Piacenza amara per Verona, s’impone l’Assigeco

Piacenza amara per Verona, s’impone l’Assigeco

Oltre alla confermata assenza di Mattia Udom, coach Dalmonte ha dovuto rinunciare anche a Terry Henderson.

di La Redazione

La Tezenis Verona non trova il successo nella trasferta di Piacenza contro l’Assigeco. La formazione gialloblù esce sconfitta dal PalaBanca per 72-59
Oltre alla confermata assenza di Mattia Udom, coach Dalmonte ha dovuto rinunciare anche a Terry Henderson per il problema alla schiena che già nella partita contro Imola l’aveva costretto ad uscire dal campo dopo 3 minuti di gioco. Dalmonte, opta per il quintetto composto da Amato, Severini, Dieng, Poletti e Candussi.
Poletti apre il match con 8 punti consecutivi (2 triple e un canestro in reverse per il 2-8) mentre Piacenza si affida a Sabatini e Formenti che firma dalla lunga distanza il pareggio sull’8-8. Mitch continua a pungere su ottimo assist di Amato (8-10) ma l’Assigeco torna a mettere il naso avanti con Formenti, ancora dalla lunga distanza. Verona dimostra concentrazione e presenza mentre Piacenza abbassa le proprie percentuali al tiro. Lo sfondamento di Formenti su Amato regala ai gialloblù un nuovo possesso, capitalizzato da Candussi per il 14-20 con Ceccarelli costretto al time out. Negli ultimi due minuti di gioco l’andamento non cambia, si chiude sul 16-21.
Amato infiamma subito la retina nel secondo quarto (16-24); Piacenza alza il ritmo in difesa e piazza il break partendo dalla propria peculiarità ovvero le palle rubate. Il canestro di Quarisa fa da intermezzo nel momento dell’Assigeco che con Ihedioha si riporta a -1 in contropiede schiacciando il 25-26. C’è spazio per un semi gancio di Poletti, ma Piacenza riesce a scappare. Murry recupera palla e scappa in contropiede, Ihedioha deposita da sotto su assist di Sabatini e nell’ultimo possesso del quarto, il tiro di Severini si spegne sul ferro: risultato di 34-30.
I primi quattro minuti del terzo periodo rimettono subito in corsa la Tezenis. Il buon impatto di Dieng (canestro, rimbalzo, palla recuperata) seguito dalle incursioni di Severini e Candussi portano gialloblù ad un possesso di distanza (38-36). Murry e Ogide sbattono contro la difesca scaligera, mentre Ferguson mette un assist perfetto per Candussi che schiaccia il 38 pari.
Piacenza prova a scappare ancora: due triple (Ogide e Ihedioha) portano sul +6 i padroni di casa (46-40) con il penultimo periodo che si chiude sul 50-42.
I primi minuti dell’ultimo quarto confermano il vantaggio di Piacenza. La tripla di Murry dà nuova linfa ai ragazzi di coach Ceccarelli con Dalmonte costretto al time out (60-49). Al rientro in campo Amato va subito a segno (60-52) ma la rincorsa è durissima. A 3:26 dal termine, l’incomprensione tra Candussi e Poletti regala il pallone all’Assigeco che spreca il possesso e nell’altra metà del campo, Candussi fa 1/2 dalla lunetta (64-57). Ihedioha e Formenti costruiscono l’ultimo break (69-57), si chiude il match sul 72-59.

Assigeco Piacenza – Tezenis Verona 72-59 (16-21, 18-9, 16-12, 22-17)
Assigeco Piacenza: Francesco ikechukwu Ihedioha 21 (7/9, 2/2), Toure’ Murry 15 (5/13, 1/4), Matteo Formenti 13 (2/4, 3/5), Gherardo Sabatini 13 (2/3, 3/8), Andy Ogide 8 (2/3, 1/4), Nikolay Vangelov 2 (1/1, 0/0), Michele Antelli 0 (0/1, 0/1), Matteo Piccoli 0 (0/0, 0/2), Lorenzo Turini 0 (0/0, 0/0), Fabio Montanari 0 (0/0, 0/0), Matteo Graziani 0 (0/0, 0/0), Modou Diouf 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 6 – Rimbalzi: 31 8 + 23 (Toure’ Murry, Andy Ogide 8) – Assist: 18 (Gherardo Sabatini 6)
Tezenis Verona: Mitchell Poletti 20 (6/7, 2/5), Francesco Candussi 15 (7/9, 0/3), Andrea Amato 10 (2/3, 2/4), Jazzmarr Ferguson 4 (2/5, 0/2), Giovanni Severini 3 (1/3, 0/4), Iris Ikangi 3 (0/1, 1/3), Omar Dieng 2 (1/2, 0/2), Andrea Quarisa 2 (1/1, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0), Terry Henderson 0 (0/0, 0/0), Mirco Cacciatori 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 6 – Rimbalzi: 22 2 + 20 (Jazzmarr Ferguson 5) – Assist: 17 (Jazzmarr Ferguson 5)

FONTE: Uff. Stampa Scaligera Basket Verona

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy