QF G3 – Ultimo quarto ruggente, Verona supera Treviglio

QF G3 – Ultimo quarto ruggente, Verona supera Treviglio

Nell’ultimo parziale la Tezenis segna 28 punti, scappa nel punteggio e si porta sul 2-1 nella serie

di Jacopo Burati

Tezenis Verona-Remer Teviglio 72-62 (15-14; 29-31; 44-49)

Con un quarto periodo micidiale (28-13), guidato da un Jazz Ferguson decisivo (11 punti sui 18 negli ultimi 10′), Verona supera Treviglio in gara-3 e si porta sul 2-1 nella serie.

Inizio tutt’altro che brillante per entrambe le squadre, con i canestri di Roberts e Severini a rompere la mediocrità di attacchi sottomessi dalle difese. Nikolic fa fuggire Treviglio col canestro pesante (7-3), Candussi e Poletti ricuciono per Verona (ancora senza capitan Amato infortunato): 7-7 dopo 5′. Le difese hanno qualche crepa sulle entrate di un Ferguson fin lì in difficoltà e sui fendenti di Reati. L’ultima parola è dell’americano di Verona che fissa il punteggio sul 15-14 dopo il primo quarto.

Treviglio più attiva a rimbalzo a inizio secondo periodo, ma è Udom a operare un piccolo strappo nel punteggio con i 5 punti consecutivi del 20-15. L’energia veronese a differenza di gara-2 è superiore agli avversari e Treviglio è in affanno con 1 punto nei primi 4′. Con altri 5 punti di Severini il parziale si estende a 10-0 (25-15) nonostante i problemi al tiro di Vujacic. Ma la Remer si rianima col tiro da tre e una difesa più fisica: Roberts, Pecchia e Palumbo compilano un contro 11-2 per il -1 (26-27), che diventa +2 Treviglio (31-29) al termine dei primi 20′ grazie alla tripla sulla sirena di uno strepitoso Palumbo.

Dopo l’intervallo, il flash firmato Vujacic-Candussi non spaventa Treviglio, brava e aggressiva in difesa e pronta in attacco ad azionare Nikolic per il +4 (38-34). La Remer ha anche i primi segni d’impatto di Caroti: un suo canestro e fallo ripropone il +4 (41-37) dopo la sfuriata sotto canestro di Poletti, che poco dopo si ripete con una tripla impossibile. Le percentuali delle squadre precipitano, la gara si sporca: Roberts e Borra hanno la forza di postare il +8 Treviglio (49-41) sfruttando la perdita di lucidità della Tezenis, che compila 1/6 ai liberi in tre viaggi in lunetta. Solo la tripla di Ferguson all’ultimo respiro mantiene le speranze gialloblu sul 49-44 Remer dopo 30′.

Verona prova a scrollarsi di dosso i timori e completa – a cavallo tra i due quarti – un 10-0 propiziato dai canestri di Candussi e Severini e culminato dalla schiacciata in campo aperto di Udom per il nuovo +2 gialloblu (51-49). La squadra di coach Vertemati tenta di restare a contatto, ma perde Nikolic (quinto fallo) e subisce la nuova mareggiata gialloblù guidata da Candussi e rifinita da Ikangi: 61-54 Tezenis a 5′ dalla sirena finale. La Remer si aggrappa alla vena di Palumbo, ma Verona cavalca un Ferguson di fuoco: 5 punti di fila dell’americano valgono il +11 (68-57) a 3′ dalla fine. E’ l’allungo decisivo, nonostante Tiberti e Caroti non smettano di lottare. Ferguson completa il capolavoro personale: Verona giocherà domenica per chiudere la serie.

Tabellini:

Verona: Ferguson 18, Severini 10, Vujacic 4, Poletti 10, Candussi 14, Ikangi 4, Udom 12, Quarisa.

Treviglio: Caroti 9, Pecchia 3, Roberts 14, Tiberti 3, Nikolic 7, Borra 5, Palumbo 15, D’Almeida 1, Reati 5.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy