Ferrara non rientra dagli spogliatoi, Treviso è troppa roba

Ferrara non rientra dagli spogliatoi, Treviso è troppa roba

Dopo lo stop di Verona Treviso torna subito a vincere di fronte ad un Palaverde sold out.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – BONDI FERRARA 74-60 (13-12, 38-29, 59-41)

DE’ LONGHI TREVISO: Brown 9 (4/10 da 2), Sabatini 4 (1/2, 0/1), Bruttini 5 (2/3 da 2), Swann 4 (1/4 da 3), Musso 9 (3/4, 1/5), Antonutti 8 (4/7, 0/2), Imbrò 17 (1/3, 5/7), Fantinelli 11 (4/10, 1/2), Lombardi 7 (2/6, 1/3), ne: Barbante, Poser, Negri.

BONDI FERRARA: Rush 12 (4/6, 1/3), Trombini (0/2 da 2), Hall (0/7, 0/3), Fantoni 14 (5/10 da 2), Carella, Donadoni 2 (1/2, 0/1), Molinaro 3 (0/2, 1/2), Cortese 16 (6/12, 1/6), Panni 9 (0/1, 3/5), Moreno 4 (0/2, 1/4), ne: Dioli.

NOTE: pq 13-12, sq 38-29, tq 59-41. Tiri liberi: Treviso 5/8, Ferrara 7/14. Rimbalzi: Treviso 40 (FAntinelli 10), Ferrara 46 (Hall 5+7). Assist: Treviso 21 (Fantinelli 7), Ferrara 14 (Cortese 5).

Dopo il weekend di pausa dovuto alla Coppa Italia, si riaprono le porte del Palaverde con la De’ Longhi ad accogliere il Basket Kleb Ferrara per la 24esima giornata del girone Est di A2 e per quest’occasione il parquet di Villorba si è rifatto il look con il nuovo logo di TVB a centrocampo. Treviso, nonostante la sconfitta rimediata due settimane fa a Verona, si trova in un ottimo momento di forma come testimoniano le nove vittorie consecutive, anche la Bondi, dopo un girone di andata piuttosto altalenante, è riuscita a trovare la quadra ed è in striscia aperta di cinque successi. La partita non è praticamente mai in discussione con Treviso che fin da subito si porta sull’8-0, la Bondi dà battaglia per tutto il primo quarto, ma già nella seconda frazione sotto le bombardate di Imbrò comincia a dare segni di cedimento. Il terzo periodo è quello dell’ipoteca per la De’ Longhi che vola a +20 e di fatto chiude la contesa, il periodo finale conferma i valori in campo e conduce i trevigiani ad un vittoria di 14 lunghezze per 74-60.

PRIMO PERIODO: il quintetto base di Pillastrini è composto da Fantinelli, Imbrò, Musso, Antonutti e Brown, mentre i cinque scelti da Bonacina sono Moreno, Cortese, Rush, Hall e Fantoni. Fin dalla palla a due il ritmo è elevatissimo per entrambe le formazioni anche se le mani sono ancora freddine, questo soprattutto per quanto riguarda la Bondi che dopo oltre quattro minuti è ancora a zero punti, mentre Treviso ha un parziale aperto di 8-0, che costringe Bonacini al time out discrezionale (8-0, 5:30). Al rientro in campo Ferrara trova il suo primo canestro con Fantoni al quale fa immediatamente seguito Rush, entrambi dal pitturato. Dal time out il parziale estense è di 2-10, con Cortese a firmare il primo riaggancio, al quale segue la risposta immediata di Imbrò con una tripla d’autore (13-10, 1:00). Il periodo si conclude con una bella schiacciata del solito Riccardo Cortese per il 13-12.

SECONDO PERIODO: il secondo periodo si apre in maniera frenetica: Cortese perde palla sotto la pressione difensiva di Sabatini che vola in contropiede e regala l’assist a Bruttini che viene annullato da una stoppata al settimo cielo di Molinaro. Le squadre continuano a correre a ritmi forsennati e ad averne la meglio è TVB che in due minuti vola a +8 prima che Bonacina interrompa il gioco (23-15, 8:00). Il protagonista di questa seconda frazione è Matteo Imbrò (fin qui 14 punti di cui 11 in questo periodo) che dall’arco ha la mano a dir poco calda ed è il principale fautore del solco scavato da Treviso nella fase centrale del quarto (37-22, 3:00). Negli ultimi tre giri di orologio la Bondi fa registrare un contro parziale di 1-7, dove la De’ Longhi è riuscita ad andare a referto unicamente con un tiro libero di Brown, si va quindi alla pausa lunga con il tabellone sul 38-29 e Ferrara che torna sotto la doppia cifra di svantaggio.

TERZO PERIODO: Ferrara sembra essere rimasta negli spogliatoi: in sei minuti segna soltanto 4 punti, mentre Treviso arriva al massimo vantaggio di +23 con estrema facilità. La macchina trevigiana, forse un po’ appagata del vantaggio creatosi, alza il piede dall’acceleratore e rallenta fin quasi allo stop la sua produzione offensiva segnando solo un tiro libero con Bruttini negli ultimi tre minuti. all’ultima pausa il risultato è sul 59-41.

QUARTO PERIODO: gli ultimi dieci minuti sono puro e inguardabile garbage time, la De’ Longhi resta intorno al +20 punto più, punto meno. Com’è normale aspettarsi Treviso molla ulteriormente, cosicché la truppa estense accorcia nel finale e il risultato conclusivo e di 74-60.

MVP BASKETINSIDE: Matteo Imbrò 17 (5/7 da 3), 6 rimbalzi, 4 assist, 25 di valutazione.

Foto gallery a cura di Thomas Barea.

Eric Lombardi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy