E sono dodici, Treviso batte anche Udine

E sono dodici, Treviso batte anche Udine

Treviso si aggiudica il derby contro i “cugini” della GSA e ribalta anche la differenza canestri.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – GSA UDINE 80-64 (22-19, 39-35, 64-51)

DE’ LONGHI TREVISO: Brown 16 (7/11 da 2), Sabatini 6 (0/2, 2/5), Bruttini 8 (1/2 da 2), Swann 7 (2/2, 1/6), Musso 7 (2/4, 1/5), Antonutti 15 (3/4, 2/3), Imbrò 8 (1/1, 2/3), Fantinelli 9 (4/6, 0/1), Lombardi 4 (2/3 da 2), ne: Leardini, Barbante, Nikolic.

GSA UDINE: Dykes 23 (8/16, 1/3), Mortellaro 5 (2/3 da 2), Veideman 13 (1/2, 3/10), Raspino 4 (1/2, 0/1), Pinton 2 (1/1, 0/3), Ferrari 6 (2/3 da 2), Chiti, Pellegrino 4 (1/5 da 2), Diop 5 (2/4 da 2), Bushati 2 (1/1, 0/5), ne: Benevelli

NOTE: pq 22-19, sq 39-35, tq 64-51. Tiri liberi: Treviso 12/19, Udine 14/24. Rimbalzi: Treviso 34 (Brown 2+5), Udine 37 (Diop 5+3). Assist: Treviso 21 (Fantinelli 11), Udine 16 (Dykes 5).

Per la ventiseiesima giornata di A2 girone Est si respira aria di derby in un Palaverde sold out, a Villorba infatti sono giunti i “cugini” di Udine. Entrambe le squadre si trovano appaiate al terzo posto a 32 punti, con i friulani ad aver vinto il match di andata al Carnera, per Treviso gran parte del destino nei playoff passa dalla gara di oggi e dalla eventualità di ribaltare la differenza canestri. La partita vede partire Udine fortissima nei primi cinque minuti di gara, ma poi Treviso riesce a prendere le misure grazie ad Antonutti. La gara è decisamente godibile con Udine ad avere il pieno controllo dei rimbalzi con Diop e Treviso che tenta le prime spallate; la vera azzannata arriva, come al solito nel terzo quarto con un Brown sugli scudi, l’ultimo periodo vede soltanto crescere il divario in favore dei padroni di casa che vincono per 80 a 64 e ribaltano agevolmente il risultato dell’andata.

PRIMO PERIODO: i cinque scelti da Pillastrini sono Fantinelli, Imbrò, Musso, Antonutti e Brown, mentre il quintetto di Lardo vede in campo Veideman, Dykes, Raspino, Diop e Mortellaro. Udine parte subito forte e con Veideman e Diop va subito sul 5-0, prima con un terzo tempo di Musso romba il ghiaccio per i padroni di casa (5-2, 7:30). Il primo quarto si viaggia a ritmi vertiginosi con la GSA a mettere una pressione e un’intensità pazzesche, la De’ Longhi si fa un po’ sorprendere ma incassa bene il colpo e con due azioni di Antonutti, prima una tripla e poi una rubata, ritrova la parità a ridosso della metà del periodo costringendo Lardo al time out discrezionale (13-13, 4:50). Il primo vantaggio trevigiano, manco a dirlo, porta il nome del solito numero 9, che con un gioco da 3 punti guida i suoi al +1 (16-15, 3:40). Udine, grazie a Diop, fa il vuoto a rimbalzo ma non riesce a mantenere le percentuali dei primi minuti, TVB invece cresce di possesso in possesso; al termine dei primi dieci minuti il punteggio è di 22-19.

SECONDO PERIODO: la De’ Longhi riprende da dove aveva lasciato e, anzi, stringe ancor più le maglie in difesa riuscendo a recuperare un paio di palloni preziosi che le permettono di allungare fino al +7, al momento gli unici problemi per i padroni di casa sono i due falli di Fantinelli e i tiri liberi (30-23, 7:00). I friulani provano a risalire la china e un pallone alla volta, grazie soprattutto a Raspino, riescono a rientrare fino a -3, prima che Pillastrini chiami un time out per riorganizzare le sue carte (34-31, 2:20). La macchina biancoblu sembra essersi inceppata senza la guida del suo playmaker titolare, mentre i ragazzi di Lardo sono riusciti a prendere le contromisure necessarie giungendo quasi a contatto (36-35) a pochi secondi. Restano 5 secondi e spicci sul cronometro e Pillastrini decide di chiamare time out per disegnare l’ultima azione: capolavoro di Imbrò dall’angolo che insacca una tripla fondamentale e manda tutti alla pausa sul 39-35.

TERZO PERIODO: al rientro in campo Treviso fa subito la voce grossa con Brown, ormai è un fatto assodato il terzo periodo è quello in cui TVB tenta di azzannare il match, e infatti a metà frazione i padroni di casa sono a +11 (53-42, 5:00). Il prosieguo del periodo è un po’ nervoso e frenetico, le squadre mostrano un gioco più contratto nella metà campo offensiva e difese più sporche. La frazione si conclude con un altro buzzer beater trevigiano, stavolta firmato Swann che manda Treviso all’ultima pausa con 13 lunghezze di vantaggio, 64-51.

QUARTO PERIODO: anche negli ultimi dieci minuti a disposizione, la De’ Longhi decide di partire dando un’impronta difensiva al suo gioco, così da mettere definitivamente fuori ritmo la GSA, in attacco invece fa circolare bene la palla e, a differenza di quanto successo per larghi tratti di partita, punisce col tiro da tre punti (71-54, 5:30). Gli ultimi 5 minuti non hanno granché da dire, il divario cresce ancora, anche un po’ immeritatamente per quello che Udine ha dimostrato, vince Treviso 84-64 e riesce anche nell’impresa di ribaltare la differenza canestri.

MVP BASKETINSIDE: John Brown 16 punti, 7 rimbalzi, 3 recuperi.

Fotogallery a cura di Thomas Barea.

De' Longhi Treviso

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy