Matera festeggia la salvezza vincendo in volata su Omegna

Matera festeggia la salvezza vincendo in volata su Omegna

Commenta per primo!

Siamo giunti ai titoli di coda e, dopo una stagione tormentata, l’orgoglio Bawer Matera sale finalmente in cattedra a dettar legge e regala l’ultima gioia stagionale (di poche) ai suoi tifosi. Nell’ultima giornata del campionato di Lega Due Silver la Bawer Matera chiude in bellezza e cancella la serie negativa costellata da undici sconfitte consecutive grazie al successo casalingo contro Omegna. Dopo la salvezza / promozione acquisita aritmeticamente al termine della penultima giornata di campionato, la gara contro i piemontesi è stata l’occasione per festeggiare insieme lo storico traguardo raggiunto della serie A2 Unica.

Apre subito in vantaggio la Bawer con Migliori che rompe il ghiaccio, dopo 2 lunghi minuti ci pensa l’ex Iannuzzi a ristabilire la parità, ma l’Olimpia innesca un break di 5-0 portandosi sul 7-2. I rossoverdi ci mettono un po’ ad ingranare la marcia, poi però nella seconda parte del quarto iniziano a macinare gioco e punti realizzando un portentoso break di 2-12. A 3’ dal termine del primo parziale il punteggio dice 9-14. I locali però non ci stanno e colpo su colpo riportano in equilibrio il match sino al colpo di Tagliabue a 32” dal termine che vale il -1 (16-17); sulla sirena però è Smorto a gelare il Palasassi con una tripla che fissa il primo quarto sul 16-20.
Il secondo quarto vede ancora l’allungo iniziale di Omegna con i due punti di Masciadri, poi per i piemontesi è black out totale e la Bawer ne approfitta anche se con non pochi problemi ed errori sotto canestro. A portare il match sul -2 è Greene che buca il canestro per 3/3 dalla lunetta. Da qui un vero e proprio tiro alla fune che però premia gli ospiti che trascinati da Resca si vedono allungare di nuovo (+6) quando siamo a metà del quarto. Vantaggio che la Paffoni riesce a mantenere invariato sino a 3’ minuti dal riposo lungo, poi la Bawer torna con imponenza sul match e in pochi possessi si riporta, con Bonessio e Cucco su tutti, addirittura in vantaggio (33-32) quando manca poco piu’ di un minuto all’intervallo. Sino al suono della sirena gli ospiti riescono a mettere a segno con Iannuzzi e Resca ben 5 punti, la Bawer invece solamente 3. Si va al riposo cosi’ sul 36-37 ancora in favore degli ospiti.

Terzo quarto che vede ancora i rossoverdi partire a razzo e mettere a segno dopo 2 minuti con Iannuzzi e Conger un break di 1-5. L’Olimpia non ci sta e inizia a fare la voce grossa con i due gioielli a stelle e strisce che cominciano e terminano la rimonta: 44-44 quando siamo quasi alla metà del 3 quarto, poi con Migliori i biancoazzurri si riportano in vantaggio ma non riescono a scappare con Omegna che riesce a tamponare gli attacchi avversari sino a 2’ dalla sirena e restare a galla, poi però Richard e Fallucca suonano la carica e siglano il +5 quando mancano poco piu’ di 30”. Ultimi secondi che la Bawer dimostra di non saper gestire, 2 palle perse e altrettante messe a segno da Dip consentono nuovamente agli ospiti di riportarsi in parità, poi ci pensa Migliori dalla lunetta a chiudere il quarto in vantaggio sul 55-53.

Quarto quarto meno spettacolare dei 3 visti sino ad ora, si apre con i punti di Fallucca e Baldasso che mettono a segno quello che è il secondo massimo vantaggio di giornata: 59-53, poi replicano al min. 4 (66-58) per un +8, assoluto massimo vantaggio, che fa ben sperare quando mancano 5’ al termine. Nella seconda parte del quarto Omegna trascinata dai giovani Cappelletti e Smorto tentano il tutto per tutto e mettono i brividi ai tifosi locali: quando mancano 51” al termine sembrano quasi aver completato la rimonta, portandosi sul -1 (66-65). Questa volta però la Bawer non ci sta a regalare un’altra vittoria immeritata all’avversario e serra ogni varco, andando poi ad attaccare rapidamente canestro. Questa risulta essere l’arma giusta negli ultimi istanti della contesa.
L’Olimpia Matera infatti vince la gara chiudendo la pratica sul 70-67, salutando cosi’ nel migliore dei modi la A2 Silver e proiettandosi adesso verso un futuro che anni fa appariva come un lontano miraggio: un’A2 Unica diventata realtà.

Matera-Omegna: 70-67 (16-20, 21-16, 18-17, 15-14)

Matera: Fallucca 7, Richard 6, Bonessio 11, Caroldi 6, Migliori 11, Cucco 3, Greene 9, Baldasso 6, Tagliabue 11, Sacco, Paparcone, Dagostino. Coach: Di Lorenzo.
Omegna: Iannuzzi 26, Cappelletti 3, Conger 4, Masciadri 11, Saddler 8, Resca 6, Dip 4, Smorto 5, Vildera, Gurini. Coach: Magro.

Fotogallery a cura di Roberto Linzalone

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy