QF G1 – Roseto è perfetta e sbanca Bologna con un superlativo Smith

QF G1 – Roseto è perfetta e sbanca Bologna con un superlativo Smith

La Virtus gioca un primo tempo orribile e concede agli Sharks di comandare per tutta la partita. Gli abruzzesi fanno saltare il fattore campo bolognese con una partita strepitosa.

Commenta per primo!

La Visitroseto.it Roseto sbanca il Paladozza, imponendosi con impressionante autorità per 81 a 92 sulla Segafredo Bologna, facendo saltare il fattore campo già in gara 1. Gli Sharks di fatto hanno dominato dalla palladue, sfruttando un’incomprensibile atteggiamento difensivo della Virtus, incapace di contenere ogni tipo di uno contro uno. Prestazioni superlative da parte di ogni interprete tra le fila abruzzese. In particolare, un devastante Smith (18 pt di cui 13 nei secondi 10′) ha spaccato la partita nel secondo quarto, mentre nel finale, quando le Vunere hanno tentato una disperata rimonta, ci hanno pensato le triple di Piazza e Amoroso a chiudere la sfida. Per quanto riguarda Bologna, da segnalare una prova davvero sconcertante dal punto di vista difensivo e ai tiri liberi (15 / 26). Ora, gli uomini di Ramagli dovranno concentrarsi su gara 2 di martedì in cui la pressione sarà certamente alle stelle.

MVP Basketinside.com: Adam Smith

Quintetti

Bologna: Spissu, Umeh, Rosselli, Ndoja, Lawson.

Roseto: Fultz, Smith, Casagrande, Amoroso, Sherrod.

Nella splendida atmosfera del Paladozza, si parte subito con un buon ritmo: Roseto trova buone soluzioni offensive con Fultz e Sherrod, e tutto sommato riesce a contenere l’attacco virtussino, limitato alle iniziative di Ndoja (7 – 8 al 6’). L’impatto di Casagrande e la zona ospite ingabbiano i bolognesi che comunque resistono, grazie a Umeh e Gentile, rimanendo a contatto sul 17 a 19 della prima sirena. Dopo un botta risposta tra Umeh e Smith, gli Sharks cominciano ad avere vita facile a rimbalzo offensivo: 23 a 33 al 16’ con ancora Smith protagonista. La Virtus prova a reagire trovando finalmente Lawson nel pitturato, ma un’inesistente concentrazione difensiva permette a Roseto di trovare canestri facili con Amoroso, Fultz e Smith (13 per lui nel secondo quarto), per un meritato 31 a 44 ospite all’intervallo. I bianconeri provano mettere maggiore fisicità con il solito Lawson; gli abruzzesi resistono in qualche modo con Smith e Sherrod e rimangono comunque a distanza di sicurezza sul 42 a 53 al 26’. Ora fa caldissimo al Paladozza: arrivano le triple di Ndoja e Spissu (55 – 58), ma poi la Virtus spreca numerose chance e Roseto, con 4 liberi filati, conserva un buon margine alla terza sirena, 55 a 62. Ora la partita è splendida: arrivano praticamente 7 bombe consecutive equamente distribuite tra le due squadre, con quella di Spissue che fa nuovamente – 5 (71 – 76), prima che Amoroso e Fultz ridiano 10 punti di gap agli ospiti (71 – 81 al 35’). Le Vunere tentano l’ultima rimonta, ma le percentuali ai liberi ed una pessima difesa sui back door le condannano definitivamente. Gara 1 è di Roseto, che si impone per 81 a 92.

Segafredo BolognaVisitroseto.it Roseto 81 – 92 (17 – 19; 31 – 44; 55 – 62)

Segafredo Bologna: Spissu 16, Umeh 6, Pajola NE, Spizzichini, Ndoja 12, Rosselli 7, Michelori 2, Oxilia NE, Gentile 13, Penna NE, Lawson 24, Bruttini 1. All. Ramagli.

Visitroseto.it Roseto: Smith 18, Cantarini NE, Piazza 8, Fultz 13, Radonjic 4, Fattori 4, Mei 7, Casagrande 6, Amoroso 18, Sherrod 15. All. Di Paolantonio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy