Powell mattatore, Treviso asfalta Matera

Powell mattatore, Treviso asfalta Matera

Commenta per primo!

DE’ LONGHI TREVISO – BAWER MATERA 83-66

De’ Longhi Treviso: Abbott 6 (0/4, 2/6), Moretti 15 (0/2, 5/6), De Zardo (0/1 da tre), Malbasa 6 (3/7), Fabi ne, Busetto (0/1, 0/1), Fantinelli 9 (4/5, 0/2), Powell 23 (11/15), Rinaldi 6 (3/7, 0/1), Negri 10 (2/3, 1/3), Ancellotti 8 (4/7). All: Pillastrini

Bawer Matera: Chase 16 (3/4, 3/6), Mastrangelo 7 (0/2, 2/5), Corral 17 (8/11), Okoye 11 (3/10, 0/4), Cantagalli 5 (0/3, 0/1), Rugolo 4 (0/2, 0/2), Santarsia ne, Bertocco 3 (1/2 da tre), Loperfido, Zaharie 3 (0/2, 1/2). All: Gresta

Arbitri: Rudellat, Callea, Martellosio

Note: Spettatori 4.908; Tiri da due: Treviso 27/51, Matera 14/34; Tiri da tre: Treviso 8/20, Matera 7/22; Tiri liberi: Treviso 5/9, Matera 17/23; Rimbalzi: Treviso 16+33 (Rinaldi 5+8), Matera 6+21 (Okoye 3+5); Assist: Treviso 21 (Fantinelli 7), Matera 8 (Okoye e Cantagalli 3); Palle perse: Treviso 18 (Abbott 4), Matera 17 (Cantagalli 4); Palle recuperate: Treviso 10 (Powell, Rinaldi e Negri 2), Matera 8 (Cantagalli 3); Usciti per 5 falli: nessuno

Il PalaVerde riapre le porte per ospitare il fanalino di coda Matera. Nelle file dei lucani si segnala l’esperto giramondo Brian Chase (16 squadre in 11 anni di professionismo, due anni fa in lega A a Cremona). Per Treviso, diversamente dalle aspettative, a referto anche Augustin Fabi, ancora afflitto da problemi fisici.

1° quarto: Un minuto e mezzo è sufficiente per il primo highlight: Fantinelli lanciato in contropiede per Powell che schiaccia (4-2 a 8’33”). Treviso cerca con insistenza i suoi lunghi (con alterno successo) mentre Matera si affida alla costruzione dalle mani di Chase. Nemmeno metà tempo e Gresta si becca la ramanzina degli arbitri per proteste (in parte fondate). Fantinelli in versione polipo intercetta un pallone che Abbott converte nella tripla del sorpasso Treviso, dopo qualche buona soluzione ragionata degli ospiti (12-11 a 4”22″). In uscita dal timeout Treviso cambia 3 giocatori dando spazio a Negri, Rinaldi e Moretti per Malbasa, Powell e Fantinelli, ma sono i due rimasti del quintetto base che realizzano: Abott serve una palla che non può essere sbagliata ad Ancellotti che realizza dopo un inizio di partita incerto. La DeLonghi paga un po’ la buona vena offensiva degli ospiti, ma si riscatta con intercetti e buon e percentuali offensive. A meno di due minuti dal termine il minibreak è firmato da Moretti e Rinaldi con due soluzioni dalla distanza consecutive (20-15). Gresta abbassa il quintetto togliendo Corral e Treviso punisce subito con Moretti che alza per la schiacciata la volo di Ancellotti. Perde coesione la Bawer e si becca anche la tripla di Abbott che fissa il finale di quarto sul 25-15.

2° quarto:  Matera inizia con un quintetto ancora basso, prova ad approfittarne Treviso che trova però i punti dalla distanza con Negri prima e poi con Moretti. Allunga ancora Treviso con Powell (32-15 a 7’04”). Ci prova Matera a rientrare, ma Treviso è presente in ogni parte del campo e bombarda la retina ospite: Negri con una tripla e una realizzazione al volo firma il +21 con 5′ da giocare (39-18). Segnali di vita lucani con una bomba di Chase, Treviso sembra però inarrestabile: Powell si beve Corral e in terzo tempo  inchioda a una mano. matera fatica molto a costruire e trova in Corral un po’ di linfa vitale, Treviso invece gioca con scioltezza permettendosi anche di tentare un po’ di spettacolo: i canestri arrivano comunque facili, come le triple di Moretti del 46-27 del 49-28. Quarto che si conclude sul 49-28, Treviso in assoluto controllo. 12 di Moretti, 11 di Corral. DeLonghi con un eloquente 64% da tre (7/11) e una supremazia in tutte le altre statistiche.

3° quarto: Pillastrini ripropone il quintetto iniziale con Malbasa, poco incisivo nella prima metà di gara. Subito showtime: palombella di Rinaldi per Powell che inchioda. Incrementa Fantinelli in penetrazione e successivamente su un contropiede poco fluido. Buon momento di Rinaldi che intercetta un passaggio e nella azione che ne nasce realizza dall’arco. Il canestro di Malbasa a 7′ dal termine segna il +25 (59-34). Treviso scioltissima, trova punti con facilità e può permettersi anche uno schiaccione in “quarto tempo” di Abbott (ovviamente annullato dagli arbitri). Con 3′ sul cronometro sono ancora 25 i punti di vantaggio (68-43). Ottavo minuto: Powell stoppa, Moretti recupera e serve il passaggio di ritorno a Powell che schiaccia con prepotenza fornendo così il riassunto del momento trevigiano e della partita stessa. Finale di quarto 72-49.

4° quarto: Il solito Chase per Matera riesce ad incrementare il paniere, ma il distacco resta importante (74-52). Momento prolungato di stasi che viene interrotto dalla quinta (5/5) bomba di Moretti (81-54 a 6′ dal termine). Al Palaverde parte la ola e sul sempreverde sfottò contro la città felsinea in campo si vede una stoppatona di Negri è un contropiede di pregevole fattura non concretizzato da Malbasa. Con 3′ da giocare il vantagigo trevigiano è di 21 lunghezze e la DeLonghi prova a fare un po’ di “accademia” finalizzando pochino. La cronaca registra solo l’entrata di DeZardo e Busetto prima del risultato finale: 83-66. Powell 23, Moretti 15.

Partita decisamente a senso unico: Matera tiene botta meno di un quarto epresto deve arrendersi al maggior tasso tecnico dei padroni di casa che possono mettere sul parquet anche molti centimetri in più (49-27 i rimbalzi) e una panchina decisamente più lunga (31-10 i punti dalla panchina). Chase e Corral sono le uniche bocche da fuoco lucane, decisamente insufficienti per contrastare l’organizzazione e la duttilità degli uomini di Pillastrini. Treviso trova facili soluzioni sia dall’arco che sottocanestro giocando spesso in velocità e regalando al pubblico presente numerose schiacciate.

Fotogallery a cura di Thomas Barea

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy