Imola vince la prima in casa surclassando il Kleb Ferrara

Imola vince la prima in casa surclassando il Kleb Ferrara

Con un primo ed un terzo quarto di grande intensità, l’Andrea Costa ha ragione di una Kleb Ferrara molto imprecisa che ha un guizzo solo ad inizio del secondo quarto.

Commenta per primo!

Imola è chiamata al riscatto immediato, avendo un calendario che la vedrà giocare in casa solo 3 volte nei primi 9 incontri, con trasferte come Trieste, Ravenna, Roseto e Verona che rischiano di offrire ben poche chance, sulla carta, ai biancorossi di Cavina.

Cominciano Penna Alviti Bell Wilson Maggioli, contro Venuto Rush Hall Cortese Fantoni.

Rush segna i primi 4 punti di Ferrara, complice anche il primo fallo di Alviti, mentre si sblocca Bell al terzo tentativo. Gira bene l’attacco ospite, mentre il più pronto tra gli homer sembra Wilson, che si fa velere sia a rimbalzo, sia con la tripla che sigla il primo vantaggio di casa, 7-6. Maggioli e Fantoni lasciano il posto ai loro vice, Simioni e Molinaro, sul 10-8 quando mancano 4′. Si accende improvvisamente la mano delle ali imolesi, che in pochi secondi firmano un 6-0 con le bombe di Alviti e Simioni. Martellossi ferma subito il tempo, e al rientro Cortese è rapido a trovare un varco lungo la linea di fondo. Penna è bravo a farsi il contropiede, costringere al fallo Venuto, e trasformare i liberi. Entra Panni e sia lui che Moreno si fanno fischiare per 2 airball inusuali, imitati poco dopo da Hall. Bell non segna, ma ci pensa Simioni ancora lontano da canestro, con un altra tripla, 22-12. Stesso bottino di Molinaro, che ridà fiato agli emiliani, ma sulla sirena è Alviti a piazzarne un’altra, +10 Andrea Costa.

Un po’ di confusione contraddistingue l’inizio del secondo quarto su entrambi i fronti. Cavina reinserisce Maggioli e Wilson, mentre resta in campo Bell, ancora a litigare col canestro. In meno di 3′ Imola si fa erodere quasi tutto il margine acquisito, subendo un parziale di 8-0. E’ Cavina stavolta a chiamare time out. Anche Wilson adesso è meno preciso, così come Gasparin, e rientra Penna. E’ arrivata l’ora del ‘gaucho’, e capitan Prato prende per mano la squadra. Prima in fuga con Penna, poi in solitaria, muove lo score di casa, e l’Andrea Costa si riporta +8, 31-23 a -5′, quando Martellossi richiama di nuovo i suoi. Al rientro però Molinaro si fa pescare in fallo di sfondamento, ed esce col terzo fallo. Prato delizia ancora la platea con una tripla all’uscita dai blocchi, e subito dopo, su palla rubata, Bell tenta l’halley oop per Wilson, che non riesce, col Ruggi già pronto ad esplodere. Dopo i liberi di Fantoni (2/4) è Penna a farsi applaudire in entrata, subito replicato da Bell, 38-25, e arriva il massimo vantaggio per i romagnoli. Un altro numero’ di Bell lascia l’urlo strozzato nelle gole, perchè in area Alviti si fa fischiare ‘sfondo’, ma lo stesso accade a Venuto dall’altra parte. Non cambia il punteggio e si va all’intervallo. La partita è piacevole, veloce, e anche se le squadre non sono precisissime, ci mettono tanta energia.

Terzo quarto, errori su entrambi i fronti per tre minuti e trenta secondi (!), non si segna nemmeno dalla lunetta (Fantoni). È Hall a rompere il digiuno, subito imitato da Rush, mentre Bell si ‘incapponisce’ ma senza risultati. Sembra che di nuovo Ferrara possa ricucire, ma a -5’09”, quando Bell infila la tripla, il Ruggi esplode, e replica con Wilson da due subito dopo, 43-29. E’ di nuovo Prato a mostrare la linea da seguire, attaccando frontalmente il canestro in uno contro uno, ed è +14! Time out per Ferrara, prima che Wilson segni uno dei due liberi. Sull’attacco successivo è di nuovo la difesa imolese a vanificare gli sforzi ospiti, e allora è il momento di Penna per iscriversi al club delle triple, 49-31. Riposo per Bell, in campo 26 minuti su 28, e rientra Gasparin. Altra uscita dai blocchi spettacolare, su rimessa, di Prato, altro paniere da tre. Più 20, ed è gioia per il pubblico del Ruggi. Ancora Prato, disfa e fa, perdendo poi recuperando palla, e ancora Penna per la tripla, 55-32!!! Tante perse per Ferrara, tanti assist per Imola, a certificare la compattezza e il gioco d’insieme dei romagnoli.

Ultimo quarto, 5 punti di Cortese, sempre di ottima fattura, non bastano a rimettere in discussione il punteggio, perchè Imola ne fa altrettanti, e dopo 3′ è Wilson da quasi 8 metri a metterne tre, 64-38. Rush tenta la schiacciata su un rimbalzo allettante, ma si fa stoppare dal ferro, e sul fallo successivo per fermare la transizione imolese, Martellossi si vede costretto a richiamare i suoi, che non sembrano però ritrovare il bandolo. La pausa riesce almeno a far perdere concentrazione a Bell, che fallisce due liberi, e a trovare due punti con Panni. Bell torna in lunetta e stavolta ne mette uno, 65-40. Lo imita dall’altra parte Hall, però si segna pochino, solo 10-9 dopo 5′, e la stanchezza affiora, tra due squadre che non si sono risparmiate per intensità e fisicità. Simioni fallisce due tentativi da sotto, ma Ferrara non si sblocca dai 41 punti, segnati in 36′, solo Rush dalla lunetta (1/2), poi Moreno in contropiede (65-44), prima che Alviti faccia, in attacco, il suo quinto e definitivo fallo. Esce con 6 punti e 5 rimbalzi. Ci pensa Simioni, ispiratissimo da 3 oggi, a riportare fieno in cascina, seguito, poteva mancare, da capitan Prato in contropiede, 70-44 a 2’06” dall’agognata vittoria. Alcuni rovesciamenti, figli più di azioni confuse che altro, non producono gran che, e a 1’11” dalla fine Cavina può permettersi di dare spazio alla panca, con Rossi e Cai in campo, Toffali, Wilson e Bell. Anche Turrini, a -34“, entra per Bell. Wilson segna il suo tredicesimo punto dalla linea dei liberi, e Cortese spreca l’ultimo attacco ospite pestando la linea laterale. Le squadre si fermano a 12” dalla sirena e sul 71-45 l’Andrea Costa fissa i primi due punti della stagione.

Parziali: 25-15, 13-10, 17-7, 16-13

Tabellino Andrea Costa: Bell 16, Alviti 6, Maggioli, Wilson 13, Gasparin 2, Prato 14, Toffali, Rossi , Penna 10, Simioni 10, Cai, Turrini.

Tabellino Kleb Ferrara: Rush 13, Hall 6, Fantoni 6, Cerella, Molinaro 5, Cortese 7, Venuto, Panni 2, Moreno 6, Patroncini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy