I gladiatori nell’Arena sono biancoblu: Treviglio annienta Verona nel fortino PalaFacchetti

I gladiatori nell’Arena sono biancoblu: Treviglio annienta Verona nel fortino PalaFacchetti

La Remer Treviglio conquista una vittoria importantissima sconfiggendo la Tezenis Verona per 74-62.

Commenta per primo!

Grande vittoria della Remer Treviglio che porta a casa una vittoria fondamentale ai fini della classifica e della corsa ai playoff, a farne le spese è la Tezenis Verona che esce annientata dal parquet del PalaFacchetti, battuta con il punteggio finale di 74-62: uno score che non esprime fino in fondo la partita della BluBasket che mette in chiaro come andrà la gara sin nel primo quarto scappando sul +15, per poi amministrare il ritorno degli scaligeri nel secondo parziale e piazzando l’allungo decisivo nel terzo in cui i ragazzi di Vertemati arrivano anche a 29 lunghezze di vantaggio con la prestazione super del trio Turel-Rossi-Kyzlink. Una vittoria importantissima per Treviglio, conquistata contro un avversario che sulla carta (e in classifica) era visto come superiore a loro e che invece l’ha visto cedere il passo all’intensità e alla voglia della Remer di mettere altri 2 punti in cascina in prospettiva corsa ai playoff.

Coach Vertemati schiera per la palla a due Marino in regia, Turel e Kyzlink sugli esterni, Sorokas e Rossi sotto canestro; dall’altra parte coach Crespi manda in campo Saccaggi in regia, Cortese e Rice sugli esterni, l’ex Da Ros e Michelori sotto canestro.

Il primo canestro del match è di Tomàs Kyzlink che va a segno dalla media distanza per Treviglio che inizia alla grandissima pressando gli attaccanti avversari e piazzando un parziale di 8-0 grazie a Sorokas e ai 4 punti di capitan Rossi, Verona non riesce a perforare la difesa della Remer e dopo 3’40’’ di gioco coach Crespi chiama il primo time out per gli scaligeri. La Tezenis si sblocca quasi a metà quarto con un piazzato dell’ex Matteo Da Ros e il canestro da sotto di Michelori, dall’altra parte la BluBasket non rallenta e infila due triple con Turel, una con Kyzlink e un 2/2 dalla lunetta con capitan Rossi arrivando a +15 (19-4). In chiusura di quarto reagiscono gli ospiti con due triple di capitan Boscagin e il canestro da sotto di Chikoko, la Remer rallenta rispetto ai primi minuti ma mantiene il vantaggio con altri 2 punti di Rossi (8 per lui in questo primo quarto) e l’1/2 ai liberi di Tambone che firmano il +10 (22-12) dopo 10’ di gioco.

Le penetrazioni vincenti di Rice e Saccaggi aprono il secondo quarto di Verona che prova a riavvicinarsi, reazione trevigliese dopo quasi 2’ con un’altra tripla di un glaciale Turel facendo fatica però a concretizzare la manovra offensiva come nel primo quarto, ne approfitta la Tezenis che continua a recuperare con l’1/2 dalla lunetta di Rice e la penetrazione di Saccaggi (25-19). Botta e risposta nelle schiacciate tra Sorokas e Chikoko con il lituano che va a segno in penetrazione anche nell’azione successiva e da’ il via a un mini-parziale biancoblu impreziosito dal canestro da sotto di Rossi che riporta la Remer sul +10 (31-21) a metà quarto e spinge coach Crespi a un nuovo time out. Treviglio però non accenna a rallentare e piazza una tripla con Tambone e 5 punti con un ispiratissimo Kyzlink (penetrazione vincente e tripla, oltre a un’intensità incredibile in difesa), dall’altra parte Verona reagisce con 5 punti del solo Saccaggi ma appare visibilmente più impacciata e confusa in attacco rispetto all’inizio del quarto. Ultimo minuto in cui Rice va a segno da sotto a conclusione di un’azione rocambolesca, Treviglio però vuole piazzare l’ultima stoccata e lo fa alla grande con un’altra tripla di un sovrumano Kyzlink che manda le formazioni negli spogliatoi sul 42-28 per la formazione di coach Vertemati.

Dopo 1’30’’ di retine bianche, la contesa è riaperta da Treviglio che piazza inesorabile altre due triple con Marino e Kyzlink raggiungendo il +20 (48-28), Verona è in totale confusione e coach Crespi chiama time out per provare a scuotere la sua squadra. Al rientro è ancora la Remer a colpire con la penetrazione di Turel, la Tezenis si sveglia dopo più di 4’ con la schiacciata su rimbalzo offensivo di Chikoko ma in campo c’è solo Treviglio che continua a marciare sui veneti con il 2/2 ai liberi di Rossi e un’altra tripla di Mirco Turel che firma il +25 (55-30). Coach Crespi chiama ancora time out ma la situazione non cambia, con la Remer a spingere ancora e arriva a +29 (59-30) con la penetrazione vincente di Turel e il 2/2 dalla lunetta di Tambone e una difesa durissima sugli attaccanti scaligeri che chiudono il parziale di 9-0 biancoblu con la tripla di Rice. Ultimo giro di lancette che vede la Tezenis infilare due triple con Bernardi e Ricci, la Remer amministra il vantaggio con il gioco da 3 punti di Rossi e chiude avanti di 23 lunghezze (62-39).

L’ultimo quarto si apre con il botta e risposta dalla lunga distanza tra Turel e Saccaggi e sotto canestro tra Rossi e Chikoko, con Verona rientrata sul parquet con maggiore intensità rispetto al periodo precedente e decisa a lottare su ogni pallone. La Tezenis prova a portarsi sotto i 20 punti di svantaggio con i canestri di Saccaggi e Boscagin, prontamente ricacciata indietro però dai biancoblu che compiono qualche errore in più rispetto ai quarti precedenti ma che mantengono le distanze con il canestro da sotto di Lele Rossi e una difesa attenta. Dopo un time out di metà quarto chiamato da coach Crespi, gli scaligeri riducono le distanze con il canestro di Michelori e, approfittando di un fallo antisportivo fischiato a Sorokas, dalla lunetta con il 2/2 di Boscagin e l’1/2 dell’altro veterano gialloblu (69-53). La Remer si riprende alla grande da questo parziale negativo con una tripla di Marino, risponde Verona con 3 punti di Cortese (penetrazione + 1/2 ai liberi) ma la firma finale la mette Sorokas con una penetrazione vincente. Le due triple di Rice nell’ultimo minuto servono solo a far crescere i rimpianti per i ragazzi di Crespi che escono sconfitti dal PalaFacchetti con un 74-62 che non esprime appieno quanto i gladiatori di coach Vertemati hanno dominato i veneti.

Titolo di MVP che assegniamo a pari merito ai tre giocatori che più di tutti hanno inciso sulla vittoria della Remer: il capitano Lele Rossi (doppia doppia per lui con 17 punti e 10 rimbalzi, oltre al 5/5 dalla lunetta e tantissima esperienza sotto canestro nel duello contro Chikoko e compagni), il cecchino Mirco Turel (top scorer con 21 punti e 3 rimbalzi, ma soprattutto un 5/7 dalla lunga distanza che esprime ampiamente quale sia stata la principale arma messa in mostra stasera dall’ex Imola), lo scintillante Tomàs Kyzlink (16 punti, 5 rimbalzi, 3 assist, 4/6 da 3 punti e una personalità straripante che gli ha permesso di vincere senza appello il duello con i pari ruolo gialloblu).

A Verona non bastano la doppia cifra di Saccaggi (12 punti, 5 assist), Boscagin (10 punti), Chikoko (il migliore dei suoi, chiude con una doppia doppia da 10 punti e 10 rimbalzi) e Rice (top scorer degli scaligeri con 14 punti, la metà dei quali però sommati con due triple nell’ultimo minuto e sottotono per larghi tratti della gara).

 

Remer Treviglio 74–62 Tezenis Verona (parziali: 22-12, 42-28, 62-39)

Remer Treviglio: Savoldelli, Ferri n.e., Chillo, Kyzlink 16, Sorokas 8, Marino 6, Spatti, Tambone 6, Rossi 17, Turel 21. All. Vertemati

Tezenis Verona: Bernardi 3, Saccaggi 12, Ricci 3, Petronio n.e., Boscagin 10, Cortese 3, Michelori 5, Da Ros 2, Chikoko 10, Rice 14. All. Crespi

StatisticheTreviglio: 15/35 da 2, 12/23 da 3, 27/58 totale, 8/9 ai liberi; Verona: 15/37 da 2, 9/24 da 3, 24/61 totale, 5/8 ai liberi

Arbitri dell’incontro: Andrea Bongiorni di Pisa (PI), Guido Giovannetti di Terni (TR), Marco Vita di Ancona (AN)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy