La Gsa Udine fa 13 in casa e aggancia la Tezenis

La Gsa Udine fa 13 in casa e aggancia la Tezenis

Nell’ultima gara al Carnera della regular season i friulani mettono a segno la tredicesima vittoria (su 15 disputate) e agguantano il quarto posto. Mvp Simpson con 24 punti

di Barbara Castellini

Finale spettacolare per la Gsa Udine. Nell’ultimo match interno della regular season, la formazione di Alberto Martelossi batte 76-71 la Tezenis Verona e la aggancia al quarto posto del girone Est della Serie A2. In attesa dell’ultimo turno che si disputerà tra sei giorni (i friulani saranno impegnati a Treviso contro la De Longhi, mentre i veneti riceveranno la Baltur Cento), Powell & co. si godono questo risultato importantissimo, centrato in un PalaCarnera per l’ennesima volta sold out. Un successo ottenuto al termine di una gara combattuta, con un primo quarto spettacolare con percentuali inusuali in A2 (78 per cento nei tiri da 3 per Udine, 83 nei tiri da 2 per Verona) e un prosieguo più spezzettato ma sempre piacevole. Mvp dell’incontro Trevis Simpson autore di 24 punti, seguito dal grande ex (snaiderino) Sasha Vujacic, 22 punti.

Gsa Udine Tezenis Verona Mortellaro PowellCoach Martelossi opta per il quintetto tipo (con la sola eccezione di Riccardo Cortese ancora out per la frattura al gomito riportata nel corso della sfida con Cagliari dello scorso 16 marzo) con: Penna, Simpson, Powell, Nikolic e Pellegrino. Il collega Luca Dalmonte risponde con: Amato, Vujacic, Severini, Poletti e Candussi. Il primo canestro porta la firma di Pellegrino, a segno dopo 18 secondi di gioco (2-0). Immediata la replica di Tezenis che si porta subito avanti con la tripla di Severini (2-3). La formazione veronese continua ad attaccare con efficacia e si porta sul +8 dopo due minuti e 32 secondi di gioco (2-10). A interrompere il buon momento degli ospiti ci pensa nuovamente Pellegrino (4-10). Le squadre continuano a colpire a suon di triple. Proprio una di queste a metà periodo, siglata da Simpson, consente all’Apu di riportarsi avanti (13-12). In un primo periodo ultra-corretto (solo un fallo per parte) è lo spettacolo a farla da padrone: nel giro di due minuti vanno a segno dalla linea dei tre punti, nell’ordine, Vujacic, Amato, Powell, ancora Vujacic, Penna e Poletti (19-24). A 52 secondi dalla prima sirena i veneti allungano nuovamente con una tripla del “solito” Vujacic (21-29), ma proprio allo scadere la tripla di Simpson chiude la prima frazione sul 27-31. Lo stesso Usa bianconero apre le marcature del secondo periodo (29-31). Dopo due minuti di gioco la formazione di Martelossi impatta sul 33-33 grazie a Powell. Le percentuali si abbassano rispetto il primo periodo e il gioco viene maggiormente spezzettato. Si arriva a così a metà periodo con le squadre ancora in situazione di parità (39-39) grazie al libero messo a segno da Amici (sui due a disposizione). Lo stesso numero 19 bianconero, dopo aver fallito due liberi (assegnati per fallo di Vujacic), mette a segno la tripla del 42-43 a 3 minuti e 30 secondi dall’intervallo lungo. Nel finale i padroni di casa tornano avanti grazie alla tripla di Simpson 47-46 a 53 secondi dalla seconda sirena, ma proprio nel finale Ferguson riporta avanti i suoi (47-48). In avvio di terzo periodo Nikolic prende un rimbalzo offensivo (su conclusione di Pellegrino) e sigla il 49-48 per i friulani, che a metà periodo toccano il +5 grazie ai due canestri di Pellegrino intervallati dalla tripla di Penna (56-51). A tre minuti dalla terza sirena gli ospiti si riavvicinano con Udom (58-57), ma l’Apu torna a prendere le distanze subito dopo con Mortellaro e Powell (62-57). L’incontro rimane vivace: a un minuto e 15 secondi dal termine della terza frazione la tripla di Vujacic riequilbra il match (62-62) e negli ultimi 52 secondi il team di Martelossi torna avanti grazie alla tripla di Simpson e al canestro di Powell, bravo a sfruttare un altro rimbalzo offensivo (67-62). L’ultima frazione si apre con i tre punti messi a segno da Candussi (canestro da due e libero assegnato per fallo di Pinton) dopo quasi due minuti di gioco e altrettante azioni sbagliate dai padroni di casa (67-65). A metà periodo la gara è ancora apertissima (70-68). Negli ultimi tre minuti la Gsa Udine prova a chiudere i conti: Nikolic firma il +4 (72-68), successivamente Penna approfitta di un’indecisione dei veronesi per mettere a segno un canestro in solitaria (74-68). La Tezenis però non ci sta e va nuovamente a segno con Vujacic (74-71). Powell allunga ancora (76-71) a due minuti dalla fine e il risultato rimarrà invariato fino al termine del match.

 

GSA UDINE – TEZENIS VERONA 76-71

(27-31, 47-48, 67-62)

GSA UDINE: Mortellaro 6 punti, Cautiero ne, Di Giovanni ne, Pinton, Simpson 24, Amici 4, Chiti ne, Penna 14, Nikolic 6, Pellegrino 8, Powell 14, Spanghero ne. All. Alberto Martelossi.

TEZENIS VERONA: Dieng ne punti, Ferguson 2 punti, Poletti 7, Amato 14, Candussi 13, Vujacic 22, Udom 8, Quarisa ne, Severini 3, Ikangi 2. All. Luca Dalmonte.

Usciti per cinque falli: nessuno.

Spettatori: 3.450.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy