuzzi buca il canestro dai 6,75, imitato da Rezzano e Samoggia, mentre Vico con un piazzato chiude il parziale. E lo stesso giocatore argentino del Matera, dopo un canestro di Demartini, mette in mostra le qualità balistiche, realizzando una tripla dagli otto metri. Samoggia mette dentro il secondo canestro personale della serata ed il vantaggio della sua squadra arriva a +22 (19-41). Chiarastella dalla lunetta fa 2 su 2, ma Grappasonni risponde con un piazzato da post basso. Moruzzi con palleggio, arresto e tiro e quattro punti di Quarisa si chiude il 20mo sul punteggio di 26 a 43 per l’Olimpia.

III° QUARTO (15-19)

Alla ripresa dei giochi, dopo un tiro libero realizzato da Di Viccaro, i giocatori lucani allungano ulteriormente, raggiungono il +24 (27-51),grazie all’ennesimo parziale della serata (8-0) firmato da Iannuzzi, Vico e Vitale. Anello e Brown si riportano sul -20, ma Iannuzzi su assist di Vico e Vitale riconquistano il +24 (31-55). Quarisa e Di Viccaro ci riprovano ma Cantone, Rezzano e Vitale respingono il tentativo dei giocatori agrigentini. De Laurentiis fissa il punteggio di 41 a 62 sul suono della sirena.

IV° QUARTO (16-21)

Inizio di quarto periodo con un 7 a 1 firmato da Chiacig, Di Viccaro e Moruzzi per i locali. Ma Cantone prima fornisce un assist a Vitale , poi, lo stesso play materano riporta a distanza di assoluta sicurezza gli avversari sul 48 a 69. A questo punto la partita si può considerare chiusa non prima di annotare che il 40mo si chiude con il +25 (57-82), massimo vantaggio della serata per la Bawer.

SALA STAMPA

“E’difficile trovare una spiegazione logica sulla prestazione di stasera, esordisce coch Ciani in sala stampa, l’unica componente di cui dobbiamo tenere presente è il grandissimo dispendio di energia delle due partite a Matera e non è facile, soprattutto, per chi magari attraverso questa esperienza non c’è mai passato nella sua carriera, rigenerarsi a livello fisico, a livello nervoso dopo due gare intense. Non ci siamo riusciti, questo è evidente, siamo arrivati sicuramente scarichi.  Dobbiamo imparare che in 48 ore bisogna resettare e ripartire. Occorre che ci confrontiamo tra di noi, che raduniamo le energie perché un’altra prestazione del genere in casa nostra non è accettabile da noi stessi, aldilà del pubblico,col quale ci scusiamo per una prestazione così mediocre, soprattutto, in una giornata nella quale il palazzetto aveva un colpo d’occhio straordinario. Abbiamo ancora una gara in casa ed abbiamo l’obbligo morale davanti al nostro pubblico di fare una grandissima partita, di onorarla fino in fondo e di provare con l’intento serio di andare a gara5”. 

TABELLINI

Moncada Solar Agrigento – Olimpia Bawer Matera 57-82

Parziali: 11-22; 26-43; 44-62

Agrigento: Demartini 11, Di Viccaro 14, Mian  5, Chiarastella 2, Quarisa 7, Anello 2, Moruzzi 4, Brown 2, Chiacig 6, De Laurentiis 4. Coach Ciani.

Olimpia Bawer Matera: Cantone 6, Vico 12, Vitale 9, Rezzano 17, Iannuzzi 24, Cozzoli, Samoggia 5, Grappasonni 9, Giuffrida, Smorto  n.e. Coach Benedetto.

Fabio Mian uscito per falli.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy