Dopo tre overtime Treviso si fa il miglior regalo, Natale amaro per Mantova

Dopo tre overtime Treviso si fa il miglior regalo, Natale amaro per Mantova

Commenta per primo!

Inedita sfida Treviso-Mantova Per il prenatalizio al Palaverde. Treviso in forte emergenza per la assenza di Fabi e Powell. DE’ LONGHI TREVISO – DINAMICA MANTOVA 91-87 PARZIALI: 8-21; 30-33; 42-47; 63-63; 75-75 TREVISO: Abbott 16, Moretti 12, De Zardo, Spessotto, Malbasa 12, Busetto, Fantinelli 25, Powell 24, Rinaldi 12, Negri 6, Ancellotti 9. All.: Pillastrini. MANTOVA: Di Bella, Moraschini 18, Ndoja 18, Simms 11, Hurtt 16, Alviti ne, Natali ne,Fumagalli ne, Gandini 2, Amici 3, Gergati 18. All.: Martelossi. 1° quarto: Treviso parte con quintetto piccolo che prevede Busetto in spot 2 e Abbott in spot 3. Apre le danze Moraschini con una tripla. Replica, dopo due errori trevigiani, Gergati (0-6 dopo due minuti). Una brutta persa di Abbott consente l’ottavo punto mantovano in contropiede. Ancora Moraschini per il 0-10. Treviso in bambola, con ennesima persa timeout trevigiano a 6’20”. Servono 5’40” per vedere un canestro trevigiano: schiacciata di Ancellotti lasciato colpevolmente solo. Accorcia ancora Fantinelli su rimbalzo offessivo dopo un ferro di Abbott.Entra anche Malbasa al posto di Ancellotti per cercare di limitare la mobilità degli ospiti. A 3’02 sul 6-12 il Palaverde invoca un fallo antisportivo per un fallo su Abbott in contropiede, non concesso. Mantova invece punisce anche con Ndoja. E Treviso si gioca la carta Moretti sul -11 (6-17 a 1’55”). Treviso non riesce in alcun modo ad arginare né Mantova né quello che si prospetta il peggior arbitraggio dell’anno e continua ad incassare punti. Finale di quarto 8-21 con 7 di Ndoja. 2° quarto: Primi punti del quarto per Rinaldi, ben pescato da Fantinelli. La replica ospite è istantanea con una tripla di Amici. Le rotazioni difensive di Treviso stentano e Mantova può colpire ancora con Gergati. La DeLonghi vive di soluzioni estemporanee trovando due buoni punti da Moretti e tre da Malbasa (15-28 a 6′). Una tripla di Fantinelli a 3’30” riporta a -9 Treviso (21-30). La successiva realizzazione sempre di Fantinelli infiamma il palazzo. Su una persa per passi sul 23-30 è allora Mantova a chiedere timeout. Una magata di Fantinelli consente un extrapossesso che frutta i primi punti di Abbott. Il 25-32 è frutto di un bel sottomano di Hurtt. Replica istantanea di Fantinelli. Dalla lunetta Simms porta gli ospiti sul +6 (27-33), ma un meraviglioso Malbasa da tre ricuce il divario portando Treviso a -3, ad un passo dalla rimonta completa, mentre i 4577 presenti trasformano il Palaverde in una bolgia. Finale di quarto 30-33. Fantinelli 11 (con 6 reb e 4 ast), Gergati raggiunge Ndoja a quota 7. 3° quarto: Abbott, su rubata per il -1. Subito Simms a fare la voce grossa contro Ancellotti per il nuovo +3 ospite. Gladiatorio Rinaldi ancora ad accorciare da sotto canestro. E di nuovo Mantova con Ndoja. Al punticino dai liberi di Abbott risponde Gergati con un canestro dall’arco (35-40). Un piazzato di Rinaldi riavvicina nuovamente Treviso che però poi spreca e viene nuovamente trafitta. Ci pensa allora Ancellotti con una schiacciata a ripristinare il classico divario del periodo:-3.  Il terzo fallo di Rinaldi costringe Pillastrini a far entrare Malbasa.  Mantova riallunga con Hurtt (39-45), ma la notizia più brutta è il terzo fallo di Ancellotti che mette in crisi la rotazione dei lunghi trevigiani. E qui rinasce Abbott: tripla allo scadere su palla presa dalla spazzatura, un antisportivo a favore su recuperata (non monetizzato) e stoppata su Moraschini. Treviso lotta senza riuscire però a concretizzare gli sforzi. Anzi negli ultimi secondi mantova trova l’ulteriore allungo con Ndoja per il finale 42-47. 4° quarto: Fantinelli con tripla centrale per il -2 (45-47). Pareggio di Negri in entrata e fallo in attacco per Di Bella a dare ossigeno a Treviso. L’ulteriore possesso per fallo di Gergati non trova soluzioni per il sorpasso che viene invece siglato da Mantova con una ottima rotazione. Il gancetto di Rinaldi vale il -1 (49-50). Rinaldi che non riesce a sfruttare due successivi liberi per il sorpasso. Ed è allora Gergati per l’ennesimo +3.  Il sorpasso arriva con due canestri sempre di Rinaldi (53-52 a 4’20”). E i decibel al Palaverde aumentano. A 2’20” è però ancora Mantova avanti con Moraschini (55-57). No ci sta Fantinelli che con una tripla riporta avanti Treviso (58-57 a 1’24”). Esce un gigantesco Rinaldi per 5 falli. Con 60″ da giocare Treviso è avanti di 1 (60-59) grazie ad un canestro nel traffico di Fantinelli. In 7 secondi Mantova trova però un gioco da tre punti per il nuovo +2 ospite. Un canestro dalla lunetta di Fantinelli accorcia a una unità la distanza da Mantova. Con 15″ da giocare il divario torna a due punti per frutto di un libero di Moraschini. Un fallo di Simms manda Fantinelli in lunetta con 6 meno di sette secondi da giocare: parità. I sei secondi rimasti servono solo a decretare l’overtime in seguito al ferro di Moraschini. 1° overtime: Sbaglia Ancellotti, perde palla Moraschini. E si ricomincia. Pasticcia Ancellotti, non sbaglia Ndoja: +2 Mantova. Pareggia Ancellotti con un piazzato, allunga Fantinelli con una tripla su rubata di Abbott (68-35). Segue un minuto buono di confusione da entrambi i lati. Gergati porta Mantova a -1 con 1’45” da giocare, Hurtt la porta sul +1 con 1’10” sul cronometro (68-69). Una incomprensione tra Malbasa e Abbott regala il possesso agli ospiti grazie al quale Hurtt incrementa (68-70 a 49″). Pareggia Abbott con 33″ da giocare. Mantova si fa ingolosire da un extrapass, ma commette passi con Ndoja, concedendo 20 secondi e palla in mano a Treviso. La Delonghi gestisce molto male il possesso regalando palla, ma Mantova in 1″ e 77 centesimi non riesce a chiudere. Finale 70-70. 2° overtime: Malbasa STUPENDO sul piede perno per il vantaggio trevigiano. A 3’19 Ndoja accorcia di una sola lunghezza (72-71). Ancora fallosa Treviso e +1 mantovano grazie ai liberi di Gergati a 2’15”. Treviso arranca. Hurtt spreca il +3 con una schiacciata mal riuscita. Simms trova il +3 (72-75) con Simms che ridicolizza Ancellotti a rimbalzo. Treviso alle corde. Ancellotti dalla lunetta per il -2 con 55″ da giocare. Ancora Ancellotti per il pareggio con un convalidato per interferenza. Ventisei secondi per dirimere l’ennesima parità, palla a Mantova: Fantinelli inchioda, Gandini sbaglia. Tutto da rifare. 3° overtime: Parte Treviso: Abbott per Malbasa, +2. Moraschini dall’arco, -1. Fantinelli dalla lunetta: +1. Infrazione di 24″ per Mantova e nuovo possesso biancoceleste finalizzato da Negri dopo una ottima rotazione (81-78). Rimbalzo difensivo di Negri e Abbott da 3 per il +6 (84-78 a 2’36”). Amici forza e sbaglia. Nel ribaltamento Abbott si guadagna un fallo che un patetico Moraschini, evidentemente sprovvisto di cifre, così commenta avvicinandosi ad un arbitro “Ci avete massacrato”: triplo viaggio dalla linea della carità che frutta il 87-78 con 2′ da giocare.  Gergati fa solo 1/2 ai liberi e Mantova insegue di 8. Delirio di onnipotnza di Abbott che trova solo il ferro. Sbaglia Moraschini, perde palla Negri. Hurtt accorcia da due, poi riallunga Moretti da tre e replica ancora Hurtt dalla lunga distanza. Sul 90-84 Negri non uccide la partita sbagliando due liberi. E’ ancora Hurtt a dare speranza agli ospiti col canestro del -4 a 13″. Il fallo di Ndoja manda Moretti in lunetta per un 1/2. L’ennesimo regalo arbitrale concede tre tentativi a Moraschini che ne manda a bersaglio solo uno. Ed è finale: 91-87, 25 Fantinelli, 19 Moraschini. Partita con dei tratti ben definiti per tutto lo svolgersi dei 40 minuti: una DeLonghi priva delle due ali titolari mette il cuore per riuscire a fronteggiare una Mantova apparsa più lunga, più potente e più -nomen omen- dinamica. Encomiabile la partita dei padroni di casa che trovano soprattutto nella duttilità di Malbasa e nella fiammate di Fantinelli e Rinaldi le risorse per fronteggiare un avversario decisamente ben attrezzato in tutti i settori del campo. La partita poi nei tempi supplementari è una gara a sé, dove contano più i nervi che il resto. O forse il cuore. E su questo Treviso non è seconda a nessuno. MVP indiscutibile Fantinelli: 25 punti, 11 rimbalzi, 11 assist. Ancora lodi per Malbasa, che da scaldare la panca passa ad una prestazione che in 38 minuti frutta 12 pti col 71% dal campo e il miglior +/- (+16). Migliora l’inserimento di Abbott, ancora molto impreciso al tiro, ma fondamentale in difesa.

Fotogallery a cura di Thomas Barea

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy