La Proger Chieti si fa male da sola: Recanati vince 69-62

La Proger Chieti si fa male da sola: Recanati vince 69-62

Commenta per primo!

Quinta sconfitta consecutiva per la Proger Chieti, che si è dovuta arrendere ai danni di Recanati brava a sfruttare il blackout avuto dai teatini dal terzo quarto in poi. Non serve alla Proger una prestazione caparbia del rientrato Lilov, 17 punti a fine partita, e del solito Zik Armwood (16). Brutta battuta d’arresto che la Proger nei confronti di una diretta concorrente per la salvezza. Recanati, dopo un primo tempo tentennante e quasi disastroso a livello di percentuali, si è rimboccato le maniche e, trascinata da Lawson e Sollazzo, ribalta completamente la situazione di svantaggio, portando a casa due punti che pesano come un macigno anche all’economia della classifica, che ora si fa meno pesante. Applausi scroscianti per gli ex di turno Adam Sollazzo e il dg Michele Paoletti, mai dimenticati dall’ambiente teatino. Per Chieti, domenica prossima impegno in terra lombarda contro Legnano, mentre Recanati ospiterà Brescia.

CRONACA

A palla a due, i teatini schierano Monaldi, Lilov, Sergio, Allegretti,
Armwood; rispondono i leopardiani con Pierini, Traini, Bonessio, Lawson e Sollazzo.
Avvio sprint per le “Furie” che attaccano con cattiveria e grinta, trovando nell’asse Monaldi-Armwood i maggior interpreti di un gioco fluido, dinamico e divertente. I marchigiani offensivamente non hanno idee e il più delle volte sono costretti a dei tiri forzati.
Quando Chieti realizza il +10 (14-4), coach Zanchi chiama timeout per spezzare il ritmo biancorosso. Recanati esce dal timeout più convinta e questa volta affida le sue giocate a Sollazzo, pericoloso come sempre con le sue incursioni. La tattica porta i frutti sperati,
complice anche una difesa meno aggressiva di Chieti, che comunque chiude in vantaggio il
primo quarto sul 17-10. Secondo quarto si apre con una bella schiacciata di Lauwson ben smarcato dal solito Sollazzo, accorciando dunque le distanze (17-12). Chieti allunga nuovamente grazie ai
primi tre punti di Ivan Lilov (20-12) ma Recanati non si scompone e inizia a macinare punti grazie al duo Lawson Sollazzo. Quando gli ospiti iniziano ad avvicinarsi vertiginosamente (22-19) e peccando più volte l’aggancio, Sergio e Armwood prendono per mano le “Furie”, sfoderando un break di 7-1, portando la contesa sul 29-20. Il secondo quarto terminerà sul 33-25. Per Chieti, al termine del secondo quarto, 10 punti per Armwood seguito a ruota da Sergio e Monaldi con 8 punti; per Recanati, 12 punti per Sollazzo seguito da Kenny Lawson che ne ha realizzati 7.

Il terzo quarto si apre con una bomba allo scadere di Lilov, portando Chieti sul +9 ma Traini prima in percussione e poi dai 6.75, accorcia le distanze portando Recanati sul -6 (36-30). Sollazzo corregge un tiro di Pierini (36-32) ma successivamente Armwood è chirurgico
al tiro, realizzando un parziale di 4-0 (40-32). Di qui in poi, Chieti va in affanno e i leopardiani ne approfittano, agguantando un insperato pareggio (40-40). Di qui in poi è una girandola di triple, con Recanati che trova il primo vantaggio con Traini (49-52). La terza frazione si concluderà sul 51-52. Al termine del quarto, Armwood ha sul groppone 14 punti, mentre per Recanati primeggiano Lawson con 18, Sollazzo con 14 punti e Traini con 13.
L’ultimo quarto vede Recanati ulteriormente il proprio gap con una tripla di Lawson, portando i leopardiani sul +4 (51-55) ma Armwood regola subito i conti dando una notevole scossa. Recanati non si scompone, rimane sul pezzo fino alla fine trascinata dai soliti Lawson e Sollazzo.

PROGER CHIETI 62 – BASKET RECANATI 69

PROGER CHIETI: Piazza, Allegretti 8, Marchetti ne, Sipala ne, Piccoli, Vedovato 2, Sergio 8, Lilov 17, Monaldi 11, Armwood 16, De Martino ne.

BASKET RECANATI: Forte, Pierini 9, Lauwers, Nwokye ne, Traini 13, Procacci ne, Bonessio 2, Maspero, Lawson 25, Sollazzo 20.

CINQUE FALLI: Sergio, Monaldi, Armwood.

Fotogallery a cura di Simone Regini e Giampaolo Rosati

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy