Legnano passa a Recanati, in una gara ad alta tensione

Legnano passa a Recanati, in una gara ad alta tensione

A nove giornate dal termine della regular season il Basket Recanati sa già che il suo destino è giocarsi la permanenza in A2 nello spareggio contro la terz’ultima del girone ovest e l’abbinamento provvisorio già fa paura.

Commenta per primo!

U.S. BASKET RECANATI  – LEGNANO BASKET KNIGHTS 74-76

(13-18, 13-24, 24-10, 24-24)
 
Recanati:Raponi, Forte, Pierini 10, Lauwers 9, Nwokoye, Traini 11, Procacci, Allodi, Amorese, Maspero 4, Lawson 25, Sollazzo 15. All. Sacco

Legnano:Navarini, Guidi, Maiocco 10, Palermo 16, Martini 9, Fattori, Tognati, Sacchettini, Pacher15, Raivio 20, Laudoni 6. All. Ferrari
 

A nove giornate dal termine della regular season il Basket Recanati sa già che il suo destino è giocarsi la permanenza in A2 nello spareggio contro la terz’ultima del girone ovest e l’abbinamento provvisorio già fa paura. Legnano, sulla quale Recanati faceva la corsa, passa al PalaCingolani e mette sei punti sui leopardiani e mantiene la speranza di salvarsi direttamente. Un sogno che per la formazione di sacco passava solo in una serie di quattro vittorie di fila sfruttandi tre turni casalinghi andando a cercare il blitz a Matera. E adesso sarà proprio su Matera la corsa, con Recanati che dovrà evitare l’aggancio dei lucani che in prospettiva potrebbe significare retrocessione diretta in B. E la formazione di Patriciello ha già dimezzato lo svantaggio.

La società per ora guarda già a domani sera quando usciranno i provvedimenti del giudice sportivo sulla base del referto della terna arbitrale sul convulso finale che ha visto sicurezza e carabinieri sul parquet e qualche “contatto” sul campo, sia fisico che verbale con gli arbitri (Calbucci, Di Toro, Longobucco). Recanati paga carissimo un approccio molle già nel primo periodo, per poi liquefarsi nel secondo quando Legnano traccia un solco che al riposo lungo diventa di ben 16 lunghezze.Il direttore sportivo Paoletti, attonito, testa bassa sulla sedia. Patron Pierini salta la ringhiera del parterre e vola nello spogliatoio dove i sismografi registrano scosse telluruche .. devastanti. Dagli spalti i tifosi rumoreggiano.

Al rientro in campo subito tripla di Palermo e Recanati a -19. Quell’urlo dagli spalti “anche la C ci batte” scuote capitan Pierini & c.. Recanati punta nell’orgoglio sciorna grinta, cattiveria e gioco e annichilisce Legnano con un parziale di 13-0 che fa male ai lombardi che smarriscono le trame del gioco e non trovano più la via della retina. Il PalaCingolani si scuote a sua volta e sprona la squadra. Solo Maiocco e Raivio provano a rompere l’accelerazione di Recanati che piazza altri due parziali che valgono il 50-52 con tutto un periodo da giocare. Recanati determinatissima subito in avvio tanto da mettere la testa avanti di sei lunghezze quando mancano 6′. Recanati all’improvviso si appanna e arriva un 0-11 con tre triple in fila che gelano nuovamente il PalaCingolani.

Recanati prova a ricucire  e una bomba di Pierini a 2′ 57″ dalla fine rimette in scia i leopardiani che però non sono più lucidi come prima e Legnano riesce a mantenere un pur minimo vantaggio. A 13″ dalla fine sul 73-75, dopo alcune rocambolesche evoluzioni sotto le plance,  Procacci arpiona una palla importante ma sulla spinta di un avversario vola fuori del campo e gli arbitri danno palla agli ospiti non rilevando il fallo. Il palas esplode. Legnano non approfitta, punteggio fissato sul 74-76. Nel finale parte un contropiede di Recanati con 8″ al cronometro. Pierini in area subisce fallo ma gli arbitri fischiano infrazione di passi e la gara si chiude con il successo dei lombardi che incassano con gli interessi le due topiche arbitrali.

Recanati dunque ai play out (per ora) e Matera che soffia sulle spalle dei leopardiani che mercoledì se la vedranno in casa contro Ravenna (sempre che il palas non venga squalificato). Lawson e Sollazo per Recanati migliori in assoluto, sulla sponda Legnano Pacher, Raivio e Palermo.

Fotogallery a cura di Simone Regini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy