Missione compiuta: Treviglio ci mette il cuore e conquista i meritati playoff

Missione compiuta: Treviglio ci mette il cuore e conquista i meritati playoff

Commenta per primo!

Missione compiuta: la Remer Treviglio del presidente Testa porta a termine la propria missione, conquista i due punti e stacca il biglietto per i playoff vincendo una partita impegnativa contro la Bakery Piacenza (81-68): un match complicato in cui gli emiliani hanno conteso la vittoria ai bergamaschi per 30’ in cui i ragazzi di Vertemati hanno avuto qualche patema di troppo davanti a una formazione desiderosa di chiudere in bellezza una stagione da dimenticare ma che nell’ultimo quarto è riuscita ad avere la meglio dando libero sfogo al proprio gioco fatto di velocità in attacco e di una difesa forte trovando punti importanti da Carnovali e Sabatini, facendo esplodere la gioia del pubblico del PalaFacchetti e soprattutto raggiungendo un risultato ampiamente meritato per la grande stagione che i “Vertemati boys” hanno portato avanti sino a questo momento.

Privo dell’infortunato Kyzlink, Vertemati schiera per la palla a due Marino in regia, Sabatini e Carnovali sugli esterni, Gaspardo e Rossi sotto canestro; dall’altra parte coach Sodini opta per Gasparin in regia, Galli e Stefanini sugli esterni, Sorokas e Intante sotto canestro.

Il primo canestro del match è di Infante che porta avanti gli emiliani con un tap in da rimbalzo offensivo, ma la Remer vuole subito mettere in chiaro le sue intenzioni e in poco meno di 3’ piazza un parziale di 11-0 con 8 punti di un infuocato Carnovali (2/2 da 3 punti e penetrazione vincente) e la tripla frontale di Gaspardo che costringono Sodini a chiamare il primo time out del match con 6’27’’ sul cronometro; la Bakery prova a reagire con Sorokas e Infante a fronte però di una formazione di casa che non accenna a voler rallentare e continua a colpire con Rossi da sotto canestro e con un’altra tripla di Carnovali che firma il +10 (16-6) di metà quarto. La giovane ala lituana degli ospiti lancia la riscossa dei biancorossi con un parziale di 5-0 (gioco da tre punti e contropiede vincente) che li riporta sotto nel punteggio e spinge Vertemati al primo time out per i bergamaschi; la partita è molto più equilibrata con da una parte Piacenza che trova punti solamente con la coppia di lunghi Infante-Sorokas (12 per l’italiano, 7 per il lituano dopo 10’ di gioco) mentre dall’altra parte Treviglio trova forze fresche dalla panchina con Slanina a mettere quei punti che permettono alla Remer di mantenere gli avversari a distanza e chiudere il quarto avanti 26-19.

Al rientro sul parquet Infante continua a dimostrarsi un rompicapo per la difesa trevigliese che subisce altri 4 punti da parte dell’ex Bari arrivando fino al -3 (26-23), prima che Marino dia un po’ di fiato ai biancoblu con una tripla delle sue in una prima parte di quarto in cui l’attacco dei padroni di casa non riesce a trovare quei canestri facili che arrivavano nei primi 5’ di gioco a fronte di una difesa biancorossa aggressiva; Piacenza trova finalmente soluzioni offensive diverse dal gioco sotto canestro grazie ai 4 punti di Stefanini con Treviglio che, nonostante qualche tripla sbagliata di troppo, riesce comunque abbastanza agevolmente a tenere a bada gli avversari con la bomba di Sabatini e il contropiede vincente di Gaspardo che ricacciano gli emiliani a -9 (36-27) a 4’17’’ dall’intervallo. Sono sempre Sorokas e Infante (costretto però a sedersi in panchina a 3’ dalla sirena in quanto già a quota 3 falli), con l’aggiunta della tripla dall’angolo di Rossetti contro la zona trevigliese e del canestro dalla media del giovane Mazzocchi, a colpire per gli emiliani che vogliono onorare al meglio l’ultimo match della stagione mentre la Remer, sempre un po’ troppo imprecisa al tiro e in difficoltà in difesa sui lunghi avversari, riesce a conservare il vantaggio grazie a Gaspardo e Sabatini e ai liberi di Marino e Slanina e va negli spogliatoi avanti di 6 lunghezze (44-38).

La Remer rientra con decisione sul parquet con Sabatini che riapre le danze con due serpentine in penetrazione conclusa con un sottomano che fanno urlare di meraviglia il pubblico del PalaFacchetti, mentre Piacenza fatica in questi primi minuti e ritrova il feeling con il canestro dopo quasi 3’ (e un time out chiamato da Sodini) grazie ai canestri di Galli e Gasparin; seguono diversi errori al tiro da entrambe le parti con Treviglio che si riporta sulla doppia cifra di vantaggio (52-42 a metà quarto) con il piazzato di Marino e una nuova penetrazione dello scatenato Sabatini. Carnovali torna a segnare da dietro l’arco dopo i fuochi d’artificio del primo quarto ma la Remer è ancora un po’ troppo disattenta in difesa e subisce i 4 punti di Infante e il piazzato di Galli che spingono Vertemati a chiamare time out con 3’23’’ sul cronometro; la Bakery è attenta in difesa ed efficace in attacco e con caparbietà si porta sul -3 (59-56) che chiude il terzo quarto grazie ai canestri di Sorokas e Stefanini a fronte di una BluBasket che, nonostante Sabatini (8 punti per lui nel terzo parziale) e Gaspardo muovano il punteggio dei biancoblu, è troppo imprecisa e talvolta sfortunata al tiro, situazione che crea un po’ di confusione e nervosismo nella testa dei giocatori di casa.

L’ultimo quarto si apre con il pareggio degli emiliani grazie al gioco da tre punti di Stefanini (59-59) con Treviglio che, dopo 2’ di retine bianche, rimette il naso avanti con il tap in di Rossi dopo lo 0/2 ai liberi di Gaspardo; il pubblico del PalaFacchetti incita a piena voce i ragazzi di Vertemati che tirano fuori le unghie e rispondono alla tripla di Sorokas con la bomba di Turel e il piazzato di Carnovali che portano i biancoblu sul +4 (66-62) e spingono Sodini al time out con poco più di 6’ da giocare e la partita ancora in bilico. Galli trova una magia dalla media distanza (66-64), risponde Rossi di forza da sotto (68-64), Stefanini fa 2/2 ai liberi (68-66) ma è ancora Carnovali a far cantare i tifosi bergamaschi con l’ennesima tripla del suo match (71-66) a cui seguono due ottime difese della Remer ma altrettanti errori in attacco; Gasparini va a segno in penetrazione (71-68) ma “il cecchino di Melzo” è implacabile e colpisce ancora da dietro l’arco (74-68) con Treviglio che gestisce bene i due possessi offensivi consecutivi che seguono e sferra un colpo pesantissimo con la tripla frontale di Marino a 1’42’’ dal termine che spinge Sodini al time out sul +9 BluBasket (77-68). Al rientro recupero difensivo di Gaspardo che nell’azione successiva strappa alla difesa emiliana un rimbalzo offensivo importantissimo e segna da sotto (79-68): è il colpo decisivo per una Piacenza che ora barcolla, perde palla nell’azione successiva per una grande difesa dei bergamaschi e subisce il colpo del k.o. con il piazzato di Marino che con 30’ da giocare permette alla Remer Treviglio di portare a casa la partita (81-68) e soprattutto di strappare un biglietto per i playoff storico che fa esplodere di gioia il pubblico del PalaFacchetti e i giocatori in campo.

La palma di MVP va a pari merito a Gherardo Sabatini (grandissima prova, soprattutto nel terzo quarto, per il play bolognese che chiude con 17 punti, 5 rimbalzi, 3 assist e 3 palle recuperate) e Tommaso Carnovali (top scorer con 22 punti, 4 rimbalzi, 4 assist e 6/15 da 3 punti, decisivo nell’ultimo parziale); ottime prestazioni anche da parte del capitano Lele Rossi (8 punti, 11 rimbalzi e tanta leadership nei minuti del sorpasso emiliano), Gaspardo (12 punti, 8 rimbalzi) e Marino (11 punti e la bellezza di 9 assist).

Dall’altra parte non bastano le buone prove di Infante (22 punti, 5 rimbalzi), Sorokas (16 punti, 5 rimbalzi) e Stefanini (13 punti, 4 rimbalzi).

Remer Treviglio 81–68 Bakery Piacenza (parziali: 26-19, 44-38, 59-56)

Remer Treviglio: Sabatini 17, Marusic, Slanina 8, Pasqualin n.e., Gaspardo 12, Marino 11, Beretta n.e., Carnovali 22, Rossi 8, Turel 3. All. Vertemati

Bakery Piacenza: Galli 8, Sebastiani n.e., Stefanini 13, Sorokas 16, Gasparin 4, Ziotti n.e., Di Giorgio n.e., Rossetti 3, Mazzocchi 2, Infante 22. All. Sodini

StatisticheTreviglio: 18/36 da 2, 12/32 da 3, 30/68 totale, 9/17 ai liberi; Piacenza: 23/43 da 2, 2/21 da 3, 25/64 totale, 16/20 ai liberi.

Arbitri dell’incontro: Enrico Boscolo di Chioggia (VE), Pasquale Pecorella di Trani (BT) e Giacomo Dori di Mirano (VE)

Fotogallery a cura di Luca Conti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy