Patti batte Trapani in volata. Il primo posto dei granata è a rischio.

Patti batte Trapani in volata. Il primo posto dei granata è a rischio.

Commenta per primo!

TRAPANI. Se nell’orizzonte salvifico di Patti, il successo a Trapani rappresentava un crocevia fondamentale, il quintetto del coach Pippo Sidoti ha interpretato come meglio non avrebbe potuto questi quaranta minuti. Perché nella vittoria della sua truppa, c’è tanta voglia di guerreggiare e spendere l’ultimo rivolo di energia; ma ci sono anche sagacia, pazienza e tecnica.

Trapani, dal suo canto, ha giocato una partita complicata, in salita. Al contrario di come accaduto altre volte, però, non è riuscita a sfangarla, perché non ha gestito al meglio né i possessi decisivi, né i momenti in cui pareva riuscisse a portare l’inerzia dalla propria parte. Complice, probabilmente, una contrattura di Guarino, che ha fatto il "suo" egregiamente ma non ha potuto gestire con lucidità i ritmi della partita. Dall’altro lato, Tindaro Gullo, Fabi e Sereni sono stati i primattori di una vittoria conquistata con un pizzico di fortuna ma, va ribadito, con pieno merito. La sequenza dei vantaggi di Patti è stata costante, con il primo quarto dominato e il secondo a subire il ritorno di Trapani (il primo pari è al 15’, 25-25). Dopo l’intervallo più lungo, nonostante una fluidità offensiva lontana da quella ottimale, Trapani dà la sensazione di poter svoltare e si guadagna il primo vantaggio (38-36). Ma gli ospiti sono bravissimi a non disunirsi e a rimanere lucidi, trovando spesso soluzioni in attacco tutt’altro che casuali. Così, passato il momento più difficile, Patti insiste nell’idea di mettere pressione sugli uomini del perimetro e concede solo a Bisconti una certa libertà nell’area colorata. Il finale è da corrida, con il Palailio che diventa una bolgia ma il testa a testa premia gli ospiti che reggono al possesso decisivo di Trapani sul 74-75. Palla persa dai granata, recupero immediato, tiro di Svoboda sul ferro, fallo su Sereni, 0/2 dalla lunetta e l’ultima “preghiera” di Santarossa che si infrange sul ferro. Ma che non fa spegnere la speranza granata di agguantare il primo posto.

 


Basket Trapani-Ascom Patti 74-75 (12-25; 34-36; 58-62)
Trapani: Guarino 16 (2/2, 1/2), Evangelisti 18 (1/5, 3/4), Cappanni (0/2, 0/1), Cantagalli 4 (2/2, 0/1), Bisconti 23 (9/10), Tardito 2 (1/2), Santarossa 6 (3/10, 0/3), Svoboda 5 (1/5, 1/4), Picchianti, Mollura ne, All. Benedetto.
Patti: Fabi 14 (2/7, 2/5), Gullo T. 24 (2/3, 3/10), Sereni 14 (2/5, 3/5), Riva 10 (5/5), Ancellotti 2 (1/5), Contaldo 4 (2/4), Mori 4 (1/2), Busco 3 (1/3), Bolletta, Gullo A. ne. All. Sidoti.
Arbitri: Pecorella di Bari e Paglialunga di Taranto.
Note: Tiri liberi: Trapani 21/24, Patti 19/25. Tiri da tre punti: Trapani 5/15, Patti 8/20. Usciti per 5 falli: Contaldo. Spettatori: 3000 circa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy