Legnano espugna il PalaSassi. Battuta una deludente Bawer

Legnano espugna il PalaSassi. Battuta una deludente Bawer

di Nicola Lupo, @NikiLupo25

Al PalaSassi di Matera va in scena un altro match molto importante in chiave salvezza: La Bawer ospita i Knights della Europromotion Legnano.

Coach Gresta si affida al solito starting five composto da Guarino, Mastrangelo, Okoye, Hamilton e Corral; Coach Ferrari risponde schierando Palermo, Raivio, Frassineti, Pacher e Allodi.

PRIMO QUARTO

Palla a due vinta dalla formazione ospite con Allodi, ma i primi due punti del match vengono realizzati da Stan Okoye in coast to coast. Entrambe le squadre cominciano a litigare con le percentuali al tiro, soprattutto l’Europromotion Legnano che riesce a trovare il canestro solo dopo un paio di minuti con il pivot Giovanni Allodi. La Bawer deve convivere fin da subito con i problemi di falli, poichè Hamilton ne commette due dopo soli tre minuti costringendo coach Gresta a richiamarlo in panchina, sostituendolo con Giani Zaharie. I Knights mettono a segno il loro primo break di 4-0 con un tiro libero di Allodi e una tripla di Palermo, ma i lucani rispondono con Okoye e Guarino (7-6 per la Bawer). Punteggio che rimane piuttosto basso a causa dei molti errori da entrambi i lati del campo, tanto che a due minuti dalla fine il punteggio è ancora inchiodato sul 13-14 per gli ospiti. Ed è proprio la formazione ospite ad allungare sul +8, mentre Guarino accorcia di poco sul finale del periodo: 15-21 dopo i primi dieci minuti.

SECONDO QUARTO

La Bawer prova a riportare il risultato in equilibrio, ma Pacher è bravo a rispondere ai tentativi di rimonta guidati dal solito Okoye, mentre Martini con cinque punti consecutivi consente ai biancorossi di raggiungere il massimo vantaggio (22-31). Continuano i frequenti errori al tiro da parte di entrambe le squadre, oltre alla difficoltà per la Bawer ad impostare la manovra di gioco, rendendola poco fluida. Nonostante ciò Cantagalli e Corral permettono ai padroni di casa di rientrare negli spogliatoi con uno svantaggio ridotto al -4 (33-37), mentre i tifosi del PalaSassi protestano contro la terna arbitrale a causa di un fallo non fischiato ai danni di Mastrangelo sulla sirena.

TERZO QUARTO

I problemi della Bawer aumentano poiché gli ospiti riescono finalmente a prendere il ritmo e riscaldare la mano sia dalla media che dall’arco. I Knights, con Frassineti e Raivio, allungano nuovamente sul +9 (33-42). L’Olimpia mette a segno un break di 6-0 con Guarino, Cantagalli e Hamilton, ma Pacher e Frassineti colpiscono dall’arco. Nuovo parziale di 6-0 per i bianco-azzurri che approfittano dello 0/2 ai liberi di Allodi e pareggiano con Okoye e Corral. Pacher e Martini infilano altri sei punti per i Knights mentre Mastrangelo e Bertocco realizzano quattro punti dalla linea della carità. Terzo periodo che si conclude sul +5 per gli ospiti (54-59) grazie a quattro punti consecutivi di Nikolas Raivio.

ULTIMO QUARTO

Guarino e Corral provano ad accorciare, ma arriva addirittura il primo vantaggio in doppia cifra per biancorossi che riescono a girare bene e velocemente la palla per poi concludere con le triple aperte degli esterni. La coppia “made in USA” dei Knights consentono a Legnano di mantenere costante il loro vantaggio, mentre i ragazzi materani mancano di lucidità causando palle perse e tiri semplici mancati. Inoltre i Knights giocano di squadra, trovando quasi sempre il compagno libero per un tiro da tre mentre la Bawer si affida un po’ troppo alle giocate dei soliti Guarino, Okoye e Hamilton. Il match si conclude sul 75-83 per Legnano che si porta a quota 8 punti, mentre Matera è ancora sola in fondo alla classifica con la seconda sconfitta di fila.

BAWER MATERA-EUROPROMOTION LEGNANO 73-85 (15-21; 18-16; 21-22; 19-26)

MATERA: Hamilton 12, Guarino 16, Mastrangelo 2, Corral 15, Okoye 19, Cantagalli 5, Rugolo 2, Bertocco 2, Loperfido ne, Zaharie, Coach: Gresta.

LEGNANO: Allodi 5, Frassineti 18, Palermo 10, Pacher 19, Raivio 24, Navarini, Guidi ne, Maiocco, Martini 9, Sacchettini, Battilana ne. Coach Ferrari

Fotogallery a cura di Roberto Linzalone e Galileo De Iudicibus

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy