F G2 – La De’ Longhi congela Capo d’Orlando, anche gara 2 è sua

F G2 – La De’ Longhi congela Capo d’Orlando, anche gara 2 è sua

Priva di Triche, la Benfapp dura appena un quarto prima che Treviso dilaghi guidata da un super Tessitori.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – BENFAPP CAPO D’ORLANDO 82-56 (16-12, 44-19, 65-37)

TREVISO BASKET: Tessitori 18 (6/8, 1/1), Logan 9 (3/4, 1/7), Burnett 17 (4/6, 2/4), Sarto 6 (0/1, 2/4), Alviti 7 (2/2, 1/2), Saladini, Vanin (0/1 da 3), Barbante (0/1 da 3), Imbrò 7 (0/2, 1/2), Chillo 3 (0/2, 0/1), Uglietti 5 (2/2, 0/2), Severini 10 (2/2, 2/4).

CAPO D’ORLANDO: Bruttini 8 (1/2 da 2), Trapani 3 (2/5, 0/3), Laganà 3 (1/5, 0/1), Parks 12 (3/13, 0/1), Mobio 2 (1/2 da 2), Murabito 3 (0/1, 1/2), Mei 2 (0/1, 0/4), Bellan 16 (2/6, 3/4), Galipò (0/1 da 3), Neri, Donda 4 (1/2 da 2), ne: Triche.

NOTE: pq 16-12, sq 44-19, tq 65-37. Tiri liberi: Treviso 14/26, Capo d’Orlando 22/31. Rimablzi: Treviso 41 (Tessitori 3+8), Capo d’Orlando 33 (Bruttini 2+9). Assist: Treviso 19 (Burnett 7), Capo d’Orlando 7 (3 giocatori a 2).

Archiviata gara 1 con la vittoria trevigiana, in realtà meno netta di quanto non dica il punteggio (90-72), per le due formazioni è già il momento di calcare nuovamente il parquet di Villorba per il secondo atto di questa sfida verso la promozione. Il mantra dei ragazzi di Menetti è difendere il fattore campo, sicuramente per andare in sicilia con i due match point, ma soprattutto per affrontare con più serenità due sfide su un campo difficile come il PalaFantozzi, che tra regular season e playoff ha un record di 17-3. L’Orlandina, dal canto suo, proverà sicuramente ha tenere alta l’intensità per tutti i 40 minuti, evitando il crollo subito nel terzo quarto di domenica, con l’obiettivo di strappare il fattore campo, affidandosi alla coppia propria americana, anche la punta di diamante Triche non sarà fisicamente al meglio dopo la botta rimediata in gara 1 al ginocchio destro. Un quarto, questo è durata gara 2 con Capo d’Orlando priva del suo faro Brandon Triche. Parte forte l’Orlandina con un parziale di 5-0, ma Treviso rientra a suon di triple e sul finale allunga grazie a capitan Imbrò, da qui in poi è un monologo trevigiano con protagonista indiscusso un super Amedo Tessitori a spadroneggiare sotto le plance. A fine secondo quarto i padroni di casa sono a +25, con la panchina siciliana che non sa più a che santi votarsi, al rientro dopo la pausa lunga la de’ Longhi non commette errore ed allunga ulteriormente, regalandosi il lusso di far riposare Logan. Vince Treviso in modo ancora più schiacciante rispetto a gara 1 ed ora vola al PalaFantozzi con due match point, il sogno promozione non è mai stato così vicino.

PRIMO PERIODO: cambiamento tra le fila del quintetto siciliano, Laganà parte al posto di Triche, che evidentemente accusa ancora più del previsto la botta al ginocchio, gli altri quattro sono i soliti Bella, Parks, Trapani e Bruttini, per Trevio invece nessun cambiamento con Logan, Imbrò, Burnett, Severini e Tessitori. A rompere il ghiaccio è proprio il numero 9 della Benfapp con un’entrata, a cui fa seguito la tripla di Bellan (5-0, 8:30). La De’ Longhi come in gara 1 si affida molto al proprio tiro da oltre l’arco, ma questa volta con più fortuna, protagonista della prima metà frazione è Luca Severini che con 8 punti porta i suoi al primo vantaggio (11-9, 4:50). Se l’intensità di gara 1 era alta, quella di questa sera è stellare, la veemenza dei contatti non ha precedenti in questa serie e gli arbitri si trovano a svolgere un lavoro per nulla invidiabile. L’gonismo non serpeggia solo in campo ma anche tra le panchine, con coach Sodini che si abbandona in proteste ai limiti, se non oltre, del fallo tecnico, giudicando non leciti alcuni contatti della difesa trevigiana. Questo primo periodo ricalca molto quello visto domenica scorsa e termina con il punteggio sul 16-12 per i padroni di casa.

SECONDO PERIODO: parte subito forte la De’ Longhi ad inizio di seconda frazione e con un aparziale di 5-1 dopo appena due minuti e mezzo, Sodini è costretto a chiamare un time out discrezione per riorganizzare la retroguardia (21-13, 7:30). Al rientro dal minuto di sospensione è rottura prolungata per Capo d’Orlando che subisce un ulteriore 6-0, con lo staff siciliano a richiedere un’altra interruzione, quanto meno per arginare la situazione (27-13, 6:00). L’Orlandina proprio non c’è e perde due sanguinosi palloni che si trasformano in 4 punti per Treviso, in attacco segna soltanto due liberi accusando nel peggiore dei modi l’assenza di Triche e con un Parks ottimamente limitato, mentre in difesa prova con qualche tatticismo e schiera una zone press 3-2, che però non raccoglie alcun risultato positivo, anzi, TVB riesce ad aprire la scatola con il tiro da tre punti e a spadroneggiare il pitturato con tessitori. Il parziale è sanguinoso per gli ospiti che riescono a segnare un unico canestro dal campo con Parks e per il resto si affidano ai liberi, alla pausa lunga il referto recita +25 per i padroni di casa a quota 44-19.

TERZO PERIODO: ad inizio ripresa la musica non cambia e i ragazzi di Menetti gestiscono bene il vantaggio, contrallando il ritmo partita, seppur perdendo qualche pallone di troppo e litigando con i tiri dalla lunetta. A poco meno di tre minuti dalla fine Uglietti vola in contropiede e chiude un gioco da tre punti che vale il +31 per i biancocelesti della Marca, Menetti schiera già il giovane Saladini, i giochi sembrano praticamente chiusi. La Benfapp è completamente fuori partita, riesce a fare meglio del quarto precedente, ma di fatto il gap nel punteggio aumenta, unico lampo d’orgoglio è la schiacciata in 360 di Jordan Parks. All’alba degli ultimi dieci minuti il punteggio proclama un severo +28 per TVB sul 65-37.

QUARTO PERIODO: l’ultima frazione di gioco è puro garbage time, entrambi i coach schierano i propri under, con ben poco da raccontare: tutto l’agonismo del primo quarto è scemato e la testa è già a gara 3 in programma lunedì al PalaFantozzi, con coach Sodini a sperare di recuperare Triche e Menetti a giocarsi i suoi due match point. Il punteggio finale è 82-56 per Treviso che vince con autorevolezza anche gara 2.

MVP BASKETINSIDE: Amedeo Tessitori 18 punti (7/9 dal campo), 11 rimbalzi, 2 recuperi, 30 di valutazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy