La Gsa Udine fatica ma non si arrende, Assigeco stoppata nel finale

La Gsa Udine fatica ma non si arrende, Assigeco stoppata nel finale

I bianconeri conquistano la tredicesima vittoria stagionale e si avvicinano a Treviso. Mvp dell’incontro Ogide con 28 punti. Spanghero uscito per infortunio nell’ultimo periodo

di Barbara Castellini

Non passerà alla storia per il bel gioco espresso, ma la vittoria di questa sera della Gsa Udine contro Assigeco Piacenza vale doppio in ottica play-off. Grazie al successo per 76-68 al PalaCarnera, maturato nei minuti finali di una gara tiratissima (fatto salvo per l’avvio), i bianconeri infatti hanno ridotto le distanze dalla De Longhi Treviso, battuta a Verona dalla Tezenis e rimasta a quota 30 in classifica. Salgono, invece, a 24 i punti dei friulani che ora cominciano a sognare in grande. Nonostante la giornata non fortunata di uno degli attesi protagonisti Riccardo Cortese (0/6 nei tiri da 2 e 2/5 nei tiri da 3), il team di Alberto Martelossi ha saputo resistere con grinta, spinto da un incontenibile Stefan Nikolic, Mvp bianconero con 23 punti, tre in meno del “bomber” di giornata Andy Ogide (26 punti). Unica nota stonata l’infortunio occorso a Marco Spanghero: possibile distorsione alla caviglia che verrà valutata nei prossimi giorni.

Gsa Udine Assigeco Piacenza CorteseCon tutti gli effettivi a disposizione – Marshawn Powell ha smaltito l’infortunio subito a metà gennaio -, coach Martelossi propone il quintetto formato da: Spanghero, Simpson, Cortese, Nikolic e Pellegrino. Coach Ceccarelli replica con: Sabatini, Murry, Formenti, Ihedioha e Ogide. Partenza fulminea per l’Apu che dopo tre minuti di gioco va sul 12-0 grazie alle giocate di Cortese (due triple), Pellegrino e Nikolic. L’Assigeco non riesce a contrastare gli avversari fino al minuto 3 e 43 secondi quando Ogide trasforma i due liberi concessi per fallo di Pellegrino (12-2). A tre minuti dall’intervallo i bianconeri conducono per 19-5 grazie alla tripla di Nikolic. Nel finale Piacenza prova ad arginare le distanze, ma la prima frazione si chiude sul 23-15 (tripla proprio allo scadere di Murry) a favore dei padroni di casa. In avvio di secondo periodo, l’Assigeco recupera lo svantaggio grazie all’ingresso di Vangelov che porta a tre le lunghezze di distanze dai friulani (24-21) dopo nemmeno due minuti di gioco. La Gsa Udine accusa il ritorno degli emiliani e a metà quarto si ritrova a inseguire (28-29). A 4 minuti e 13 secondi dall’intervallo lungo Powell – entrato da pochi minuti al posto di Nikolic, dopo un mese di stop – riporta il risultato in parità (31-31). Immediata la replica di Sabatini (31-34). Nel finale la schiacciata di Pellegrino su assist di Nikolic fissa il secondo parziale sul 35-36.

Nel terzo periodo, la formazione di Martelossi si riporta subito avanti Gsa Udine Assigeco Piacenza Spangherograzie alla tripla di Penna dopo 25 secondi (38-36). Qualche istante dopo va in scena il Nikolic-show: nel giro di due minuti l’ala grande serba sigla tre canestri in serie (44-39), consentendo ai padroni di casa di prendere le distanze. Nella seconda parte del periodo, qualche errore di troppo da entrambe le parti condiziona negativamente il punteggio (46-42 a 4 minuti dalla terza sirena) e le due squadre continuano a rincorrersi senza troppa lucidità. Nel penultimo minuto di gioco gli ospiti impattano grazie alla tripla di Ogide e al canestro di Piccoli (50-50) e a 29 secondi tornano avanti con Murry (50-52). Spanghero dalla lunetta trasforma i due liberi assegnati per fallo di Murry (52-52), ma proprio allo scadere Ogide va a segno dall’arco (52-55). Nell’ultimo periodo, Mortellaro accorcia dopo 12 secondi (54-55), ma Piacenza torna sul+4 con Vangelov dopo due minuti (54-58). L’Apu riprende coraggio e a metà periodo Spanghero con una tripla – al termine di un’azione molto ben manovrata da Nikolic – e una canestro sigla il nuovo vantaggio bianconero (61-58). Proprio nella seconda circostanza però il play triestino si infortuna a una caviglia ed è costretto a mettere fine alla sua gara. Una gara che si scalda proprio negli ultimi minuti. Dopo aver sfiorato il il +6 con Simpson, i friulani subiscono nuovamente il ritorno del team di Ceccarelli che a 3 minuti e 38 secondi dalla sirena vanno sul 66-65 con Murry. La Gsa Udine tocca ancora il +5 a 2 minuti dal termine con Penna (72-67), ma fallisce più volte il colpo del ko. Solo negli ultimi 60 secondi di gara, arriva la tripla di Penna che crea un divario difficile da colmare: +7 (74-67).  Il libero di Ihedioha fissa il finale sul 76-68.

GSA UDINE – ASSIGECO PIACENZA 76-68

(23-15, 35-36, 52-55)

GSA UDINE: Mortellaro 9 punti, Visintini ne, Cautiero ne, Pinton, Genovese ne, Cortese 10, Simpson 9, Penna 7, Nikolic 23, Pellegrino 6, Powell 5, Spanghero 7. All. Alberto Martelossi.

ASSIGECO PIACENZA: Diouf ne, Montanari ne, Bossi ne, Ogide 28, Formenti 3, Antelli 2, Piccoli 2, Ihedioha 4, Turini 2, Murry 18, Sabatini 3, Vangelov 8. All. Gabriele Ceccarelli.

Uscito per cinque falli: nessuno.

Spettatori: 3.460.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy