Matera stecca alla prima, l’Affrico mostra tutte le sue ambizioni

Matera stecca alla prima, l’Affrico mostra tutte le sue ambizioni

Commenta per primo!

ENEGAN FIRENZE – BAWER MATERA 86-81 ENEGAN FIRENZE: Swanston, Simoncelli 15, Pazzi 4, Wood 27, Castelli 26; Cucco 10, Fontani 6, Severini 3. Baggio e Schiano ne. Allenatore: Giordani. BAWER MATERA: Iannuzzi 8, Rezzano 9, Jones 29, Cantone 3, Austin 15; Vico 13, Maganza 4, Toscano 5. Stano e Bolletta ne. Allenatore: Benedetto. Arbitri: Canestrelli, Scudiero e Galasso. Parziali: 22-30, 54-48, 71-68. NOTE – Percentuali dal campo: Firenze 20/42, 11/23 da 3; Matera 21/36 da 2, 9/19 da 3. Tiri liberi: Firenze 18/22, Matera 17/24. Rimbalzi: Firenze 32 (Wood 9), Matera 26 (quattro con 4). Assist: Firenze 13 (Simoncelli e Wood 3), Matera 14 (Vico 4). Usciti per 5 falli: Swanston e Castelli. Meglio di così non poteva certo iniziare! Una bella cornice di pubblico (circa 2000 presenze al Mandela), entusiasmo diffuso tra la gente (tante le iniziative di contorno alla gara poste in essere dalla società e dai suoi sponsor), una delle big del campionato che lascia lo scalpo sul parquet di casa. Se il buon giorno si vede dal mattino quest’anno vivremo dei bei momenti con i colori biancoazzurri. La cronaca della partita potrebbe essere riassunta nelle parole a fine partita del coach ospite Benedetto. La velocità di gioco e le ottime medie al tiro soprattutto da tre dei locali, il mancato dominio sotto canestro dei lucani nonostante i centimetri in più del loro roster sono state le chiavi di volta. E poi, usando le parole di coach Giordani,  “grande cuore dei miei uomini!” Nonostante essere stati sotto di 8 alla fine del primo quarto abbiamo assistito ad un crescendo costante nei restanti quarti che, non senza qualche patema d’animo sul finale (Matera ha avuto la palla del sorpasso a due minuti dalla fine) hanno mostrato un’ottima tenuta mentale e fisica dei leoni di casa. Ottimi Castelli, Wood, Simoncelli, Cucco; in ombra Swanston (polveri bagnate per l’americano all’esordio; confidiamo sia solo un incidente di passaggio, molta fiducia in lui), Pazzi a mezzo servizio causa non perfetta condizione fisica e Francesco Conti out. Spesso in campo con due play-guardie; scelta vincente quella di coach Giordani che ha fatto di necessità virtù, portando a casa questi due fondamentali punti, che conferiscono titolo per un continuo di stagione da protagonista. LA CRONACA  I° quarto 15 punti finali e 5 rimbalzi totali di cui 4 in attacco per Wood, protagonista dei biancoblù fiorentini. Molto più squadra Matera, nessuno spicca per medie realizzative. II° quarto Enegan in campo con Wood, Castelli, Cucco, Swanston e Fontani. Matera  con Toscano, Magonza, Vico, Jones ed Austin. Botta e risposta in apertura, 29 a 35 lo score, con Cucco sugli scudi sia in fase realizzativa che negli assist. Escono gli americani per Matera, entrano Cantone e Rezzano. Per i locali Simoncelli per Wood. A Magonza risponde ancora Cucco con tre punti. 32-37. Seconda bomba da tre per Alex Simoncelli. L’ Affrico recupera palla e ancora Simoncelli insacca da tre; primo sorpasso sul 38 a 37. Ancora palla recuperata dai locali sul contrattacco materano, fallo degli ospiti in transizione. Tre punti di Castelli per il 41 a 37. Magia! Matera però si rifà sotto, con due punti ai liberi per Toscano e due di Iannuzzi su rimbalzo guadagnato da Rezzano. Rientra Jones. Firenze in bonus sul 41 pari; esce Cucco ed entra Severini. Matera torna avanti con due liberi di Jones a 3.12 fine;  41-43, ma ancora Alex Simoncelli! Mano caldissima per il veronese che mette dentro tre dopo ottima circolazione di palla 44-43. Ancora Jones da tre per il controsorpasso ospite; 44-46. E’ la sagra del tiro da tre, Castelli smarca Severini che dall’angolo mette il 47-44. Rientra Wood. Ancora Simoncelli da tre!!! Rientra Austin per Matera che prende posizione sotto canestro girandosi e mettendo dentro il 50-48. Castelli caparbio; prima sbaglia ma poi a rimbalzo mette dentro due.  Affrico recupera in difesa nell’azione successiva,  Wood sbaglia un appoggio ma recupera palla, facendo ripartire l’azione pescando Castelli sotto canestro, che mette dentro due prendendosi anche il fallo. Sbaglia il libero ma comunque  54- 48 finale di quarto. III° quarto Enegan in campo con Swanston, Simoncelli, Castelli, Pazzi, Wood. Matera con Jones, Cantone, Rezzano, Iannuzzi ed Austin. Apre lo score Wood con due punti in penetrazione; risponde Jones con due punti più fallo di Castelli, ma fortunatamente l’aggiuntivo non va; 56-50. Tre  punti però per Austin che si smarca e mette dentro; 56-53. Wood in penetrazione riporta a distanza l’ABF per il 58-53; nella ribaltamento di fronte due falli dei fiorentini e due punti di Jones. Il canestro respinge un tiro da tre di Rezzano, riparte Fontani per l’ABF ma Castelli, caparbio nell’azione di recupero, comunque non capitalizza. Anche Matera non realizza; Wood interrompe l’inerzia  mettendo due dentro e prendendosi anche il fallo. Svolta della partita! Iannuzzi la prende malissimo, cazzotto al vetro della panchina e fallo tecnico per lui, sotto le grida di mister Benedetto. Wood sbaglia il primo, ma mette dentro gli altri due. 62-55. Palla all’ABF; bell’assist di Simoncelli e due di Fontani. + 9 Firenze. Fallo di Severini in difesa su Austin che cerca di prendere posizione. L’americano però li sbaglia entrambi. Recupera parzialmente Jones con due punti per il 64-57. L’errore su rimessa in attacco dei fiorentini manda in contropiede Matera che va a canestro ancora con Jones. Firenze riparte, prima Wood sbaglia ma poi smarca Cucco che mette dentro da tre per il 66-59. Errore Matera in attacco, riparte l’ABF che con un’ottima circolazione di palla manda al tiro da tre Wood; dentro, massimo vantaggio gigliato! +10. Due canestri dell’ottimo Jones riavvicinano Matera sul 69-63. Time out chiamato da coach Giordani a 1.36 dalla fine; ancora Cucco sugli scudi; due con tocco morbido ed avvitato a canestro. Grande quarto per lui! Due punti di Rezzano che prende anche il fallo; 71-66. Palla persa ingenuamente dai locali ed ancora due punti di Jones per il  71-68 finale di quarto.  Enorme il vantaggio bruciato dai fiorentini. IV° quarto Enegan sul parquet con Wood, Swanston, Fontani, Cucco e Castelli. Matera con Austin, Jones, Toscano, Rezzano e Vico. Apre Matera con due punti di Austin. Successivamente palla persa dai fiorentini ma errore da tre dello stesso Austin. Riallunga l’ABF con un rimbalzo di Castelli su tiro errato di Swanston. 73-70. Palla persa da Matera in attacco, riparte l’ABF con penetrazione di Simoncelli e scarico per il tiro da tre di Castelli; di nuovo vantaggio congruo. Vico mette dentro da due prendendosi anche fallo. Errore dalla lunetta però. La partita prosegue con una serie di errori da ambo le parti interrotto da bellissimo assit di Simoncelli per Castelli che mette dentro due per il 78-72. Time out a 6.53 dalla fine. Lo score riprende con i tre punti di Toscano per Matera totalmente smarcato 78-75, ancora errore Castelli che fa anche fallo in attacco; riparte Matera e quinto fallo di Swanston; l’americano saluta la gara con un pessimo 0 pt di personale. Ancor Matera a canestro per il 78-77; fiato sul collo! Finalmente tre di Castelli smarcato al tiro 81-77; errore di Jones e Pazzi fa respirare i bianco blu; 83-77 a 3.52 dalla fine. L’ABF entra in bonus a 3.18 dalla fine, problemi in arrivo. Due dentro di Rezzano. Rimbalzo Pazzi su tiro Simoncelli e 85-79; il capitano c’è nei momenti importanti. Jones un punto ai liberi e Vico da tre; la gara è tutt’altro che finita! Ci pensano i due cervelli di casa; palla a Simocelli, gioco per Wood che in penetrazione scarica per Fontani che si guadagna fallo a 44 secondi dalla fine. Dentro i liberi e +4 per l’ABF. Errore di Vico in attacco e fallo su Wood in ripartenza. Due dentro del colored per l’89-83. Titoli di coda! Time out chiesto da coach Benedetto a 33 dalla fine ma senza frutto. Ancora un fallo su Fontani a 6 secondi dalla fine e due dentro per il 91-83. Finale con i tre di Vico che non modificano l’esito della gara; Affrico vince col punteggio di  91-86. Partita bella, tirata fino alla fine. Padroni di casa vincenti meritatamente. Ascoltiamo i protagonisti a fine gara. Coach Giovanni Benedetto Non abbiamo fatto bene per tutta la partita. Firenze aveva un squadra corta, senza un cinque di ruolo, dovevamo cercare di farla correre poco e di farla ragionare di più. Altro problema della squadra oggi è stato che ci siamo concentrati sul fermare Wood e Swanston, ma abbiamo perso forse di vista gli altri, in particolare Simoncelli e Castelli. Nonostante la stazza fisica diversa abbiamo concesso dodici rimbalzi offensivi ai locali; dovevamo non farli correre e invece li abbiamo fatti correre, dovevamo farli soffrire sui rimbalzi in difesa ed invece abbiamo sofferto noi.  Poi abbiamo sofferto le penetrazioni di Wood e gli scarichi sugli esterni, cosa che conoscevamo e dovevamo prevedere. I nostri avversari hanno fatto un’ottima  gara, con alte percentuali al tiro, del 48% da tre; questo vuol dire che hanno tirato con grande precisione ma anche con grande libertà. Paradossalmente i migliori momenti della mia squadra oggi sono quando abbiamo giocato con i cinque piccoli; la partita comunque potevamo anche portarla a casa, a due minuti dalla fine noi abbiamo sbagliato un tiro da tre che invece gli avversari hanno realizzato. Complimenti a Firenze ed avanti con il nostro prossimo incontro, dove staremo sicuramente più attenti. Coach Giordani In mattinata abbiamo ricevuto la notizia dell’assenza di Francesco Conti; questo ha messo un po’ in difficoltà il nostro progetto tattico. Abbiamo sofferto molto nel primo quarto; da li è cominciata la nostra partita. Ho cambiato il piano tattico, facendo giocare i cinque piccoli. Anche gli avversari hanno avuto buone medie al tiro; noi la partita l’abbiamo vinta perché questa squadra ha un cuore, siamo stati bravi tatticamente. Mancava Conti, Swanston ha fatto 0 al tiro, alla fine è uscito anche Castelli per falli. Comunque  sono molto contento per la partita della squadra e per il risultato finale, ringrazio i miei atleti. Non voglio scusare Swanston, attaccante di razza, ma negli ultimi due giorni ha avuto una caviglia dolorante.  Su alcuni suoi tiri la palla sembrava stregata, girava sul ferro e poi usciva. Lui è il giocatore che se ne mette una poi e capace di fare tutto. Speriamo che a Treviglio ci sia l’apporto dei suoi punti. Anche l’apporto della panchina è stato importante; una nota di merito a Cucco, giovane importante su cui puntiamo avendone acquistato il cartellino. Anche lui ha avuto dei problemi fisici ma ha reagito alla grande. Ho sempre fatto molto affidamento sul mio roster, la nostra panchina può dare tanto. Magari oggi puntare su un giovane che viene da categorie inferiori poteva costare caro, ma ero convinto che potesse darci una mano. La squadra si allena bene anche se con tante difficoltà; Pazzi ha ripreso gli allenamento giovedì dopo tre settimane di problemi, Simoncelli ha avuto anch’esso delle noie, così come Swanston e Castelli. Nonostante queste piccole grandi difficoltà abbiamo portato a casa la partita e siamo riusciti a far divertire il pubblico.   Anthony Jones (Bawer Matera) ML: le tue impressioni sulla nuova avventura italiana, sul livello della Lega. AJ: molto intensa, grandi difese, molto gioco di squadra e circolazione di palla. Non è uno contro uno com’ero abituato, questa è la differenza più grande che ho notato (l’ultima stagione l’americano era in Ungheria ndr). ML: nonostante la sconfitta hai giocato una grande gara (29 pt finali per lui). Le tue impressioni sull’ABF. AJ: sapevamo che era una ottima squadra e che sarebbe stata una sfida all’ultimo canestro. Abbiamo fatto un grande primo quarto, poi loro sono venuti fuori anche grazie ad un grande pubblico che li supportava. Dobbiamo migliorare la nostra fase difensiva.    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy