OF G5 – Chillo on fire, Treviso batte Trapani e vola ai quarti

OF G5 – Chillo on fire, Treviso batte Trapani e vola ai quarti

Con uno straripante terzo periodo la De’ Longhi si aggiudica il tie break, a Trapani non bastano i soliti Clarke e Renzi per la corsarata al Palaverde.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – 2B CONTROL TRAPANI 90-66 (19-17, 33-31, 66-50)

TREVISO BASKET: Tessitori 9 (3/5, 0/1), Logan 24 (6/7, 2/6), Burnett (0/2, 0/5), Sarto, Alviti 13 (3/4, 2/6), Saladini, Barbante (0/1 da 2), Imbrò 18 (3/6, 3/6), Chillo 8 (4/4 da 2), Uglietti 6 (3/6, 0/1), Severini 9 (1/2, 2/5), Lombardi 3 (0/1, 1/2).

TRAPANI: Renzi 11 (2/5, 2/4), Artioli 2, Miaschi 10 (4/5, 0/5), Czumbel 8 (1/1, 2/3), Clarke 18 (2/2, 4/8), Mollura (0/1 da 3), Marulli 6 (0/1, 2/5), Nwohuocha (0/2 da 2), Ayers 1 (0/1, 0/2), Pullazi 10 (1/2, 2/6).

NOTE: pq 19-17, sq 33-31, tq 66-50. Tiri Liberi: Treviso 14/23, Trapani 10/14. Rimbalzi: Treviso 41 (Alviti 3+8), Trapani 28 (Renzi 6). Assist: Treviso 19 (Imbrò 5), Trapani 10 (Clarke 6).

Gara senza domani. Doveva essere la serie più scontata del tabellone playoff: la seconda dell’Est e testa di serie assoluta, contro la nona dell’Ovest. Appunto, doveva, invece si è trasformata in una serie assai avvincente dove Trapani ha saputo difendere ottimamente il fattore campo del PalaConad, così da ritornare a Villorba per gara 5. Stasera gli schemi e la carta serviranno a poco, vincerà chi avrà più voglia e sicuramente la De’ Longhi è quella che ha più da perdere. Il match non disattende le elevate aspettative della vigilia e dopo un primo tempo all’insegna della parità, il terzo periodo porta con sè la chiave di questa gara 5, Treviso rientra decisa e piazza il parziale decisivo a suon di triple, le stesse triple che, con percentuali ondivaghe l’avevano condannata in sicilia. La 2B non regge la spallata e precipita prima a -16 e poi in apertura di ultima frazione a -21, da qui TVB controlla con intelligenza e si aggiudica la battaglia per 90-66. La De’ Longhi passa il turno ma trema, trema fortemente ma forse quello che non uccide fortifica e con una nuova maturità sabato affronetrà gara 1 dei quarti. A Trapani vanni grandi applausi e l’onore delle armi per aver messo seriamente in difficoltà la favorita numero uno alla promozione.

PRIMO PERIODO: lo starting five di coach Menetti è quello classico formato da Logan, Imbrò, Burnett, Lombardi e Tessitori, e anche coach Parente non cambia i suoi soliti cinque partendo con Clarke, Miaschi, Ayers, Pullazi e Renzi. Il Palaverde si dimostra decisamente più caldo rispetto alle prime due gare. Parte bene la 2B grazie alle ottime incursione di Clarke, mentre TVB continua ad insistere con le conclusioni da oltre l’arco a fortune alterne, ciò che invece si rivede è la menettiana difesa che costringe gli ospiti a due infrazioni di 24 secondi nei primi 5 minuti (9-7, 5:00). Il coach biancoceleste decide di giocare più agile e sostituisce Tessitori con Chillo che porta più dinamismo in campo ed è anche grazie a lui che Treviso firma un parziale di -1 che costringe Parente al time out (13-8, 3:50). Al rientro dal time out è tripla immediata del solito Renzi, è un botta e risposta continuo con il pubblico più caldo dell’intera stagione, capendo fino in fondo l’importanza di questa partita. Il quarto prosegue sui binari della parità, come ogni gara 5 che si rispetti e termina 19-17 per Treviso, con l’ultimo canestro di Alviti.

SECONDO PERIODO: l’inizio di seconda frazione è il tipico esempio di una gara di playoff: difese dure, conclusione errate, tensione palpabile e parziale di 2-2 dopo 4 minuti, al quale fanno seguito i due liberi realizzati da Logan. Trapani ci crede sul serio e in due minuti e mezzo scarsi fa registrare un 5-0 grazie a Clarke e Miaschi che obbliga laa panchina trevigiana al time out discrezionale (23-24, 3:45). La De’ Longhi prova a rispondere e a rilanciare con una tripla di Imbrò, ma la 2B è una squadra in fiducia e sulle ali di Pullazi e Miaschi risponde colpo su colpo a una Treviso decisamente nervosa; sul 30-31, a 1:30 dalla pausa lunga, Menetti non ci pensa due volte a chiedere il secondo minuto di sospensione. Le squadre in campo sono contratte, come dimostra il basso punteggio, alla seconda sirena il tabellone dice 33-31 De’ Longhi, ma l’inerzia è in mano ai siciliani.

TERZO PERIODO: dopo il botta e risposta dei primi due minuti la squadra della Marca mette a segno un 5-0 grazie ai canestri di Imbrò e Logan che portano Parente a chiamare time out (44-39, 6:40). Al rientro ci pensa subito Clarke con la tripla a ristabilire l’ordine, ma poi lo stesso numero 15 si f fischiare un fallo tecnico che scatena definitivamente il Palaverde, mai stato così caldo, e lancia treviso al +9 (53-44, 5:00). Gli animi sono tesissimi e si vede anche qualche storia tesa tra Chillo e Mollura, entrambe le squadre non ci stanno a perdere, ma TVB riesce a giocare il terzo quarto sempre mancato in sicilia e grazie alle triple che ora entrano con continuità riesce a portare il proprio vantaggio in doppia cifra e chiudre la terza frazione sul +16, 66-50.

QUARTO PERIODO: la De’ Longhi parte con la faccia giusta nell’ultimo quarto, consapevole di avere l’inerzia in mano ora, e lay up in contopiede di Logan firma il nuovo massimo vantaggio a quota +21, con la panchina granata a chiamare time out e il tifo biancoceleste ad esultare (73-52, 7:00). Al rientro la musica non cambia, i padroni di casa mantengono saldamente le redini della contesa tenendo il vantaggio sempre tra il +18 e il +21, la 2B sembra ormai alzare bandiera bianca e Menette regala gli ultimi due minuti ai suoi under. Vince la De’ Longhi, 90-66, e si aggiudica il passaggio di turno ai quarti soffrendo, e non poco, a Trapani gli onori delle armi che vende cara la palle grazie ad una serie ben preparata da coach Parente e dal suo staff.

MVP BASKETINSIDE: David Logan 24 punti, 6 falli subiti, 2 2 recuperi, 2 assist, 25 di valutazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy