Mantova corsara a Jesi: sconfitta che brucia per gli arancioblù

Mantova corsara a Jesi: sconfitta che brucia per gli arancioblù

Quella contro Mantova, in casa, era di quelle partite che Jesi doveva vincere. La sconfitta è invece pesante perché un calo di attenzione culminato con la perdita di un pallone fondamentale ha fatto sì che gli ospiti portassero a casa una partita appartenuta per quasi 40 minuti ai marchigiani.

di Elisa Ortolani, @elifencer

Quella contro Mantova, in casa, era di quelle partite che Jesi doveva vincere. Imbattibile tra le mura domestiche fino a due match fa, quella inflitta all’Aurora dalla Dinamica è la seconda sconfitta casalinga. Bruciante, non tanto perché sofferta di fronte a 1800 spettatori in diretta SportItalia, ma perché un calo di attenzione culminato con la perdita di un pallone fondamentale da parte di Brown ha fatto sì che gli ospiti portassero a casa una partita appartenuta per quasi 40 minuti ai marchigiani.  Nonostante il risultato, una menzione d’onore va fatta a Ihedioha, top scorer autore di 20 punti –piazzati per lo più in momenti chiave-, 1 assist e 8 rimbalzi.

Quintetti:  Jesi– Brown, Marini, Rinaldi, Hasbrouck, Ihedioha

Mantova– Vencato, Jones, Brownridge, Moraschini, Candussi

Il primo minuto e mezzo del match prosegue a retine inviolate fino ai primi due punti firmati Vencato. Il primo a trovare il fondo della retina per Jesi è invece Rinaldi, che apre un parziale positivo per i padroni di casa che per tutto il quarto tengono testa a un’ospite dal gioco di squadra preciso ed agguerrito rispondendo con altrettanta grinta e prontezza. Esemplare è l’azione arancioblù a un minuto dalla prima sirena che vede il pallone girare fino alla pericolosa penetrazione di Hasbrouck e quindi entrare su correzione di Quarisa. La prima frazione di gioco si chiude dunque sul 23-15.

Dopo una tripla di Brown in apertura di quarto, un recupero di una palla conclusosi con un’altra realizzazione da dietro l’arco per mano di Hasbrouck, azione con cui si concretizza tutto il cuore dell’Aurora. È Ihedioha a proseguire la scia positiva di triple, grazie a cui il vantaggio può mantenersi intorno alla doppia cifra. È negli ultimi due minuti di gioco che Mantova cerca di avvicinare il proprio punteggio a quello avversario, tanto da costringere Jesi al time out sul +5, ma Ihedioha firma gli ultimi due punti del primo tempo che si chiude sul 41-35.

È ancora il nome di Ihedioha ad essere pronunciato dallo speaker per un’apertura di quarto da tre, seguita però da una risposta di pari valore e da un’altra tripla ancora di Brownridge, tra i top scorer con 12 punti dopo il canestro di cui sopra (terzo minuto della terza frazione), preceduto solo da Jones con 13 e Ihedioha con 14. Si compie quindi il recupero dei virgiliani, che con un gioco da tre di Jones e quindi un appoggio di Cucci a nemmeno metà quarto si portano sulla parità. Il vantaggio è presto riconquistato con una tripla di Rinaldi, ma è ormai persa la doppia cifra di distanza e per alcuni minuti il match si fa alternarsi di parità e lievi vantaggi aurorini. A segnare un distacco più deciso è la tripla di Hasbrouck a -1.30’ che manda gli avversari in panchina per 30 secondi, a seguito dei quali non basta ai lombardi un doppio possesso, ma un gioco da 3 jesino per fallo di Jones costituisce gli ultimi punti della frazione (60-51).

Immediatamente 5 punti di Brown e tanta presenza su ogni pallone per Jesi, decisa a portare a casa l’ultimo parziale, che si rivelerà invece decisamente a favore della squadra in trasferta. Lo status della prima frazione si ripristina temporaneamente, per cui la Termoforgia mantiene un discreto vantaggio che oscilla tra le 5 e le 10 lunghezze. Un antisportivo per mano di Rinaldi –quarto fallo per lui- pesa però sulla condizione dei marchigiani regalando a Mantova due punti per il -3 e un possesso che si traduce a sua volta in un libero e un nuovo pallone andato a buon fine. È questo il primo momento in cui Jesi abbassa pericolosamente la guardia e pecca in precisione: a due minuti dal termine la partita è ancora aperta con un +1 per la Termoforgia. Brown perde un pallone preziosissimo a una manciata di secondi dal termine e Hasbrouck si costringe al fallo: Vencato segna i due liberi e porta i suoi al +1 a -6”. Dopo il time out dei lombardi, il possesso arancioblù non trova conclusione, e la partita si fa mantovana in una sconfitta che non poteva bruciare di più.

AURORA BASKET TERMOFORGIA JESI – DINAMICA GENERALE MANTOVA 71-72

Parziali: 23-15; 41-35; 60-51; 71-72 (23-15; 18-20; 19-16; 11-21)

Aurora Basket Jesi: Ken Brown 18, Simone Mentonelli n.e., Andrea Quarisa 4, Pierpaolo Marini 4, Matteo Piccoli, Tommaso Rinaldi 10, Antonio Valentini n.e., Linards Melderis n.e., Federico Massone 2, Pietro Montanari n.e., Kenny Hasbrouck 13, Francesco Ihedioha 20

Coach Jesi: Damiano Cagnazzo

Dinamica Generale Mantova: Luca Vencato 4, Bobby Jones 19, Daniele Costanzelli n.e., Jared Brownridge 17, Riccardo Moraschini 12, Matteo Ferrara, Marco Timperi 6, Francesco Candussi 3, Valerio Cucci 11

Coach Mantova: Davide Lamma

Arbitri: Giacomo Dori, Gianluca Gagliardi, Michele Centonza

Mvp BasketInside: Bobby Jones (19 punti, 2 assist, 11 rimbalzi)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy