Nessuna nuova da Imola: battuti anche gli Stings

Nessuna nuova da Imola: battuti anche gli Stings

Due conferme arrivano da questa gara: la crisi degli Stings, che perdono l’ottava gara su nove, e la bontà dello spartito della squadra imolese, che vince ancora una volta in casa e dà a coach Cavina la reazione auspicata. La Dinamica resta in gioco solo i primi due minuti, poi subisce il parziale da cui non si riprende

di Alberto Dalmonte

Andrea Costa Imola Basket – Dinamica Generale Mantova 86-64 (24-10, 20-18, 23-17, 19-19)
Andrea Costa Imola Basket: Davide Alviti 19 (5/6, 1/4), Jeremiah Wilson 17 (4/6, 3/7), David Bell 16 (0/3, 4/10), Lorenzo Penna 11 (2/3, 1/2), Giovanni Gasparin 8 (2/4, 1/2), Davide Toffali 7 (2/2, 1/1), Michele Maggioli 6 (3/5, 0/1), Alessandro Simioni 2 (1/4, 0/1), Patricio Prato 0 (0/0, 0/1), Massimilian Cai 0 (0/0, 0/0), Matteo Turrini 0 (0/0, 0/0), Tommaso Rossi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 18 – Rimbalzi: 33 8 + 25 (Jeremiah Wilson 7) – Assist: 20 (Alessandro Simioni 6)
Dinamica Generale Mantova: Alex Legion 17 (5/9, 1/5), Francesco Candussi 13 (5/9, 1/5), Bobby Jones 6 (3/4, 0/4), Riccardo Moraschini 6 (2/5, 0/4), Nicola Mei 6 (0/0, 2/5), Luca Vencato 5 (1/1, 0/2), Valerio Cucci 4 (2/2, 0/3), Matteo Ferrara 4 (2/2, 0/0), Marco Timperi 3 (1/3, 0/1), Daniele Costanzelli 0 (0/0, 0/0), Andrea Albertini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 13 – Rimbalzi: 35 12 + 23 (Bobby Jones 12) – Assist: 10 (Bobby Jones 3)

Mantova, reduce da 7 sconfitte nelle ultime 8 gare, schiera Legion Vencato B.Jones Moraschini Candussi.
Imola, a cui Cavina chiede una reazione dopo i due passi falsi in trasferta, inizia con Penna Gasparin Alviti Wilson Simioni. L’inizio è di marca ospite, con Candussi e Legion che si portano sul 5-2. E’ il primo e ultimo vantaggio degli Stings, che vengono raggiunti col gioco da 3 di Penna, poi superati con un contropiede spettacolare gestito da Penna e finalizzato da Alviti con la schiacciata da top ten: 7-5 dopo 3’20”. I meccanismi di Mantova si inceppano, con diverse palle perse ed errori marchiani al tiro, ma il peggio deve ancora arrivare, sotto le sembianze di David Bell, che vanifica il time out di coach Lamma dopo i 4 punti segnati da Wilson e Penna: 3 bombe a ripetizione, intervallate dai canestri di Candussi, Maggioli e Timperi: 22-10. Toffali entra e segna anche lui con un long-two. 24-10 dopo i primi 10′, con Imola che suona il suo spartito preferito, suggellato da un 10/18 dal campo contro il 4/14 ospite. C’è Mei per Mantova, ma il primo a sbloccare il quarto è Maggioli, 26-10, che non contento replica, sempre su un impotente Cucci. Jones e Wilson giocano bene sotto i rispettivi tabelloni e firmano il 30-12. Cucci infila dal ‘quasi’ arco, 30-14, seguito da Legion, 30-16. E’ un momento di ‘sospensione’ in campo per l’Andrea Costa, e Cavina chiama la sospensione in panca, perchè la Dinamica Generale ha infilato 3 canestri consecutivi e andrà in lunetta Jones con l’aggiuntivo; non va, ma il rimbalzo è di Cucci e Moraschini trasforma da 2. Ci pensa allora Alviti, da 3, 33-20, e subito dopo Wilson, 36-20. La primavera mantovana è durata un paio di minuti, poi è ricominciata la grandine. Il vantaggio di casa si dilata, 37-22 firmato Penna, ma non è finita: Wilson riceve un pallone perfetto da Bell (applausi del Ruggi per l’americano) e infila la sua seconda tripla, 40-24. Alviti fa 2/2 in lunetta e firma il +18. Accorcia dalla lunetta legion, ma Wilson, infastidito per i due falli assegnatigli, inchioda di rabbia la schiacciata del 44-26, a -40″. E’ di Vencato l’ultimo centro, e sul 44-28 finisce il primo tempo. All’intervallo, Imola conserva un ottima percentuale dal campo, 17/30, mentre subisce a rimbalzo. Negativa la prova balistica dei lombardi, 10/32, e le 6 palle perse.
Secondo tempo: Alviti e Candussi vanno a segno da 2, 46-30, poi Legion fa 32. Momento di confusione in casa biancorossa, e Candussi ne approfitta con una bomba che porta a -11 i suoi. Palla persa sull’asse Penna-Gas, entra Toffali, ma è Wilson a segnare da 3, e adesso è la Dinamica Generale a perdere palla in attacco. Toffali si guadagna il suo quarto d’ora di successo, prima bevendosi Bobby Jones in reverse e subito dopo firmando la tripla dalla punta: 54-35 che costringe Lamma ad un nuovo time out. Il Ruggi gradisce e canta. Candussi ci crede, ma Simioni non è da meno, 56-37. Bell si iscrive alla lotteria dei liberi con 2/2, e porta il vantaggio a +21. Lo stesso Bell centra la quarta bomba di serata, 61-37. Cucci fa 39, poi sfugge la palla a Bell, ma ‘cavallerescamente’ lo imita Mei che riceve una pallaccia da Vencato. Ancora Candussi a sbloccare i suoi, 61-41, ma il +22 arriva dalla lunetta con Penna: 63-41 a -100”, rimarcato da Alviti, a -5”, 67-45.
Ultimo quarto. Sette punti Stings nei primi 2′, ma Alviti e Gasparin tengono gli ospiti a distanza, 71-51.Legion porta i suoi a -18, e Jones a -16: 74-58 a metà quarto. Il caldo e gli alti ritmi consigliano a Cavina diversi cambi, ma la costante è che Bell continua a subire falli e dalla lunetta non sbaglia: 76-58. Bravo Moraschini a segnare il jumper, poi bissato da Ferrara in contropiede. Sul 76-62 Cavina ferma i giochi: mancano ancora 3’25”. Si torna a giocare, o meglio a sbagliare, da ambo le parti, fino a che ‘il solito’ Alviti ne trova 2 facili facili. Altri 2 li segna Wilson, che sale a quota 17 quando inizia l’ultimo minuto. Gasparin fa 2+1, l’Andrea Costa torna a +21; Legion sena 2 liberi, ma anche gli ultimi 3 punti sono di Gas Gas che fissa il finale, 86-64.
Doppia cifra in casa imolese per Alviti Bell e Penna, oltre al citato Wilson. Solo Legion e Candussi per gli Stings, mentre Jones cattura 12 rimbalzi. Spiraglio ancora aperto per i play off in casa imolese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy