F8 A2 QF – Ferguson sorprende Udine e Biella vola ai quarti della Coppa Italia LNP

F8 A2 QF – Ferguson sorprende Udine e Biella vola ai quarti della Coppa Italia LNP

Triple e spettacolo quello della sfida tra Biella ed Udine con i giganti della Serie A2: due squadre che non hanno mai mollato con monumentali giocate e spettacolo dalla lunga distanza. Premiato Ferguson come miglior realizzatore della gara con 25 punti personali.

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

Cosa è successo nella seconda gara della prima giornata di questa Coppa Italia LNP edizione 2018? Le due sfidanti si sono presentate con il vestito buono, quello pieno di ricami e senza grinze. Difficile scegliere il più bello. Ferguson è stato l’ago della bilancia del complesso di gara ma non possiamo non citare Diop, Dykes o Pellegrino per Udine così come Bowers e Wheatle per Biella. Un gran bello spettacolo!

La cronaca della gara

La GSA Udine approccia la partita subendo nonostante Diop verticalizzi a rimbalzo. Ne approfitta l’esperienza di Tessitori, Bowers e Ferguson che costringono all’angolo i bianconeri per la prima metà del quarto. Poi Pellegrino riesce  a recuperare terreno grazie anche al supporto di Diop e Dykes. La parità 15 viene raggiunta quasi allo scadere del tempo. Il 97 Rattalino segna i suoi primi due punti della gara ma Mortellaro chiude la porzione di quarto sul 17 pari.

Udine rientra in campo carica al punto di sparare subito una bomba con Nobile e giocarsi immediatamente la carta del primo vantaggio di gara. Sgobba e Wheatle hanno un’intesa perfetta e riescono a centrare l’obiettivo della rimonta. Nonostante il 23 a 21 arrivi dopo due minuti di gioco su tiro da tre di Bushati, Wheatle non perde mai il focus della gara. L’alternanza di possessi si avvicenda in campo con intensità da ambedue le parti. Tra Sgobba, il cecchino Bushati e Ferguson, si arriva a metà del tempo al suon di triple sul 34 a 30 per Biella. Sotto canestro le difese sono inviolabili: Pellegrino, Sgobba e Uglietti si contendono rimbalzi recuperando anche palloni importanti che vengono puntualmente finalizzati dalla lunga distanza. Non c’è mai uno strappo vero e proprio. Pellegrino commette un errore di troppo sullo scadere del tempo e la stoppata si trasforma nel vantaggio Biella 41 a 40.

Il rientro dall’intervallo lungo è piuttosto teso e il nervosismo e la tensione danno origine ad un lungo momento di empasse che dura ben due minuti fino al fallo di Diop su Uglietti. L’ex Latina passa in lunetta per un 1 su 2. (42 a 40). Pellegrino sempre presente a rimbalzo e Diop in elevazione, cercano di bloccare Biella sulla parità 45 e di guadagnare punti. Stavolta la schiacciata di Dykes va a segno e con i due punti precedenti di Pellegrino, Udine stacca Biella per la prima volta di 4 lunghezze. Timeout sul 45 a 49 a 4 minuti di gioco. I ragazzi di Carrea hanno le polveri bagnate. Tessitori sembra aver finito le munizioni. Biella fa fatica e questi 4 punti sembrano incollati al tabellone. Dykes fa un lavoro incredibile e supplisce anche alla poca fortuna dalla lunetta. Il recupero faticoso di Biella arriva conseguente al fallo tecnico elevato alla panchina di Udine e in un attimo le sorti vengono ribaltate: 54 a 51 per Biella quando mancano solo 78 secondi alla fine del terzo quarto. Il contributo di Lollo Uglietti e la bomba sulla sirena di Ferguson regalano un 58 a 52 e un +6 a Biella alla fine del terzo parziale.
L’equilibrio iniziale del quarto, mantenuto sul 2 pari per quasi due minuti di gioco, viene interrotta dalle triple del maniscalco Dykes che controbatte al fuoco di Wheatle: è una lezione di tiro che viene messa in campo, è l’artiglieria di Kyndall, il soldato USA contro la freddezza inglese di Sir Carl. Ma questo siparietto non sposta il conto dei canestri a tabellone. A metà del quarto la situazione è 70 a 61 per Biella e il vantaggio è divenuto +9. Con la tripla di Bowers a 4 minuti dalla fine della gara, ⅘ del quintetto Biella è in doppia cifra ma Pellegrino, che era rimasto silente, domato dall’avversario, riprende le fila del gioco: la tripla di Diop sul timeout Biella, segna il recupero dei bianconeri: 73 a 70 e tutto fa giocare in questi ultimi 150 secondi! Bushati manda in lunetta Tessitori e sul ribaltamento Diop mette in pari il conteggio: la differenza non riesce a farla nemmeno la mirabolante tripla di Bushati perchè Ferguson è sempre pronto con la contraerea. La gara si chiude sull’82 a 75 con il premio di miglior realizzatore a Jazzmarr Ferguson.

Pallacanestro Biella vs GSA Udine: 82 a 75

Pallacanestro Biella: Ferguson 25, Albano, Bowers 12, Uglietti 10, Ambrosetti NE, Pollone L. 3, Pollone M. NE, Wheatle 15, Rattalino 2, Tessitori 7, Sgobba 8. Coach Michele Carrea; assistente Francesco Viola

G.S.A. Udine: Dykes 17, Mortellaro 5, Veideman 2, Raspino 4, Nobile 3, Pinton NE, Ferrari 2, Chiti NE, Pellegrino 14, Diop 12, Bushati 16. Coach Lino Lardo; assistente Paolo Montena.

 

La sala stampa a cura di Elisa Ortolani

Ferguson

Gli articoli di Alessandra Ortenzi per la Coppa Italia LNP 2018

Strumenti digitali squadre Serie A2 Coppa Italia 2018

Sala Stampa Trieste vs Tortona

Recap Biella vs Udine

Sala Stampa Casale vs Ravenna

Recap Bologna vs Trapani

Sala Stampa Tortona vs Biella

Recap Ravenna vs Bologna

Sala Stampa Omega vs Cento

Recap Tortona vs Ravenna

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy