DNA Play-Out, La BLS brilla e allunga la serie con Mirandola.

DNA Play-Out, La BLS brilla e allunga la serie con Mirandola.

Una partita eccezionale quella di questa sera che ha visto partecipi la BLS Chieti e la Dinamica Mirandola per Gara 3 dei play-out per decidere chi delle due rimarrà in Lega Silver. La squadra mantovana si è portata sul 2 a 0 nelle prime due gare casalinghe ed oggi è caduta dentro le mura del PalaSantaFilomena di Chieti per 80 a 65. La squadra di Coach Domenico Sorgentone si è buttata subito alle spalle gara 2 (persa nell’ultimo quarto con un parziale di 17 a 3 per Mirandola) e stasera ha dimostrato di essere un grande team, compatto, forte e completo ed ha tutte le carte in regola per rimanere nella Lega Silver, dunque crederci non costa nulla.

Il match inizia subito con la contesa che vede uno dinanzi all’altro Rossi per la BLS e Mancin per gli Stings, palla a due vinta dal lungo teatino però con infrazione dunque palla alla squadra ospite. Sin dal primo minuto di gioco si parte subito a ritmi altissimi, la squadra di casa parte in quarta e si porta immediatamente in vantaggio, cercando sempre più di allungare inizialmente con Rossi (autore di una gara2 straordinaria e stasera non è stato per niente da meno), ma dall’altra parte c’è un Venturelli che assieme a Losi formano un motore perfetto per la squadra mantovana e cercano in tutti i modi di restare attaccati alla scia lasciata dietro dalle furie. Il primo quarto si chiude 21 a 13 per la squadra teatina.

La seconda frazione di gioco si apre con la BLS che continua a macinare punti, ha capito la lezione di Gara2 e non vuole avere la minima distrazione tenendo sempre alta la guardia. Subentra Gatti a Rossi e il lungo ex Napoli si scatena, spezza il match prima con una tripla, poi con un canestro in post, poi un’altra bomba e per chiudere un tap-in vincente, prendendo rimbalzi e stoppando chiunque volesse avvicinarsi al canestro teatino. Dall’altra parte Mirandola cerca sempre di tenersi a galla con i soliti Venturelli e Losi e vi si aggiunge anche Fantinelli come spina nel fianco per la difesa casalinga, e nel momento in cui riescono a riportarsi sul -5, entra in gioco Fabrizio Gialloreto che con i suoi tiri dalla lunga distanza fulmina il canestro avversario e infiamma il PalaSantaFilomena. Il primo tempo si conclude con il punteggio che premia la squadra abruzzese 45 a 29.

Il terzo quarto si riapre con palla alla squadra ospite, ma il primo canestro lo segna Simone Gatti per la BLS. In questo periodo la BLS cerca di allungare sempre di più il suo vantaggio e ci riesce benissimo quando si accende la spia di Manuel Diomede che ingrana la quarta marcia e comincia a segnare a raffica, chiudendo un mini break solitario di 9 punti. Mirandola deve arrendersi agli attacchi della squadra teatina, non riesce a tenere la voglia, la speranza, il coraggio dei ragazzi della BLS di portare a casa questa vittoria. Il terzo periodo si chiude con Chieti avanti di 66 a 44.

Il quarto periodo si apre con palla alla BLS Chieti, quarta frazione importante anche dal punto di vista psicologico visto ciò che è successo in gara2, la squadra di casa deve buttarsi alle spalle quell’incubo e credere nelle proprie potenzialità. Mirandola parte bene, in difesa piazza la zona, Chieti fa girare bene la palla ma per i primi tre minuti non riesce a trovare punti. Mirandola intanto accorcia le distanze con Fantinelli, che nell’ultimo periodo si scatena mettendo a referto una bella manciata di punti, ma a 6 minuti e 30” arriva il canestro che apre le danze per la BLS e arriva dai polpastrelli di Andrea Raschi che piazza una bomba dalla lunga distanza. Da qui le due squadre giocano a ritmi un po’ più bassi, la squadra teatina cerca di rallentare il ritmo per farlo perdere anche agli avversari in modo da tenere il largo vantaggio ottenuto, mentre Mirandola tenta di accelerare e colpire la difesa biancorossa. La partita finisce con la vittoria della BLS Chieti e tutto il PalaSantaFilomena in estasi per aver rivisto la vera BLS che è mancata in buana parte di questo campionato, una squadra solida, con la testa sulle spalle, con una mentalità vincente e che soprattutto non si arrende mai. Il match si chiude 80 a 65 per la squadra di casa che riporta la serie sul 2 a 1.

Ora si aspetta Domenica per gara4.

Ottima la partita di tutta la squadra teatina e ottima anche la gestione di gara di Coach Domenico Sorgentone. Tra le file di casa si sono distinti soprattutto il solito Lele Rossi (12 punti, 11 rimbalzi, 6 falli subiti e un assist, una partita da trascinatore, lotta su ogni pallone e incita i compagni in ogni singola azione); Andrea Raschi (13 punti e ben 8 assist serviti ai compagni su piatti d’argento); Manuel Diomede (fenomenale quando parte in velocità, segna 14 punti e serve 2 assist); Simone Gatti (appena entra spacca subito la partita, vola ogni volta a canestro, stoppa, tira da tre, da due, giocatore completo, segna 15 punti e 2 assist) ed infine Gialloreto(quando scalda la mano fa paura con i suoi tiri brucia la retina dei canestri avversari, segna 16 punti con un 4 su 8 dalla lunga distanza). Buona anche la prestazione della panchina che ha offerto fiato e anche punti alla squadra.

Per il team ospite buona gara ma mai in partita, sono stati strangolati pian piano dal gioco della BLS. Venturelli si fa vedere solo nel primo quarto mettendo a referto 10 punti ma poi sparisce per quasi tutto il match; Mancin e Pilotti si fanno buttare fuori per 5 falli. Ottime le prestazioni di Fantinelli (14 punti e 3 assist) e Jordan Losi (il play porta avanti la squadra, è la colonna portante e quando c’è il momento del bisogno è sempre presente, segna 13 punti e serve 2 assist).

BLS Chieti – Dinamica-DWB Mirandola 80-65 (21-13; 45-29; 66-44)
BLS Chieti: Rajola 7, Gialloreto 16, Raschi 13, Micevic 6, Rossi 12; Severini, Gatti 12, Bolletta, Diomede 14, Spera. All. Sorgentone.
Dinamica-DWB Mirandola: Losi 13, Venturelli 10, Pilotti 9, Pignatti 11, Mancin 2; Fantinelli 14, Sgobba 6, Mantovani, Soliani ne, Piunti. All. Tinti.
Rimbalzi: Chieti 29 (Rossi 11), Mirandola 40 (Pignatti 9). Assist: Chieti 18 (Raschi 8), Mirandola 8 (Fantinelli 3).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy