La Dinamica mette la terza al PalaBam contro una Fortitudo mai doma

La Dinamica mette la terza al PalaBam contro una Fortitudo mai doma

Commenta per primo!

Dopo la vittoria con Recanati, il quarto posto agganciato e le Final Eight di Coppa Italia conquistate, gli Stings tornano subito in campo per affrontare nella prima del 2016 al PalaBam la Fortitudo Bologna. Fortitudo che ha vinto solo una volta in trasferta, contro Recanati per 63-57, Dinamica che viene da due successi consecutivi con Ravenna e Recanati. Per i felsinei ancora ai box Jonte Flowers, per la Dinamica Gergati e Di Bella sono sulla via per tornare al 100%. Bella cornice di pubblico al PalaBam con circa 3400 tifosi presenti sugli spalti tra cui i circa 200 supporters della Fossa dei Leoni.

Avvio di partita complesso per gli Stings che subiscono l’aggressività costante dei giocatori fortitudini. In particolare l’esperto Di Bella soffre molto il pressing a uomo di Candi. Dopo pochi minuti si è sul 5-5, percentuali al tiro basse e difese molto chiuse. Boniciolli cambia spesso interpreti sul parquet alternando Candi a Carraretto, preferendo però la freschezza del primo. Primo quarto che sembra dover terminare col vantaggio degli Stings, ma i due punti di Sorrentino portano avanti Bologna sul 15-16.

Nel corso del secondo quarto la Dinamica continua ad avere un brutto rapporto col ferro (ancora zero realizzazioni nonostante i numerosi tentativi degli specialisti Ndoja e Hurtt). La partita è nervosa anche per via del clima rovente che si respira nel palazzetto. Mantova va a -5, poi recupera con Moraschini e Simms, ma Bologna con Montano e Candi si riporta nuovamente avanti di 5. Polveri ancora bagnate per Hurtt, mentre Gergati realizza la prima bomba (su 12 tentativi) alla sirena del primo tempo. 31-33 e tutti negli spogliatoi.

Al ritorno sul parquet Mantova passa subito in vantaggio con una bomba di Hurtt e un 3/3 dalla lunetta sempre dell’americano che sarà grande protagonista nel corso della ripresa. Timeout di Boniciolli che nella foga di chiamarlo si prende il primo tecnico della partita. Al rientro dalla sospensione Raucci e Quaglia pareggiano il conto sul 37-37. Si segna poco con le difese chiuse e la Dinamica che ancora non riesce a trovare continuità oltre i 6,25. Nel finale di terzo quarto, dopo tanto equilibrio, due palle perse ingenuamente da Bologna favoriscono l’uno-due di Hurtt e Alviti e la Dinamica vola a +9. I due liberi di Candi accorciano le distanze sul 54-47.

Nell’ultimo quarto Mantova allunga subito con le bombe dei suoi tiratori scelti che finalmente entrano. Massimo vantaggio sul +14, 65-51 e altro timeout della panchina bolognese, orfana di Boniciolli espulso dopo il secondo tecnico. Gli Stings rientrano dalla pausa in modo disastroso subendo la rimonta biancoblu ad opera di Daniel, Candi e Carraretto che portano a soli due punti dalla Dinamica i bolognesi. Finale di partita thrilling coi biancorossi che sembrano nel pallone, ma dall’altra parte Bologna non ne approfitta. Rischi per praticamente tutto il quintetto mantovano di uscire anticipatamente dalla partita visti i diversi nomi con 4 falli. Negli ultimi minuti sono cruciali le esecuzioni perfette di Simms, Di Bella e Moraschini che danno agli Stings la possibilità di conquistare l’undicesimo successo in campionato, il secondo contro la Fortitudo.

Dinamica Generale Mantova – Fortitudo Bologna 77-75 (15-16; 31-33; 54-47)

Dinamica Generale Mantova: Di Bella 5, Moraschini 16, Ndoja 12, Simms 12, Hurtt 25, Alviti 2, Gergati 5, Amici, Gandini, Fumagalli, Maiorino DNP, Masenelli DNP.  Coach: Alberto Martelossi.

Fortitudo Bologna: Daniel 10, Candi 8, Montano 19, Raucci 7, Italiano 3, Quaglia 4, Campogrande 3, Sorrentino 7, Carraretto 14, Errera DNP, Rovatti DNP, Flowers DNP. Coach: Matteo Boniciolli.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy