La Fossa in trasferta non basta alla Fortitudo, Ravenna trionfa in un Pala De Andrè sold-out

La Fossa in trasferta non basta alla Fortitudo, Ravenna trionfa in un Pala De Andrè sold-out

Al termine di una partita caratterizzata da un’intensità di livello incredibile e dallo spettacolo di un Pala De Andrè tutto esaurito, l’OraSì Ravenna trionfa offrendo forse la miglior prestazione della stagione, non solo dal punto di vista tecnico, ma soprattutto da quello della grinta

Al termine di una partita caratterizzata da un’intensità di livello incredibile e dallo spettacolo di un Pala De Andrè tutto esaurito, l’OraSì Ravenna trionfa offrendo forse la miglior prestazione della stagione, non solo dal punto di vista tecnico, ma soprattutto da quello della grinta. MVP del match è un Taylor Smith dominante da 14 punti, 9 rimbalzi e 6 stoppate, che mette totalmente in ombra il più quotato Ed Daniel (8+9 ma con 9 tiri) nel secondo tempo, ma la prestazione d’esperienza del grande ex Malaventura e soprattutto di un Andrea Raschi (top scorer con 16 punti e 4 rimbalzi) capace spesso di aiutare la squadra nella fuga dal pressing, oltre che di segnare canestri importantissimi. Grande prova anche per Masciadri, quasi perfetto dal campo con 6/7 per 14 punti e 7 rimbalzi. La Effe dopo il 15 a 7 a rimbalzo del primo quarto e nonostante il 42-31 (con 20 offensivi) finale, non trova mai la giusta fluidità in attacco (34% contro il 47 dei padroni di casa) e, nonostante un ottimo Montano da 15 e 8 falli subiti, patisce l’assenza di Amoroso, non trovando un decente contributo dai due americani. Da segnalare tra i giallorossi la prestazione silenziosa ma efficace di Deloach e Rivali che portano alla causa 13 assist in due. Ravenna gioca meglio su entrambi i lati del campo (20 a 12 il conto dei canestri assistiti) e vince meritatamente, rimanendo in piena corsa per i playoff.

ORASI’ RAVENNA – ETERNEDILE FORTITUDO BOLOGNA 73-66

PARZIALI: 14-22; 35-33 – 52-52

Ravenna: Smith 14, Deloach 10, Malaventura 13, Rivali 1, Masciardi 14, Montaguti, Biancoli, Casini 6, Molinaro, Raschi 16, Manetti, Salari. All: Martino

Fortitudo: Daniel 8, Candi 9, Raucci 4, Flowers 6, Italiano 5, Rovatti, Quaglia 2, Campogrande, Montano 15, Sorrentino 7, Carraretto 10. All: Boniciolli

LA PARTITA

L’OraSì sembra partire contratta ma si sblocca con la tripla Masciadri. Dopo la pausa utile a raccogliere la moltitudine di peluches finiti in campo l’ala giallorossa segna ancora e la bomba di Malaventura vale l’8-0 che costringe al timeout Coach Boniciolli. L’uscita dal minuto di sospensione è eccellente per i biancoblu che con 5 punti di Italiano e la tripla di Candipiazzano il contro-parziale che vale l’8 pari. L’attacco romagnolo è però totalmente fuori giri e, grazie al dominio di Ed Daniel a rimbalzo la Effe allunga fino al 10-16. Ravenna ottiene presto il bonus ma soffre la grande pressione difensiva bolognese, che ancora grazie ai rimbalzi in attacco trova il +8 (12-20) a poco più di 1’ dal termine del primo quarto, prima che i liberi di Casini e Montano fissino il parziale sul 14-22.

In apertura di secondo quarto la musica non cambia nonostante il timeout speso da Martino, Carraretto fa la voce grossa e ribadisce il +10 sul 16-26 dopo un canestro di Sorrentino. È Raschi però a suonare la carica per i padroni di casa segnando i primi 5 punti del parziale, prima che la tripla di Masciadri valga il 22-26. I giallorossi nonostante due brutte perse di Rivali riescono a mettere a posto la difesa e due canestri in contropiede ancora di Raschi valgono il pareggio a quota 28 che costringe al timeout gli ospiti. la Fortitudo  si vede fischiare il primo fallo dopo 8’, ma subisce comunque il sorpasso con Taylor Smith e Masciadri, stoppato irregolarmente da Daniel per il 32-28. Carraretto prova a tenere in corsa i suoi ma la tripla di Deloach dopo un bel rimbalzo in attacco di Smith vale il 35-30 giallorosso (19-4 il parziale totale). Sorrentino risponde subito dall’angolo e l’ultimo tiro di Raschi è corto, fissando sul tabellone il punteggio di 35-33 all’intervallo.

Al rientro dagli spogliatoi Flowers pareggia subito su una incomprensione difensiva giallorossa, ma Ravenna firma un altro parziale tutto grazie al pick&roll che regala due schiacciate a Smith e una tripla a Malaventura per il 42-35, costringendo a un minuto di sospensione prematuro Boniciolli. La terza schiacciata del centro ravennate, ancora ben assistito da Rivali sul gioco a due appena dopo il timeout è un poster clamoroso e il parziale OraSì non si ferma con Malaventura e Casini che segnano per il 48-35 (+13 con 11 punti della coppia Smith-Malaventura). Carraretto prova a fermare l’emorragia, ma Taylor Smith è fuori controllo e dalla linea di fondo regala un poster anche al neo entrato Quaglia per il 50-39. Martino sceglie il riposo per il centro americano e per Capitan Rivali, ma il risultato è pessimo con la Effe che segna 9 punti in fila con la tripla di Montano che vale il 50-48 e il delirio della fossa. Masciadri prova a scuotere i suoi, ma il momento di difficoltà ravennate non si ferma, Deloach perde palla e Montano in contropiede guadagna i due liberi che valgono il pari a quota 52 di fine quarto.

Il quarto periodo parte nel segno dell’intensità, Raschi apre con 5 punti e un assist a Smith che valgono il nuovo al lungo sul 59-51. La sfida tra i centri è di livello incredibile, Ed Daniel ne mette 4 di fila a cavallo di una bomba di Deloach e il canestro di Masciadri appena prima la metà del quarto costringe al secondo timeout gli ospiti sul 64-57. Il rientro è firmato Montano che si guadagna e segna tre liberi, poi ruba palla e in contropiede mette il 64-62 che costringe al minuto di sospensione anche Coach Martino. Ravenna soffre la pressione difensiva ospite, Rivali rischia lo sfondamento, ma Daniel accentua la caduta e viene punito con in tecnico, in campo vola anche una sedia e va in scena il lato peggiore del tifo bolognese con una bottiglietta che colpisce anche lo stesso Coach Boniciolli in testa. Smith subisce un brutto fallo dallo stesso Daniel e la partita si fa accesissima: Malaventura segna due liberi e la bomba che manda in delirio il pubblico giallorosso (69-62). Candi risponde subito dalla media e il successivo attacco dei padroni di casa, con Smith in panchina dopo il duro colpo alla testa, è un’infrazione di 24’’. Carraretto con due liberi tiene a galla i suoi, ma Smith è rientrato e fa la voce grossa in difesa. Raschi dopo un gran rimbalzo difensivo pesca il quinto fallo di Ed Daniel, che incappa anche nel successivo tecnico per proteste. Il 2/3 dalla lunetta vale il 73-66 e la successiva stoppata di Smith è l’ennesimo highlight di una prestazione favolosa. Il libero di Rivali arrotonda il punteggio finale di 74-66 che sigilla forse la miglior prestazione stagionale dell’OraSì.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy