Gli Stings pungono negli ultimi minuti e Treviglio soccombe in casa contro Mantova

Gli Stings pungono negli ultimi minuti e Treviglio soccombe in casa contro Mantova

Commenta per primo!

Brutta sconfitta per la Remer Treviglio che, dopo l’esaltante vittoria in rimonta di mercoledì scorso contro Omegna, subisce la stessa sorte ed esce sconfitta dal secondo impegno casalingo per mano della Dinamica Mantova con il punteggio di 69-72. Un finale amarissimo per i ragazzi di Vertemati che sono stati avanti per più di 38 minuti e, dopo il +13 di metà partita, subiscono il ritorno inesorabile dei ragazzi allenati da Alberto Morea e vengono sorpassati a 1’46’’ dal termine dalla tripla di Losi, senza riuscire in alcun modo a reagire in un ultimo quarto caratterizzato dal decisivo parziale di 22-7 a favore degli ospiti che da’ loro i 2 punti e getta nello sconforto i giocatori e i tifosi della Remer; da sottolineare la grande prova di Mantova che, nonostante le assenze per infortunio, riesce a reagire da vera squadra allo svantaggio e a portare a casa un match importantissimo per la classifica.

Vertemati schiera per la palla a due Marino in regia, Kyzlink e Gadson sugli esterni, Ihedioha e Rossi sotto canestro; dall’altra parte Morea, che deve fare a meno di Pignatti e ha Nardi fermo in panchina, sceglie di mandare in campo Veccia in cabina di regia, Losi e Ranuzzi sugli esterni, Clemente e Jefferson sotto le plance.

Inizio di match favorevole per Mantova che va subito a canestro con la coppia di lunghi Clemente-Jefferson, mentre dall’altra parte è Gadson il più attivo della Remer con una tripla a conclusione di un contropiede e diverse buone conclusioni ben assistito da Marino, per una Blu Basket che cerca spesso l’appoggio al lungo in attacco per liberare spazi per gli inserimenti degli esterni o per sfruttare i raddoppi e trovare il tiro dall’arco; la scelta paga e Treviglio, beneficiando degli errori al tiro della Dinamica che dopo i 4 punti in apertura di quarto non trova più la via del canestro, si ritrova avanti 9-4 a metà del primo parziale e costringe Morea al primo time out del match. La Blu Basket continua a trovare buone soluzioni dall’arco con Gadson (10 punti per lui nei primi 10 minuti) e Ihedioha, mentre Mantova prova a cercare di più la penetrazione con Losi e, soprattutto, si appoggia a Clemente (10 punti anche per lui in questo inizio di partita) sotto canestro per far valere la sua potenza fisica e trovare facili canestri da 2, una soluzione che da’ parecchie noie ai lunghi trevigliesi tanto da portare Vertemati a un time out per tentare di porvi rimedio. La Remer risponde facendo sentire i muscoli su entrambi i lati con Rossi e De Paoli molto attivi sotto le plance e chiude il primo quarto avanti 23-17.

Treviglio apre il secondo quarto con una tripla di Ihedioha, fondamentale in cui s’incaponisce fin troppo sbagliando un po’ troppe conclusioni, e cerca di scardinare la difesa mantovana sfruttando l’asse Marino-Rossi; dal canto suo, Mantova continua a mettere in difficoltà i bergamaschi con la sua fisicità sotto canestro e attacchi veloci dalla rimessa che mandano su tutte le furie Vertemati. I suoi ragazzi provano a metterci più attenzione pressando i giocatori mantovani e così nasce il 5-0 costruito con il piazzato di Rossi e la tripla in contropiede di Kyzlink che porta Treviglio a +12 (35-23) a 5’54 dall’intervallo lungo. Seconda parte di quarto in cui Rossi è il pericolo numero uno per i difensori mantovani che sembrano non poterlo arginare in alcun modo (già in doppia doppia con 18 punti e 11 rimbalzi a metà partita, 12 punti in questo secondo quarto), con Mantova che cerca con il solo Clemente di riportarsi sotto la doppia cifra di svantaggio senza alcun risultato e va negli spogliatoi sotto di 13 lunghezze (46-33).

Al ritorno sul parquet si replica l’inizio del quarto precedente con una tripla di Ihedioha dall’angolo e Losi che dall’altra parte che si prende più responsabilità in attacco rispetto alla prima parte di partita e riesce a ricucire lo svantaggio fino a -10 (51-41) con la tripla di Veccia. L’attacco biancoblù sembra più macchinoso rispetto ai quarti precedenti, complice anche la buona intensità difensiva degli ospiti, ma Rossi continua a colpire la difesa mantovana sotto canestro e a fare a sportellate su entrambi i lati con Clemente e Jefferson dando vita a un grande duello. Dopo il 2/2 ai liberi di Ranuzzi a 6’40’’ dal termine del quarto, Mantova inizia a litigare con il canestro e non riesce a perforare la difesa trevigliese dal campo, tornando a segnare solamente a 3 minuti dal termine con il 3/3 ai liberi di Alibegovic, a fronte di una Remer non brillantissima al tiro che le consente di mantenere uno svantaggio medio che si aggira attorno ai 10-12 punti. In chiusura di quarto, Treviglio prova ad allungare con Kyzlink e la tripla di “Bum Bum” Carnovali, a fronte dei canestri di Clemente e Alibegovic, e va all’ultimo quarto con un vantaggio abbastanza rassicurante di 12 lunghezze (62-50).

Gli ultimi 10 minuti iniziano con un Alibegovic molto attivo per Mantova (3/5 ai liberi nei primi 3 minuti di gioco), mentre Treviglio appare molto confusionaria in attacco e distratta in difesa sino alla schiacciata di Jefferson a 7’39’’ dal termine che porta la Dinamica a -7 (62-55) e costringe Vertemati al time out.

A 5’23’’ dal termine la Remer trova i primi punti del quarto con una carambola fortunosa sotto canestro da cui esce vincitore Rossi, reagendo al -5 di Mantova realizzato in precedenza da Clemente (62-57), ma riceve la tegola del problema al ginocchio occorso a Marino che è costretto a lasciare il campo furibondo. La Dinamica prova a sfruttare il momento favorevole con la tripla frontale di Losi e il contropiede di Alibegovic che vale il -3 Mantova a 2’59’’ dalla fine e un nuovo minuto di sospensione per Treviglio. Priva della leadership di Marino in regia e con un’area mantovana impenetrabile per gli attaccanti trevigliesi che vengono respinti dalle stoppate di Jefferson e Clemente, la Remer scompare dal parquet del PalaFacchetti e, nonostante l’1/2 ai liberi di Rossi, subisce il 5-1 di Mantova confezionato da Alibegovic e dalla tripla ignorante di Losi che danno il +1 Dinamica a 1’46 dal termine (67-68). Gli Stings vanno a segno ancora con Losi, rispondendo a una Treviglio impalpabile ed egoista in campo nei suoi singoli che non sfruttano la circolazione di palla in attacco preferendo conclusioni personali. Gadson ridà respiro con il contropiede del -1 (69-70) a 30’’ dal termine ma Treviglio pasticcia nella successiva azione offensiva dando a Losi la possibilità di fare 2/2 ai liberi e portare gli ospiti sul +3 a 4’’ dalla fine; l’ultimo tiro è per Alessandri che tenta la tripla del supplementare e trova la stoppata di un super Alibegovic che consegna a Mantova la vittoria con il risultato finale di 69-72.

MVP del match è Ramon Clemente (doppia doppia con 22 punti e 12 rimbalzi) che ha dimostrato una grandissima fisicità sotto canestro e una buona abilità al tiro; decisivi Losi (18 punti) e Alibegovic (13 punti, 8 falli subiti, 4 rimbalzi), da sottolineare le 5 stoppate rifilate agli attaccanti trevigliesi da Jefferson.

Per Treviglio non basta la doppia doppia di Rossi (25 punti e 22 rimbalzi), i 13 punti di Ihedioha e i 14 di Gadson (impalpabile e troppo egoista, però, nella seconda parte di partita), in una prestazione in cui ha pesato moltissimo l’uscita per infortunio di Marino nel momento decisivo che ha mandato in totale confusione una squadra già di per sé stravolta dal parziale monstre di Mantova negli ultimi 10 minuti.

Un colpo dal punto di vista emotivo per Treviglio che, persa l’imbattibilità casalinga, dovrà cercare di reagire immediatamente iniziando dal prossimo match in trasferta contro Ferrara per tentare di dimenticare subito questa prestazione incolore.

Remer Treviglio 69–72 Dinamica Mantova (parziali: 23-17, 46-33, 62-50)

Remer Treviglio: Alessandri 1, Carnovali 3, Kyzlink 9, Marino 2, Flaccadori, Spatti, De Paoli 2, Ihedioha 13, Rossi 25, Gadson 14. All. Adriano Vertemati

Dinamica Mantova: Jefferson 5, Veccia 5, Sissa n.e., Clemente 22, Ranuzzi 7, Nardi n.e., Alibegovic 13, Allodi 2, Cirelli n.e., Losi 18. All. Alberto Morea

Fotogallery a cura di Danilo Scaccabarossi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy