Mantova l’ammazzagrandi sbanca il PalaEstra, l’Affrico cede in volata

Mantova l’ammazzagrandi sbanca il PalaEstra, l’Affrico cede in volata

Commenta per primo!

Enegan Firenze-Dinamica Mantova 84-86

ENEGAN FIRENZE: Simoncelli 3 (1/4 da 3), Wood 14 (4/10, 1/5), Swanston 20 (7/10, 2/3), Castelli 18 (7/11, 1/3), Pazzi 12 (6/11); Fontani (0/1 da 2), Cucco 7 (2/3, 1/2), Conti 10 (5/12), Severini ne, Schiano ne. All.: Giordani.

DINAMICA MANTOVA: Losi 9 (0/1, 3/5), Nardi 10 (2/7, 1/2), Alibegovic 19 (1/1, 5/7), Clemente 10 (5/9), Jefferson 19 (9/9); Pignatti 12 (5/6), Veccia 7 (2/3, 1/2), Allodi ne, Ranuzzi ne, Sissa ne. All.: Morea.

ARBITRI: Chersicla, Bonfanti e Maffei.

PARZIALI: 19-24, 41-49, 67-71.

NOTE – Percentuali dal campo: Firenze 31/58 da 2, 6/17 da 3; Mantova 24/36 da 2, 10/16 da 3. Tiri liberi: Firenze 4/5, Mantova 8/13. Rimbalzi: Firenze 21 (Wood 7), Mantova 30 (Jefferson 14). Assist: Firenze 14 (Wood 5), Mantova 22 (Nardi 10). Usciti per 5 falli: nessuno.

Cade l’Enegan Firenze. Al PalaEstra di Siena la squadra di Gabriele Giordani viene sconfitta dalla Dinamica Mantova. Seconda sconfitta consecutiva per l’Affrico, trafitto dalla precisione della Dinamica, capace di costruire su un attacco davvero preciso le fondamenta della vittoria. Serata grigia per l’Enegan, che paga troppe disattenzioni in difesa, soprattutto nel primo tempo.

LA CRONACA – Mantova si presenta senza Ranuzzi, bloccato da un fastidio muscolare. Morea fa partire in quintetto Alibegovic e la consueta coppia di playmaker Losi-Nardi. L’impatto del primo quarto dell’Enegan è di nuovo soft in difesa. Nardi “smazza” cinque assist per esterni e Jefferson, che sotto canestro mette in difficoltà sia Pazzi che Conti. La risposta dell’Enegan è tutta firmata da Swanston e Castelli. L’esterno è il più volitivo, mentre Castelli si fa notare per la consueta grinta. I problemi per l’Affrico sono più in difesa che in attacco. Giordani ruota subito Fontani per Wood, Mantova scappa via con Pignatti (14-24). Serve una sveglia per l’Enegan. Lo sprazzo di difesa c’è in avvio di secondo quarto. Cucco completa il parziale (0-9) a cavallo fra i due quarti (23-24). Mantova, dopo tre minuti di difficoltà, però riparte non appena l’intensità difensiva dei gigliati torna su livelli bassi. Nonostante i tre falli di Clemente, la Dinamica trova un assetto positivo con Jefferson a pulire i tabelloni e Alibegovic a sparare triple (4/4 da 3 all’intervallo). Al 20′ siamo 41-49.

L’Enegan cerca un atteggiamento diverso ad inizio ripresa. Serve chiaramente più difesa. Giordani ottiene qualcosa dall’Affrico, che cambia strategia sul pick&roll, aiutando e pressando i portatori di palla di Mantova. La Dinamica inizia a sentire la pressione di una Enegan che mette anche la testa avanti. Mantova però si scrolla di dosso la paura e riprendere a macinare gioco. Il martellamento dall’arco prosegue: la Dinamica con precisione sa ribaltare il campo e colpire. Cucco, Castelli e Swanston in attacco ci sono. L’Enegan è anche sfortunata negli episodi. Come quello che chiude il quarto: da tre-quarti campo Losi pesca infatti un canestro incredibile che stabilisce il 67-71 del 30′.

L’Enegan sa soffrire e rimanere in scia fino all’ultimo a Mantova, che comanda sempre. Si arriva ad una volata punto a punto. Wood fa -4 (78-82) con un canestro dalla lunga, Conti accorcia a -2. Con 46” da giocare Pignatti ristabilisce due possessi fra le due squadre (82-86). Non è ancora finita. Wood con 18” sul cronometro fa 84-86. Losi commette infrazione sulla rimessa. L’Enegan ha il possesso per l’overtime o per vincerla. Castelli dalla lunga sbaglia, Conti riesce a prendere il rimbalzo, ma l’appoggiata al tabellone viene stoppata da Jefferson.

Fotogallery a cura di Claudio Brenna

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy